Come l’ordine di Joe Biden potrebbe essere una cattiva notizia per TikTok

La scorsa estate, l’ex presidente Trump ha scelto TikTok come mascotte per le crescenti preoccupazioni degli Stati Uniti sulla Cina quando ha firmato una serie di ordini esecutivi per cancellare la popolare piattaforma di video brevi dagli app store. Ha scatenato un’ondata di cause legali che hanno impedito l’esecuzione degli ordini, ma ha lasciato la porta aperta a una futura amministrazione per intraprendere azioni più serie.

Questo è ciò che ha fatto mercoledì il presidente Joe Biden quando ha firmato il proprio ordine revocando questi divieti dell’era Trump e avviando il processo per stabilire nuove regole per il software legato al governo cinese. L’ordine di Biden ha delineato un nuovo quadro per identificare gli effettivi rischi per la sicurezza nazionale posti da queste app, in netto contrasto con il caos stimolato dai singoli divieti di Trump.

COSA SIGNIFICA

Negli ultimi giorni, l’amministrazione Biden ha intensificato l’azione contro la Cina. Rispetto a Trump, la Casa Bianca è sensibile all’apparenza morbida nei confronti della politica cinese e l’azione contro l’avversario degli Stati Uniti ha visto ampiamente un sostegno bipartisan.

Ma in qualche modo, l’ordine Biden potrebbe rappresentare una minaccia più significativa per TikTok e altre app con presunti legami con il governo cinese. In contrasto con gli ampi divieti di Trump, l’ordine Biden crea un sistema per valutare una sfilza di app di proprietà straniera e raccomandare un’azione più intensa. I divieti dell’era Trump non hanno retto a causa delle continue sfide in tribunale, ma questo nuovo processo potrebbe fornire nuove prove per rendere più facile l’entrata in vigore dei divieti futuri.

“Questa è la Casa Bianca che sta cercando di trovare una soluzione intelligente che ritiene più difendibile in tribunale”, ha affermato Jason Waite, leader di Alston e dell’International Trade and Regulatory Group di Bird. “Consente ancora loro di intraprendere l’azione, l’azione definitiva, se lo desiderano”.

L’ordinanza Biden non riguarda azioni o indagini in corso presso il Committee on Foreign Investment negli Stati Uniti, o CFIUS. I divieti di Trump hanno dato il via a una guerra di offerte lo scorso anno tra grandi aziende tecnologiche come Microsoft e Oracle per rilevare la partecipazione di Bytedance (proprietario di TikTok) nella società e mantenere l’app attiva negli Stati Uniti. Un nuovo sistema presso il Dipartimento del Commercio potrebbe incentivare CFIUS e Bytedance a raggiungere un accordo di cessione più rapidamente prima che il governo giunga alle proprie conclusioni.

“Il [Trump] Ordini TikTok e WeChat servito come leva per convincerli a completare la revisione CFIUS “, ha detto Waite. “In un certo senso, questo mantiene quella leva e si potrebbe sostenere che la preserva o la ripristina perché gli altri ordini avevano avuto problemi nei tribunali”.

Tutti gli occhi saranno puntati sul Dipartimento del Commercio nei prossimi mesi, ma il Segretario al Commercio Gina Raimondo ha in gran parte evitato di commentare cosa potrebbe fare su TikTok. Ad aprile, Raimondo ha detto che avrebbe preso azione aggressiva contro la Cina ma non si è rivolto direttamente a società specifiche come TikTok e WeChat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *