MoviePass si accorda con FTC su frodi e problemi di sicurezza dei dati

Lunedì, la Federal Trade Commission ha accusato i dirigenti dell’app MoviePass, da tempo defunta, di aver bloccato in modo fraudolento i clienti dall’utilizzo del servizio come pubblicizzato senza proteggere la privacy dei loro dati. La FTC ha anche annunciato di aver raggiunto un accordo con MoviePass e i suoi dirigenti a seguito delle indagini.

In base all’accordo proposto, MoviePass, la sua società madre Helios e Matheson Analytics, il suo CEO Mitch Lowe e il presidente Ted Farnsworth non possono rappresentare falsamente le loro pratiche commerciali e di sicurezza dei dati ai clienti. Tutte le aziende controllate da queste entità sono inoltre tenute a implementare programmi completi di sicurezza delle informazioni per proteggere i consumatori.

“MoviePass e i suoi dirigenti hanno fatto di tutto per negare ai consumatori l’accesso al servizio per cui hanno pagato, pur non riuscendo a proteggere le loro informazioni personali”, ha dichiarato lunedì Daniel Kaufman, direttore ad interim della FTC del Bureau of Consumer Protection. “La FTC continuerà a lavorare per proteggere i consumatori dall’inganno e per garantire che le aziende mantengano le loro promesse”.

L’anno scorso, MoviesPass ha dichiarato bancarotta dopo due tumultuosi anni nel tentativo di interrompere l’attività cinematografica. La società offriva agli utenti un biglietto al giorno per qualsiasi film in qualsiasi cinema per meno di $ 10 al mese. Il Verge ha riferito nel 2019 che MoviePass avrebbe acquistato i biglietti al prezzo del botteghino e poi li avrebbe dati ai consumatori per il piccolo canone mensile, portando infine la società al fallimento.

Nel corso della sua esistenza, MoviePass è stato brevemente chiuso, le tariffe di abbonamento sono aumentate e il numero di film che gli utenti potevano vedere al mese è diventato più limitato.

La denuncia della FTC accusa la società di commercializzare in modo ingannevole il suo servizio “un film al giorno” agli abbonati e di impedire ai clienti di utilizzare il servizio come pubblicizzato. Sostiene inoltre che la società abbia falsamente invalidato le password dei clienti per “attività sospette o potenziali frodi” al fine di vietare il servizio agli spettatori frequenti. La FTC afferma inoltre che MoviePass ha avviato un programma di verifica dei biglietti come mezzo per scoraggiare le persone dall’utilizzo del servizio.

Come parte dell’accordo, gli operatori di MoviePass devono mettere in atto programmi completi di sicurezza dei dati in qualsiasi impresa futura dopo aver salvato i dati dei clienti di MoviePass in testo normale, ha affermato la FTC.

Poiché MoviePass è fallito prima che la FTC prendesse provvedimenti, l’agenzia prevede di aprire un docket per un commento pubblico sull’ordine proposto, il commissario della FTC Rohit Chopra ha detto in un tweet lunedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *