Vilnius, in Lituania, ha costruito un “portale” verso un’altra città per mantenere le persone in contatto

Stanco delle restrizioni di viaggio della pandemia e non vedi l’ora di uscire e vedere nuove persone? La città di Vilnius, in Lituania, ha una soluzione interessante: un “portale” in tempo reale per un’altra città. Sono davvero andati all-in sull’idea e sul design; sembra un po’ uscito da un precedente film/spettacolo di fantascienza Stargate.

La città ha installato una “porta” circolare per il portale vicino alla sua stazione ferroviaria che si collega a un portale a Lublino, in Polonia, a circa 600 chilometri (o circa 375 miglia) di distanza. I portali hanno entrambi grandi schermi e telecamere che trasmettono immagini in diretta tra le due città – una sorta di ponte digitale, secondo i suoi creatori – con lo scopo di incoraggiare le persone a “ripensare al significato dell’unità”, ha detto Go Vilnius in un comunicato stampa. Ah.

Vilnius, Lituania, saluta Lublino, Polonia
Vai a Vilnius

“L’umanità sta affrontando molte sfide potenzialmente mortali; che si tratti di polarizzazione sociale, cambiamento climatico o questioni economiche. Tuttavia, se guardiamo da vicino, non è una mancanza di brillanti scienziati, attivisti, leader, conoscenze o tecnologie a causare queste sfide. È tribalismo, mancanza di empatia e una percezione ristretta del mondo, che spesso è limitata ai nostri confini nazionali”, afferma Benediktas Gylys, presidente della Fondazione Benediktas Gylys e che Go Vilnius attribuisce come “iniziatore” dell’idea del portale. Dice che il progetto è “un ponte che unisce e un invito a superare pregiudizi e disaccordi che appartengono al passato”.

I portali circolari a Vilnius, in Lituania ea Lublino, in Polonia, consentono alle persone di vedersi in tempo reale, per ispirare una nuova idea di unità.
Vai a Vilnius

Il design del cerchio, pensato per evocare la ruota del tempo, e un “noto … simbolo di fantascienza”, è stato progettato dagli ingegneri del Creativity and Innovation Center (LinkMenu fabrikas) presso la Vilnius Gediminas Technical University, alias Vilnius Tech . Ci sono voluti cinque anni di lavoro e la sua presentazione alla fine di una pandemia durata un anno è arrivata al momento giusto. Ci sono piani per aggiungere portali in altre città in futuro, dicono gli organizzatori. Il portale è un progetto congiunto con la Fondazione Benediktas Gylys, la città di Vilnius, la città di Lublino e il Centro incroci per le iniziative creative interculturali.

“Dal design e modellazione 3D, allo sviluppo di contenuti digitali e alle sfide logistiche: un progetto come questo richiede un team ampio e multifunzionale”, ha affermato Adas Meskenas, direttore di LinkMenu fabrikas. “Progetti significativi come questo nascono quando persone diverse riescono a lavorare insieme e raggiungere la sincronicità”.

È un po’ banale? Forse. Ma è anche bello e affascinante e sono favorevole alla costruzione di più portali perché è stato un anno lungo, lungo e tutti noi potremmo usare un po’ di nuova ispirazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *