La famiglia di Natalee Holloway accetta che potrebbero non conoscere mai tutta la storia


All’inizio del 2008, una persona che si è identificata come Marcos ha inviato un messaggio a Dave, affermando di sapere che i trafficanti di droga erano stati pagati per sbarazzarsi del corpo di Natalee in mare, ma invece ha portato i resti con sé in Nicaragua e li ha nascosti a terra. L’investigatore privato Tim Miller, come ha riferito Dataline, è andato in Nicaragua e ha incontrato Marcos, che si è offerto di andare al nascondiglio con un localizzatore GPS e cercare i resti.

Invece Marco è scomparso.

Quando Dave è stato contattato nel 2016 da un uomo di nome Gabriele, che ha detto lui aveva informazioni sui resti di Natalee, Dave ha chiesto a TJ di esaminare la punta, come aveva fatto con tanti altri presunti avvistamenti, frammenti di informazioni e, infine, piste senza uscita che avevano ricevuto nel corso degli anni.

“Quindi abbiamo pensato, beh, forse abbiamo qualcosa qui, perché ho avuto così tante false piste, persone che volevano solo portarti a fare un giro”, ha ricordato Dave, che era anche andato ad Aruba nel 2015 con TJ per incontrare un’altra persona che affermava falsamente di avere informazioni sul destino di Natalee. “Ho pensato, OK, questo potrebbe essere un nuovo vantaggio… Andiamo avanti e vediamo se possiamo svilupparlo. Si è trasformata in una situazione un po’ più grande di quanto mi aspettassi.”

Ciò portò all’arruolamento di una società di produzione che, cosa più importante, sarebbe stata in grado di fornire risorse per le notevoli spese necessarie per tornare ad Aruba e condurre l’ennesima ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *