Gli Stati Uniti recuperano la maggior parte del riscatto di criptovalute da $ 4,4 milioni pagato da Colonial Pipeline | Notizie sulla criminalità informatica


I funzionari dell’intelligence degli Stati Uniti affermano che fermare gli attacchi informatici è diventata una priorità per la sicurezza nazionale e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha intenzione di sollevare gli attacchi quando incontrerà il presidente russo Vladimir Putin la prossima settimana.

Di Bloomberg

Gli Stati Uniti hanno recuperato la maggior parte dei 4,4 milioni di dollari di riscatto di criptovaluta pagati agli autori dell’attacco informatico alla Colonial Pipeline Co. il mese scorso che ha temporaneamente interrotto le forniture di carburante lungo la costa orientale degli Stati Uniti, ha affermato il vice procuratore generale Lisa Monaco.

“Gli attacchi ransomware sono sempre inaccettabili, ma quando prendono di mira un’infrastruttura critica non risparmieremo sforzi nella nostra risposta”, ha detto Monaco ai giornalisti lunedì.

Il vicedirettore dell’FBI Paul Abbate ha affermato che le forze dell’ordine hanno identificato un portafoglio virtuale utilizzato per il pagamento del riscatto e quindi hanno recuperato i fondi. Ha detto che gli investigatori hanno trovato più di 90 aziende vittime di DarkSide, un gruppo di criminalità informatica collegato alla Russia accusato dell’hacking dell’oleodotto.

“Oggi abbiamo ribaltato la situazione su DarkSide”, ha affermato Monaco, invitando le aziende a investire di più per proteggere le proprie infrastrutture critiche e la proprietà intellettuale. “DarkSide e le sue affiliate hanno perseguitato digitalmente le società statunitensi per la maggior parte dell’anno scorso”.

L’attacco ransomware di maggio ha causato carenze di carburante nelle stazioni di servizio in diversi stati e ha persino colpito le operazioni di alcune compagnie aeree e aeroporti. Faceva parte di una tendenza crescente di tali atti contro le infrastrutture critiche che sta ponendo una prima prova dell’amministrazione del presidente Joe Biden.

Colonial Pipeline ha finito per pagare DarkSide per aiutare a ripristinare le sue operazioni.

I funzionari dell’intelligence e delle forze dell’ordine statunitensi affermano che fermare gli attacchi di hacking è diventata una priorità per la sicurezza nazionale e la questione ha sollevato tensioni tra Stati Uniti e Russia. Biden prevede di sollevare attacchi di hacking quando incontrerà il presidente russo Vladimir Putin la prossima settimana, ha detto il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki.

Il messaggio all’incontro faccia a faccia a Ginevra il 16 giugno sarà che “gli stati responsabili non ospitano criminali ransomware e i paesi responsabili devono intraprendere azioni decisive contro tali reti ransomware”, ha affermato Psaki. Putin ha negato di essere a conoscenza o di essere coinvolto in attacchi ransomware.

JBS SA, con sede in Brasile, il più grande trasformatore di carne al mondo, ha riavviato la produzione di carne bovina la scorsa settimana dopo che un attacco ransomware l’ha costretta a interrompere le operazioni in tutto il mondo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *