Al Senato degli Stati Uniti emerge un accordo bipartisan sulle infrastrutture | Notizie di politica


Un gruppo bipartisan di senatori degli Stati Uniti ha dichiarato giovedì di aver raggiunto un accordo su un quadro per un piano di spesa infrastrutturale proposto senza grandi aumenti delle tasse.

In una dichiarazione, il gruppo di cinque repubblicani e cinque democratici ha affermato che stavano discutendo il loro approccio con i loro colleghi e la Casa Bianca di Biden ed erano ottimisti sull’ottenimento di un ampio sostegno.

“Il nostro gruppo… ha lavorato in buona fede e ha raggiunto un accordo bipartisan su un quadro di compromesso realistico per modernizzare le infrastrutture e le tecnologie energetiche della nostra nazione”, ha affermato il gruppo guidato dal democratico Kyrsten Sinema e dal repubblicano Rob Portman.

“Questo investimento sarebbe interamente pagato e non includerebbe gli aumenti delle tasse”, hanno affermato.

La dichiarazione non ha fornito dettagli sull’accordo e i critici democratici del nascente accordo hanno sparato mentre i senatori si affrettavano a lasciare Washington per il fine settimana.

Una persona che ha familiarità con l’accordo ha detto all’agenzia di stampa Reuters che costerà $ 974 miliardi in cinque anni e $ 1,2 trilioni in otto anni e include $ 579 miliardi in nuove spese.

Il leader democratico della maggioranza al Senato degli Stati Uniti Chuck Schumer si è detto aperto a prendere in considerazione la proposta bipartisan, ma voleva vederla per iscritto e ha aggiunto che potrebbe anche spingere per una misura di spesa di follow-up con il solo sostegno dei democratici.

“Mi è stato detto verbalmente, roba; Ho chiesto della carta, la guarderò”, ha detto Schumer. “Ma continuiamo a procedere su due binari. Un percorso bipartisan e un percorso di riconciliazione, ed entrambi stanno andando avanti”.

Il presidente Joe Biden ha spinto per un pacchetto da 1,7 trilioni di dollari per rinnovare strade e ponti e affrontare altre questioni come l’istruzione e l’assistenza sanitaria a domicilio.

I repubblicani hanno respinto il piano infrastrutturale del presidente, che avrebbe affrontato il cambiamento climatico, creato alcuni programmi sociali e si sarebbe ripagato aumentando le tasse sulle società statunitensi.

Biden si è offerto di ridimensionare le sue proposte, ma questa settimana ha incontrato una battuta d’arresto quando il senatore Joe Manchin, un democratico di centro, ha insistito sul fatto che qualsiasi piano infrastrutturale avesse un sostegno bipartisan e Biden ha respinto una proposta più piccola avanzata dal senatore repubblicano Shelley Moore Capito.

Ciò ha lasciato spazio al gruppo di 10 senatori moderati dei due partiti per presentare una nuova idea progettata per generare un sostegno sufficiente per passare al Senato con i 60 voti necessari per la maggior parte dei progetti di legge. Il Senato è diviso 50-50 tra i due partiti.

Il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell ha anche detto al gruppo di essere aperto alle loro idee, hanno detto i repubblicani.

Oltre a Sinema e Portman, il gruppo di negoziatori di 10 senatori comprende i democratici Joe Manchin, Jeanne Shaheen, Jon Tester e Mark Warner, con i repubblicani Bill Cassidy, Susan Collins, Lisa Murkowski e Mitt Romney.

Giovedì Manchin ha detto ai giornalisti che “le cose stanno andando nella giusta direzione”.

Romney ha detto che c’è anche un “accordo generale” su una cifra di spesa massima, ma non è stato fissato in concreto.

Non ha specificato il numero, ma ha detto ai giornalisti che il pacchetto previsto sarebbe stato pagato, in parte, indicizzando la tassa federale sulla benzina all’inflazione.

Lui e Tester hanno anche parlato di una disposizione che potrebbe aumentare le entrate facendo in modo che l’Internal Revenue Service si occupi degli imbrogli fiscali.

Allo stesso tempo, i progetti di legge sui trasporti relativi alle infrastrutture sono andati avanti a livello di commissione congressuale.

Con Biden in Europa, Kate Bedingfield, direttore delle comunicazioni della Casa Bianca, ha affermato che i funzionari dell’amministrazione sono stati incoraggiati da negoziati bipartisan sia alla Camera dei rappresentanti che al Senato.

“Stiamo assistendo a progressi su più fronti in questo momento”, ha detto alla CNN.

“Ecco come un disegno di legge diventa legge. È un processo con molti passaggi e siamo incoraggiati da tutti i progressi che avvengono simultaneamente su questi diversi percorsi”.

Ma la spinta bipartisan è stata presa di mira da alcuni democratici che hanno criticato un approccio repubblicano che restringe l’attenzione alle infrastrutture fisiche ed esclude gli aumenti delle tasse per le società e i ricchi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *