Voli gratuiti, lotterie, contanti: gli incentivi ai vaccini di Hong Kong | Notizie di affari ed economia


Quando i proprietari di bar e locali notturni di Hong Kong hanno incontrato i funzionari della città questo mese, si aspettavano di sapere come il governo avesse pianificato di convincere più della popolazione in gran parte resistente a farsi vaccinare, con le loro attività che potevano essere aperte solo a persone vaccinate.

Invece, i funzionari hanno ribaltato la situazione, chiedendo loro cosa avrebbero fatto per aiutare a promuovere uno dei più lenti tentativi di vaccinazione contro il Covid-19 tra le città globali.

“Ci hanno chiesto solo se abbiamo idee o piani per aumentare il tasso di vaccinazione”, ha detto Liu Wai, che rappresenta l’industria come presidente della Federazione di Hong Kong e dei commercianti di locali notturni e da ballo di Kowloon. Un quinto dei locali notturni ha chiuso nei cinque mesi di chiusura e il resto ottiene solo il 10% delle entrate regolari dopo la riapertura, ha detto, rendendoli disperati per vedere aumentare le vaccinazioni.

L’amministrazione di Carrie Lam si appoggia sempre più alle imprese e alle istituzioni locali per aiutare a vaccinare le persone, mentre il suo governo sostenuto da Pechino lotta per convincere i residenti riluttanti in un’atmosfera di sfiducia a seguito delle diffuse proteste anti-cinesi nel 2019. Grandi aziende, ristoranti e persino college hanno iniziato a offrire pagamenti in contanti, tempo libero extra, persino la possibilità di vincere un appartamento da 1,4 milioni di dollari.

“I funzionari del governo non sono stati in grado di trovare un modo per impegnarsi con la comunità per dare slancio alla vaccinazione”, ha affermato Karen Grépin, professore associato presso la School of Public Health dell’Università di Hong Kong. “È lì che hanno vacillato. Ma è anche molto difficile per loro guidarlo, da una prospettiva politica. Non significa che dovrebbero arrendersi. Dovrebbero trovare il modo. Ma significa lavorare attraverso agenti più fidati”.

Più imprese e istituzioni stanno venendo alla ribalta. La scorsa settimana, l’aeroporto internazionale della città ha annunciato che avrebbe regalato 60.000 biglietti aerei alle persone che si erano vaccinate prima della scadenza di settembre. L’Hong Kong Jockey Club, che gestisce ippodromi e strutture per le scommesse, ha offerto fino a tre giorni di congedo speciale retribuito e una copertura assicurativa aggiuntiva per i dipendenti che ottengono i loro colpi.

Anche i regolatori sono coinvolti. L’Autorità monetaria di Hong Kong ha esortato le banche a concedere due giorni di congedo di vaccinazione retribuito ai propri dipendenti, secondo quanto riportato lunedì dal quotidiano locale Apple Daily. L’HKMA, che ha rifiutato di commentare specificamente i colloqui, ha confermato di aver avanzato la richiesta per facilitare le vaccinazioni.

Anche gli sviluppatori di Hong Kong Chinese Estates Holdings Ltd. e il braccio filantropico di Sino Group Ng Teng Fong Charitable Foundation stanno regalando un nuovissimo appartamento da 10,8 milioni di HK (1,4 milioni di dollari) ai residenti che sono stati vaccinati.

Gli appuntamenti per i vaccini sono aumentati dopo che sono stati offerti alcuni degli incentivi [File: Bloomberg]

Gli appuntamenti per i vaccini sono saliti al massimo in tre settimane dopo l’annuncio della lotteria degli appartamenti, con circa 17.700 persone che hanno prenotato gli slot per il BioNTech SE girato sabato, mentre altri 10.500 appuntamenti prenotati per il produttore cinese Sinovac Biotech Ltd.

Hongkong e Shanghai Hotels Ltd., che gestisce lo storico Peninsula Hotel della città, ha offerto ai suoi 1.500 dipendenti con sede a Hong Kong 2.000 HK$ per essere vaccinati e altri 2.000 HK$ se è in grado di vaccinare il 70% dei suoi lavoratori locali.

Anche i college locali stanno adottando misure per incoraggiare le vaccinazioni, con l’Università cinese di Hong Kong che richiede agli studenti che soggiornano nei dormitori di farsi vaccinare, oppure di pagare i propri test Covid ogni due settimane.

Poiché molti posti in tutto il mondo si affannano per più vaccini, il governo di Hong Kong è nella posizione unica di avere centinaia di migliaia di dosi inutilizzate del vaccino mRNA sviluppato da BioNTech SE e Pfizer Inc. in scadenza. Se il tasso di vaccinazione non aumenta, la città rischia di essere lasciata indietro mentre altri hub globali riprendono riunioni e viaggi.

Il governo ha cercato di rendere i vaccini più convenienti, consentendo persino alle aziende di programmare sessioni di vaccinazione in loco. A metà maggio, Deloitte ha annunciato che 170 dipendenti erano stati vaccinati in una di queste sessioni.

Secondo il Vaccine Tracker di Bloomberg, solo il 13,4% dei residenti di Hong Kong è stato completamente vaccinato nonostante sia uno dei pochi posti al mondo in cui i colpi di Covid sono disponibili per tutti gli adulti. È ben al di sotto di altri centri finanziari tra cui Singapore, al 28,3%, e Londra, al 28,6%.

La leader Lam, che ha a lungo ignorato i suggerimenti per offrire ai residenti contanti o incentivi simili, ha sostenuto la scorsa settimana che il suo governo aveva già fatto il suo lavoro acquistando abbastanza vaccini e rendendoli disponibili gratuitamente.

“Speriamo che gli incentivi economici possano essere forniti dalle istituzioni o dai datori di lavoro”, ha affermato. “Per il governo, ci concentreremo sul lato politico”.

“Non posso sopravvivere”

Ma alcuni imprenditori ed esperti sostengono che la riluttanza del governo ad adottare misure concrete, come i mandati di mascherine rilassanti o i requisiti di quarantena dei viaggiatori da 14 a 21 giorni, diluiscono gli sforzi privati ​​e in alcuni casi li contraddicono.

David Webb, un importante investitore di Hong Kong e attivista per la corporate governance, ha deriso l’offerta dell’aeroporto di voli gratuiti per le persone vaccinate su Twitter la scorsa settimana, osservando che chiunque avesse vinto un biglietto avrebbe comunque dovuto sborsare per la quarantena. Hong Kong richiede a tutti i viaggiatori in arrivo di mettere in quarantena negli hotel, anche se hanno case in città.

“Fatti vaccinare, vinci la possibilità di pagare 2 o 3 settimane di quarantena in hotel al tuo ritorno?” Webb ha scritto. “Difficilmente un’offerta interessante da parte di questa impresa statale”.

A causa del basso tasso di vaccinazione, anche le persone completamente vaccinate devono seguire le restrizioni COVID in atto [File: Lam Yik/Bloomberg]

Queste mosse per ripristinare le libertà per le persone vaccinate vengono sempre più intraprese in tutto il mondo. Gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno entrambi revocato i mandati delle maschere all’aperto per le persone vaccinate, mentre l’Unione europea ha affermato che accoglierà gli americani vaccinati come turisti quest’estate senza requisiti di quarantena.

Il governo di Hong Kong afferma di non poter utilizzare tali incentivi a causa del basso tasso di protezione tra la popolazione e del rischio di diffusione di nuove varianti, sebbene il tasso di vaccinazione della Corea del Sud sia attualmente inferiore a quello dell’ex colonia britannica. Venerdì, i funzionari della città hanno dichiarato che consentirebbero esenzioni dalla quarantena per un piccolo numero di banchieri senior che viaggiano per affari.

“Se non possiamo avere un tasso di vaccinazione di circa il 70%, non credo che possiamo rilassarci sostanzialmente sui viaggi, sulla mascheratura, su tutte le misure di distanziamento sociale. Saremo lasciati indietro “, ha detto Lam Ching Choi, un medico e membro del Consiglio esecutivo che consiglia Carrie Lam.

Il complesso rapporto di Hong Kong con la Cina continentale, che vuole che la città elimini la trasmissione locale prima di riaprire il confine economicamente vitale, sta anche guidando la posizione conservatrice dei funzionari.

Come una manciata di altri paradisi Covid nella regione Asia-Pacifico che hanno portato a zero i casi locali, la città rischia di essere lasciata indietro nel tentativo di tenere fuori tutte le infezioni, soprattutto perché altre economie accettano che Covid-19 è endemico e Vai avanti.

Sono persone frustrate che affermano che, nonostante siano state completamente vaccinate, sono state comunque soggette a restrizioni eccessivamente dure. Per gli altri che non hanno ancora ottenuto i loro colpi, la mancanza di allentamento ha sollevato domande sul perché dovrebbero preoccuparsi.

“Non puoi sopravvivere in questo modo quando non ci sono affari”, ha affermato Chin Chun-wing, presidente dell’Associazione Bar e Club di Hong Kong. “Nessuno si farà vaccinare solo per bere qualcosa”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *