La polizia britannica è sorpresa nell’apprendere che la coltivazione di erba ad alta intensità energetica è in realtà una miniera di Bitcoin

La polizia nel Regno Unito ha fatto irruzione in un’unità industriale fuori Birmingham sospettando che ospitasse un’operazione di coltivazione di marijuana al coperto, CNBC segnalato. Essi sono stati sorpresi di scoprire invece un’estesa configurazione di mining di Bitcoin che sottraeva illegalmente elettricità da una rete elettrica.

Prima del raid, la polizia ha osservato più persone entrare e uscire dall’edificio durante il giorno e ha individuato un’ampia ventilazione e cablaggio. Sostengono anche che un drone è stato in grado di rilevare elevate quantità di calore proveniente dall’edificio. Poiché le fattorie di cannabis indoor utilizzano sistemi di illuminazione, riscaldamento e ventilazione per coltivare piante dove di solito non potrebbero prosperare, la polizia credeva che stessero osservando “segni classici” di un’operazione clandestina di erba.

Quello che stavano effettivamente guardando, come presto appresero, era circa un centinaio o giù di lì Macchine Antminer S9, generando enormi quantità di calore mentre coniavano nuove monete. Errore facile da fare e, per inciso, non illegale nei casi in cui i minatori di criptovaluta pagano le bollette elettriche. Questa particolare operazione, tuttavia, stava sottraendo “migliaia di sterline” di elettricità di rete, e di conseguenza è stata chiusa dalla stessa polizia che pensava di prepararsi per un raid antidroga.

L’attrezzatura mineraria, che possiamo stimare per un valore superiore a $ 5.000, è stata sequestrata, sebbene non siano stati effettuati arresti.

La polizia potrebbe non aver catturato un giro di droga, ma probabilmente ha fatto di più chiudendo questa configurazione mineraria illecita, comunque per l’ambiente. Nel 2016, si è scoperto che l’erba era responsabile 1% del consumo di elettricità negli Stati Uniti, all’epoca l’equivalente di 15 milioni di tonnellate di emissioni di gas serra. Per fare un confronto, si stima che Bitcoin sia responsabile di quasi lo 0,25 percento di il mondo intero consumo di energia elettrica nel 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *