Gerrit Cole ha la meglio su Josh Donaldson


MINNEAPOLIS — Gerrit Cole ha fissato per poco tempo Josh Donaldson, un giocatore che aveva eliminato in ciascuna delle sue prime due at-bat mercoledì sera.

Durante il fine settimana, Donaldson, terza base dei Minnesota Twins, aveva accusato obliquamente Cole, l’asso della rotazione degli Yankees, di usare sostanze appiccicose per aumentare la velocità di rotazione dei suoi lanci e renderli più efficaci. Mercoledì, di fronte al lanciatore superstar che aveva accusato, Donaldson sembrava sopraffatto.

Dopo il suo primo strikeout, aveva urlato per la frustrazione dopo aver agitato una palla alta che rompeva. Dopo il secondo, ha detto qualcosa all’arbitro di casa base Quinn Wolcott prima di andarsene. Al terzo at-bat di Donaldson, quando è volato fuori all’esterno destro all’inizio del sesto inning, Cole ha osservato Donaldson mentre correva verso la prima base.

Anche Donaldson non sembrava come Cole quella volta.

In una notte soffocante al Target Field, Cole ha avuto l’ultima parola, concedendo due punti in sei inning e segnando nove in una vittoria per 9-6 degli Yankees.

Le velocità di rotazione della palla veloce e del cursore a quattro cuciture di Cole sono scese leggermente al di sotto delle sue medie stagionali per un secondo inizio consecutivo, anche se la sua curva ruotava leggermente più velocemente del normale, secondo il sito web Esperto di baseball. Ma a differenza del suo ultimo inizio, quando ha concesso il record stagionale di cinque punti in una sconfitta a Tampa Bay, Cole ha lanciato efficacemente contro i Twins.

La sua velocità è aumentata – il suo sesto tiro della notte, a Donaldson, ha superato le 100 miglia all’ora – e l’ultimo posto dei gemelli è riuscito a ottenere solo cinque colpi contro di lui. I fuoricampo in solitaria di Jorge Polanco e Miguel Sano hanno rappresentato le due corse consentite a Cole.

“Ho solo pensato che fosse uscito con una concentrazione tremenda come fa sempre, bloccando tutto il rumore, uscendo, eseguendo e lanciando”, ha detto il manager degli Yankees Aaron Boone.

Il teso match tra lanciatore e battitore è arrivato quattro giorni dopo Donaldson chiesto ad alta voce ai giornalisti se è stata una coincidenza che i tassi di rotazione di Cole siano diminuiti dopo che quattro minor leaguer hanno ricevuto sospensioni di 10 partite per l’uso illegale di sostanze appiccicose sulle palle da baseball. (Cole ha attribuito le sue scarse prestazioni a una meccanica scadente.)

Donaldson ha detto mercoledì di non essersi pentito di aver parlato, aggiungendo che non credeva che Cole fosse l’unico colpevole.

“E’ stato il primo ragazzo a lanciare da quando sono avvenute le sospensioni, ed è il primo ragazzo a cui si poteva vedere il tasso di rotazione scendere”, ha detto Donaldson. “Ci sono stati 12 ragazzi i cui tassi di rotazione sono diminuiti nell’ultima settimana. Quindi non è solo Gerrit Cole”.

L’aumento della rotazione cambia il piano e il movimento dei lanci, rendendoli più difficili da colpire. Nel corso della storia del baseball, i lanciatori hanno utilizzato varie sostanze per afferrare meglio il baseball, un processo illegale ma spesso trascurato. C’è una crescente convinzione che il recente predominio dei lanciatori possa essere parzialmente attribuito all’uso diffuso di sostanze come Spider Tack, una pasta appiccicosa che può consentire ai lanciatori di aumentare drasticamente la loro velocità di rotazione.

I tassi di rotazione di Cole sono aumentati in modo significativo dal 2017 al 2019, quando ha vinto il record in carriera di 20 partite con gli Houston Astros. Martedì, in una imbarazzante conferenza stampa, Cole non ha risposto se avesse mai usato Spider Tack.

“Ho esitato sulla specificità della domanda perché non credo che questo sia il forum per discutere di questo tipo di cose”, ha detto Cole mercoledì. “C’è un momento appropriato per i giocatori per discutere di queste cose. Lo terrò presente in quel forum.”

Mercoledì sera, la palla veloce di Cole ha raggiunto una media di 98,2 mph, appena sopra la sua media stagionale. Non avrebbe ammesso di provare ulteriore soddisfazione nell’eliminare Donaldson due volte. I 113 strikeout di Cole in questa stagione sono i più su 13 da titolare nella storia del club, superando i 104 di Al Downing nel 1963.

Cole, ora 7-3, ha aggiunto di non aver parlato con Donaldson dei suoi commenti.

“Non vedo alcun bisogno di farlo; Sto bene”, ha detto. “Ma se ha qualcos’altro da dire, è il benvenuto a contattarmi o altro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *