Le nuove linee guida dell’App Store di Apple mettono in guardia truffatori e cacciatori di taglie

Apple ha appena aggiornato le linee guida dell’App Storee come riporta TechCrunch, molte delle modifiche odierne sono rivolte direttamente a truffatori e truffatori che depredano gli utenti Apple. Ma non tutti.

Ho appena sottoposto l’intera cosa a un controllo delle differenze per mostrarti esattamente cosa è cambiato. Scopri tutte le differenze qui per te o continua a leggere per i momenti salienti.

Apple avverte i truffatori che sta arrivando per tutti i loro account

Apple aveva già una sezione intitolata “5.6 Codice di condotta per gli sviluppatori” che avvertiva gli sviluppatori di non “predare gli utenti o tentare di fregare i clienti” tra una lunga lista di altri cattivi comportamenti. Ora include anche due avvertimenti chiari e una possibilità di riscatto:

Comportamenti manipolativi o fuorvianti ripetuti o altri comportamenti fraudolenti porteranno alla tua rimozione dall’Apple Developer Program.

Il tuo account del Programma per sviluppatori verrà chiuso se ti impegni in attività o azioni non conformi al Codice di condotta per gli sviluppatori. Per ripristinare il tuo account, puoi fornire una dichiarazione scritta che dettaglia i miglioramenti che intendi apportare. Se il tuo piano è approvato da Apple e confermiamo che le modifiche sono state apportate, il tuo account potrebbe essere ripristinato.

Apple conterà identità scivolose, recensioni false, recensioni negative e altri segnali di avvertimento contro la reputazione di uno sviluppatore

Queste tre sezioni del Codice di condotta per gli sviluppatori sono nuove di zecca:

5.6.2 Identità dello sviluppatore

Fornire informazioni verificabili ad Apple e ai clienti è fondamentale per la fiducia dei clienti. La tua rappresentazione di te stesso, della tua attività e delle tue offerte sull’App Store deve essere accurata. Le informazioni fornite devono essere veritiere, pertinenti e aggiornate in modo che Apple e i clienti capiscano con chi stanno interagendo e possano contattarti in merito a qualsiasi problema.

5.6.3 Scoperta frode

La partecipazione all’App Store richiede integrità e impegno a costruire e mantenere la fiducia dei clienti. La manipolazione di qualsiasi elemento dell’esperienza del cliente dell’App Store come grafici, recensioni di ricerca o riferimenti alla tua app erode la fiducia dei clienti e non è consentita.

5.6.4 Qualità dell’app

I clienti si aspettano la massima qualità dall’App Store e il mantenimento di contenuti, servizi ed esperienze di alta qualità favorisce la fiducia dei clienti. Le indicazioni che questa aspettativa non è stata soddisfatta includono segnalazioni eccessive dei clienti su problemi con la tua app, come recensioni negative dei clienti e richieste di rimborso eccessive. L’incapacità di mantenere un’elevata qualità può essere un fattore nel decidere se uno sviluppatore sta rispettando il Codice di condotta per gli sviluppatori.

Anche il marketing ingannevole non è consentito, fino ai prezzi esca e switch inclusi. Queste parti in grassetto della sezione 2.3.1 sono nuove:

commercializzare la tua app in modo fuorviante, ad esempio promuovendo contenuti o servizi che in realtà non offre (es. scanner di virus e malware basati su iOS) o promuovere un prezzo falso, all’interno o all’esterno dell’App Store, è motivo per la rimozione della tua app dal from App Store e la chiusura del tuo account sviluppatore.

Tutto questo sembra direttamente mirato al problema delle truffe di Apple, dove l’azienda più redditizia al mondo non è riuscita a fermare truffe eclatanti così ovvie che potresti trovarle facilmente da solo, e dove Il Washington Post ha scoperto che il 2% delle app più redditizie dell’azienda erano fraudolente. Ma non è chiaro se l’applicazione migliorerà insieme a queste nuove regole. TechCrunch a quanto pare non ha avuto risposta a questo nel suo briefing con Apple.

Le app di cacciatori di taglie sono state avvisate

Ricordi quando il CEO di Citizen ha incoraggiato i suoi utenti a dare la caccia a una persona innocente offrendo una ricompensa di $ 30.000? La nuova regola di Apple sembra progettata per reprimere la giustizia dei vigilanti:

1.7 Segnalazione di attività criminali

Le app per la segnalazione di presunte attività criminali devono coinvolgere le forze dell’ordine locali e possono essere offerte solo nei paesi in cui tale coinvolgimento è attivo.

Anche le app di collegamento sono in preavviso

Non sono sicuro di quale app abbia fatto notizia questa volta, ma Apple ha affrontato questo problema in passato.

1.1.4 Materiale apertamente sessuale o pornografico, definito dal Webster’s Dictionary come “descrizioni o manifestazioni esplicite di organi sessuali o attività intese a stimolare sentimenti erotici piuttosto che estetici o emotivi”. Ciò include app di “collegamento” che possono includere materiale pornografico o essere utilizzate per facilitare la prostituzione.

L’erba legale va bene, ma deve essere legale

Le app per l’erba sono state touch-and-go su iPhone per molti anni, e non per mancanza di regole. Si tratta più di far sapere agli sviluppatori che è consentita una determinata categoria ben definita.

(ix) App che forniscono servizi in settori altamente regolamentati (come servizi bancari e finanziari, assistenza sanitaria, gioco d’azzardo, uso legale di cannabise viaggi aerei) o che richiedono informazioni sensibili dell’utente devono essere inviate da una persona giuridica che fornisce i servizi e non da un singolo sviluppatore. Le app che facilitano la vendita legale di cannabis devono essere geolimitate alla giurisdizione legale corrispondente.

Non è necessario dare ad Apple una fetta delle vendite di carte regalo fisiche

Apple ha detto che non richiede una riduzione degli acquisti fisici. Le carte regalo fisiche erano un’eccezione? Ad ogni modo, non devi pagare ora.

Digitale le carte regalo, i certificati, i voucher e i coupon che possono essere riscattati per beni o servizi digitali possono essere venduti solo nella tua app utilizzando l’acquisto in-app. Le carte regalo fisiche vendute all’interno di un’app e poi inviate ai clienti possono utilizzare metodi di pagamento diversi dall’acquisto in-app.

Le regole più arbitrarie di Apple non sono sparite, ma sono state ridotte

Di tutte le regole dell’App Store, la “non includere informazioni irrilevanti” è probabilmente la più facile da abusare; sviluppatori come ProtonMail ci hanno detto che è usato per giustificare la rimozione di un’app quando non ci sono regole effettivamente rilevanti. Infastidisce anche gli sviluppatori che credono di dover essere in grado di dire ai propri utenti i passaggi che devono superare per entrare nel negozio. Non è sparito, ma ora è più corto:

2.3.10 Assicurati che la tua app sia focalizzata sul iOS, iPadOS, macOS, tvOS o watchOS esperienza e non includere nomi, icone o immagini di altre piattaforme mobili nell’app o nei metadati, a meno che non sia disponibile una funzionalità interattiva specifica e approvata. Assicurati che i metadati della tua app siano incentrati sull’app stessa e sulla sua esperienza. Non includere informazioni irrilevanti, incluse ma non limitate alle informazioni su Apple o sul processo di sviluppo.

Inoltre, ora Apple è più chiaro che, con alcuni tipi di app e al di fuori dell’app stessa, e solo se ottieni le loro informazioni di contatto altrove in qualche modo, gli sviluppatori in realtà può dire ai propri utenti che possono pagare al di fuori del negozio di Apple:

Gli sviluppatori non possono utilizzare le informazioni ottenute all’interno dell’app per indirizzare i singoli utenti al di fuori dell’app a utilizzare metodi di acquisto diversi dall’acquisto in-app (come l’invio di un’e-mail a un singolo utente su altri metodi di acquisto dopo che l’individuo si è registrato per un account all’interno dell’app ). Gli sviluppatori possono inviare comunicazioni all’esterno dell’app alla propria base di utenti su metodi di acquisto diversi dall’acquisto in-app.

Ciò non risolve minimamente le regole anti-sterzo dell’azienda, che sono emerse in modo prominente durante il processo Epic-Apple, ma rende più chiari i casi limite.

Apple vuole che le app permettano agli utenti di essere liberi

5.1.1 (v) Accesso all’account: se la tua app non include funzionalità significative basate sull’account, consenti alle persone di utilizzarla senza un accesso. Se la tua app supporta la creazione di account, devi anche offrire l’eliminazione dell’account all’interno dell’app.

pulito.

Oh, e Roblox non è ancora assolutamente un gioco

Questa sezione è completamente nuova:

1.2.1 Contenuto creatore

Le app che presentano contenuti di una specifica comunità di utenti chiamati “creatori” sono una grande opportunità se adeguatamente moderate. Queste app offrono ai clienti un’esperienza unica e unificata per interagire con vari tipi di contenuti per i creator. Offrono strumenti e programmi per aiutare questa community di creatori non sviluppatori a creare, condividere e monetizzare le esperienze generate dagli utenti. Queste esperienze non devono modificare le caratteristiche e le funzionalità principali dell’app nativa, ma piuttosto aggiungono contenuto a quelle esperienze strutturate. Queste esperienze non sono “app” native codificate dagli sviluppatori: sono contenuti all’interno dell’app stessa e vengono trattate come contenuti generati dagli utenti da App Review. Tali contenuti per i creator possono includere video, articoli, audio e persino giochi casuali. L’App Store supporta le app che offrono tali contenuti generati dagli utenti purché seguano tutte le linee guida, comprese le linee guida 1.2 per la moderazione dei contenuti generati dagli utenti e le linee guida 3.1.1 per i pagamenti e gli acquisti in-app. Le app per i creator devono condividere la classificazione per età dei contenuti per i creator con la classificazione più alta disponibile nell’app e comunicare agli utenti quali contenuti richiedono acquisti aggiuntivi.

Se ti stai chiedendo di cosa parla Apple qui, ecco il TL;DR:

Apple non vuole consentire servizi di cloud gaming come Stadia e xCloud nell’App Store, quindi ha detto a tutti che ogni gioco in una raccolta di giochi doveva essere approvato individualmente, anche se quella regola non esisteva fino a quando Apple non l’ha aggiunta retroattivamente. Poi tutti hanno sottolineato che Roblox è una raccolta di giochi che non sono stati approvati individualmente, LOL. Apple ha sostenuto al processo che Roblox non è un gioco e Roblox ha accettato in modo divertente. Ora Apple sta ritagliando una nuova categoria di “Contenuto creatore” per consolidare il motivo per cui Roblox è OK, mentre altre piattaforme di gioco che contengono moltitudini non lo sono. Semplice!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *