I resti del leader del Ku Klux Klan saranno trasferiti dal parco degli Stati Uniti | Problemi di gara Notizie


La rimozione arriva nel mezzo di una continua resa dei conti su simboli e statue che i critici dicono onorano la storia razzista degli Stati Uniti.

È iniziato un progetto per trasferire i resti di un leader del Ku Klux Klan da un parco nel sud degli Stati Uniti – l’azione più recente in una continua resa dei conti sui simboli che secondo i critici onorano il passato razzista del paese.

Nathan Bedford Forrest fu uno dei principali generali dell’esercito confederato pro-schiavitù durante la guerra civile americana e il primo leader, o “Grande Mago”, dell’organizzazione razzista del Ku Klux Klan dal 1867 al 1869.

I resti di Forrest, morto nel 1877, sono stati a lungo contrassegnati da un piedistallo in un parco a Memphis, nel Tennessee. Il piedistallo conteneva una statua di Forrest dal 1904 al 2017, dopo essere stata rimossa dall’organizzazione no-profit proprietaria del parco.

Martedì sono iniziati i lavori per rimuovere il piedistallo, il primo passo per dissotterrare il corpo di Forrest e sua moglie, che è arrivato dopo un lungo movimento di base e manovre legali da parte dei funzionari locali.

La rimozione fu inizialmente rallentata dall’opposizione dei Sons of Confederate Veterans, un gruppo di discendenti maschi di soldati confederati.

Nonostante il gruppo abbia abbandonato una causa e abbia accettato di spostare i resti l’anno scorso, le tensioni sono rimaste alte martedì, secondo i media locali.

Tami Sawyer, un commissario della contea di Shelby che ha guidato lo sforzo, ha avuto un breve confronto con i lavoratori del sito martedì mentre scaricavano detriti su un cartello Black Lives Matter dipinto per terra vicino al piedistallo, secondo il quotidiano Commercial Appeal locale.

Un lavoratore portava una bandiera confederata e cantava l’inno non ufficiale degli stati confederati – Dixie’s Land – mentre Sawyer parlava con i giornalisti.

“Non siamo l’America post-razziale, non siamo Memphis post-razziale, questo odio e questo razzismo sono grandi e rumorosi”, ha detto Sawyer, indicando il lavoratore, secondo un video pubblicato online.

Il dibattito sulla rimozione dei memoriali confederati è in corso da anni negli Stati Uniti mentre il paese esamina il suo complicato passato razziale. Il movimento ha guadagnato nuova vita in mezzo a una rinnovata spinta per la giustizia razziale a seguito di diversi omicidi di alto profilo di persone di colore da parte della polizia nel 2020.

La questione è particolarmente delicata a Memphis, dove il 4 aprile 1968 fu assassinato il leader dei diritti civili Martin Luther King Jr.

Forrest rimane una figura controversa nella storia del sud, con alcuni che celebrano la sua carriera militare confederata.

Commerciante di schiavi e proprietario di piantagioni di cotone, le truppe di Forrest furono accusate di aver giustiziato centinaia di soldati dell’esercito dell’Unione afroamericana che si erano arresi nella battaglia di Fort Pillow nel 1864.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.