Il vincitore del Kentucky Derby Medina Spirit fallisce il secondo test antidroga


Il test antidoping positivo di Medina Spirit dopo il Kentucky Derby è stato confermato, ponendo le basi per il puledro addestrato da Bob Baffert per essere il secondo cavallo nei 147 anni di storia della gara ad essere squalificato come vincitore a causa di un test antidoping fallito.

Clark Brewster, un avvocato che rappresenta il proprietario di Medina Spirit, Amr Zedan, ha detto che un laboratorio presso l’Università della California, Davis, testando un secondo campione post-gara dal Derby, ha confermato la presenza del farmaco betametasone, un corticosteroide che viene iniettato nelle articolazioni per ridurre il dolore e il gonfiore, a un livello proibito. Baffert ha scelto il laboratorio in cui è stato testato il campione.

In un messaggio di testo, tuttavia, Brewster ha affermato che il laboratorio non ha testato i campioni di sangue o di urina per la presenza di altri composti, “il che potrebbe dimostrare che la traccia positiva proveniva da una contaminazione involontaria e materialmente irrilevante proveniente da un unguento topico usato per trattare Medina. Spirito per una lesione cutanea sul fianco”.

Immediatamente dopo aver annunciato il test positivo di Medina Spirit il 9 maggio, Baffert ha rilasciato una serie di interviste televisive e radiofoniche in cui ha formulato varie teorie su come il puledro sia risultato positivo al betametasone. Ha incolpato “cancellare la cultura” per la controversia e ha detto che i funzionari delle corse erano fuori per prenderlo.

Ben presto, tuttavia, si riprese e riconobbe di aver trattato Medina Spirit per un’eruzione cutanea con un unguento antimicotico chiamato Otomax, che, con sorpresa dichiarata di Baffert, contiene betametasone.

Brewster ha affermato che la Kentucky Horse Racing Commission ha accettato di inviare i test originali del sangue e delle urine a un laboratorio indipendente e accreditato per l’analisi per determinare se i campioni contengono altri componenti che dimostrino che la fonte è l’unguento topico. Non era chiaro quanto tempo sarebbe durato questo processo.

Se Medina Spirit viene squalificato dal Derby, Zedan perderà l’assegno di oltre 1,8 milioni di dollari che ha guadagnato quando il suo cavallo ha tagliato per primo il traguardo. Nel 1968, la vittoria nel Derby di Dancer’s Image è stata portata via dopo che un test antidroga ha mostrato la presenza di un antinfiammatorio vietato.

“Se è stata una contaminazione involontaria, dovrebbe essere presa in considerazione”, ha detto Brewster in un’intervista telefonica. “Speriamo che le menti ragionevoli e i regolatori di buone intenzioni possano vedere cosa è e cosa non è e non avere una risposta draconiana”.

Brewster, che alleva e possiede cavalli, ha affermato che la commissione aveva abbandonato le squalifiche in casi precedenti quando aveva riscontrato circostanze attenuanti.

Né Baffert né il suo avvocato, W. Craig Robertson III, hanno risposto alle richieste di commento.

In una e-mail, una portavoce della Kentucky Horse Racing Commission ha rifiutato di commentare i risultati del secondo campione.

“Il KHRC non fornirà commenti o aggiornamenti sullo stato di questa indagine in corso”, ha detto Sherelle Roberts, la portavoce. “Forniremo informazioni quando l’intera questione sarà completa”.

Baffert si è guadagnato le ire dei funzionari di Churchill Downs che avevano chiarito che se un secondo campione avesse confermato la presenza del farmaco, Medina Spirit sarebbe stata squalificata e Mandaloun, il secondo classificato, sarebbe stato dichiarato vincitore del Derby.

Nel giro di quattro settimane durante la stagione delle corse Triple Crown, Baffert è passato dall’essere il volto loquace e volubile delle corse di cavalli a un ragazzo poster per lo più silenzioso per ciò che è sbagliato in questo sport.

Per 25 anni, New York City è stata il tipo di città di Baffert e Belmont Park è stato l’ippodromo che lo ha reso l’allenatore di purosangue più famoso d’America. Cinque volte, ha portato il Kentucky Derby e il vincitore di Preakness per il Test of the Champion, come sono conosciuti i Belmont Stakes, con una Triple Crown in bilico.

Con American Pharoah nel 2015 e Justify nel 2018, Baffert ha completato la conquista del Santo Graal di questo sport e ha lasciato la città come un eroe conquistatore, riportando l’attenzione su uno sport spesso dimenticato. Nel corso degli anni, ha organizzato il primo lancio cerimoniale di una partita dei Mets, ha cenato nei migliori ristoranti di Manhattan e ha accettato bonariamente gli insulti e gli urrà degli appassionati giocatori di cavalli della Grande Mela.

Per la 153esima edizione dei Belmont Stakes di sabato, tuttavia, Baffert sarà in California dopo che la New York Racing Association gli ha impedito di correre con i suoi cavalli sulle piste statali a causa del test fallito di Medina Spirit. È stato escluso da uno dei giorni più importanti delle corse di cavalli.

Mentre gli operatori di pista a New York ea Churchill Downs si sono rifiutati di permettergli di entrare nei suoi cavalli, la sua potente scuderia continua a dominare le gare in California. È l’allenatore principale all’attuale incontro del Santa Anita Park con oltre $ 3,6 milioni di guadagni. La pista è di proprietà del Gruppo Stronach, che possiede anche il Pimlico Race Course a Baltimora e ha permesso a Medina Spirit di correre nei Preakness Stakes lì dopo aver superato i test antidoping.

Il California Horse Racing Board ha dichiarato in una dichiarazione che, come le loro controparti a New York e nel Kentucky, le loro mani erano legate fino alla conferma del secondo campione di Medina Spirit e alla denuncia contro Baffert.

“Affrontano lo stesso problema del CHRB in quanto i regolatori non possono sospendere o revocare le licenze professionali senza un’udienza e un giusto processo”, afferma la dichiarazione. “Se un organismo di regolamentazione dovesse intraprendere un’azione contro qualsiasi licenziatario, ricambieremo tale azione in California”.

Baffert è anche l’obiettivo di un paio di class action promosse dagli scommettitori.

Michael Beychok, l’handicappatore che ha vinto il National Horseplayers Championship 2012 della National Thoroughbred Racing Association, ha intentato una causa il mese scorso sostenendo che Baffert e Zedan hanno dopato il puledro e hanno commesso una frode per vincere il Derby.

Beychok ha detto di aver fatto $ 966 in scommesse che gli avrebbero fruttato vincite tra $ 10.000 e $ 100.000 se Medina Spirit non avesse vinto la gara, secondo la causa intentata presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Centrale della California. Altri tre giocatori di cavalli si sono uniti alla causa, affermando che avrebbero guadagnato fino a $ 40.000 se il puledro Baffert non fosse arrivato primo.

Beychok e i suoi colleghi querelanti sostengono che Baffert e Zedan violano il Racketeer Influenced and Corrupt Organizations Act e il California Control of Profits of Organised Crime Act.

Inoltre, la recente morte di Noodles, un puledro di 2 anni non allevato alle cure di Baffert, ha riacceso l’interesse degli attivisti per i diritti degli animali nei confronti di Baffert e delle corse di cavalli. Verrà eseguita un’autopsia e verrà condotta un’analisi della mortalità secondo le normative della California.

Nel 2013, dopo che sette cavalli affidati alle cure di Baffert sono morti in un periodo di 16 mesi, è stato oggetto di un rapporto dei regolatori della California, che ha rivelato che aveva somministrato a ogni cavallo nella sua stalla un ormone tiroideo senza controllare se qualcuno di loro aveva problemi alla tiroide.

Baffert ha detto agli investigatori che pensava che il farmaco avrebbe aiutato a “costruire” i suoi cavalli anche se il farmaco è generalmente associato alla perdita di peso. In tal caso, il rapporto del consiglio non ha trovato prove “che le regole o i regolamenti della CHRB siano stati violati”.

Baffert si è guadagnato l’inimicizia dei rivali che credono di aver costantemente imbrogliato, sospetti alimentati da 30 test antidroga che i suoi cavalli hanno fallito in quattro decenni, di cui cinque nell’ultimo anno o giù di lì.

I casi hanno richiesto mesi, se non anni, per giudicare e sono stati affrontati per lo più con multe modeste o brevi sospensioni poiché Baffert ha affermato di non aver fatto nulla di sbagliato e ha accusato la contaminazione ambientale o l’errore umano per i risultati. Tuttavia, i proprietari dalle tasche profonde si sono riversati nella stalla di Baffert.

Nel 2019, il New York Times ha riferito che Justify, anche lui allenato da Baffert, aveva fallito un test antidoping dopo aver vinto il Santa Anita Derby del 2018 nel sud della California. La regola all’epoca richiedeva che Justify fosse squalificato, perdendo il suo premio in denaro e impedendo il suo ingresso nel Kentucky Derby un mese dopo.

Il presidente del California Horse Racing Board all’epoca, Chuck Winner, aveva impiegato Baffert per addestrare i suoi cavalli. Il test fallito di Justify è stato studiato per quattro mesi, consentendo al cavallo di continuare a competere abbastanza a lungo da vincere non solo il Derby, ma anche il Preakness e il Belmont Stakes per diventare il tredicesimo vincitore della Triple Crown. I suoi test post-gara erano puliti in tutti e tre.

Nell’agosto 2018, dopo che i diritti di riproduzione di Justify erano stati venduti per 60 milioni di dollari, il direttore medico del comitato da corsa ha suggerito che la sostanza illegale potrebbe essere stata presente in qualche stramonio che il cavallo ha mangiato. Il consiglio ha liquidato del tutto l’inchiesta durante una rara sessione a porte chiuse.

Se Medina Spirit viene squalificato, Baffert e il puledro si uniranno a Maximum Security e Dancer’s Image come gli unici cavalli ad aver annullato le loro vittorie nel Derby.

Nel 2019, Maximum Security è stata la prima a tagliare il traguardo, solo per essere squalificata per aver quasi rovesciato un cavallo rivale nella curva più lontana e aver rallentato lo slancio degli altri. L’anno successivo, l’allenatore di Maximum Security, Jason Servis, era tra le 27 persone accusate dai pubblici ministeri federali in un piano ad ampio raggio per drogare segretamente cavalli e imbrogliare il pubblico delle scommesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *