Tesla inizia a utilizzare la videocamera per auto per il monitoraggio del pilota automatico

Tesla sta iniziando a utilizzare la telecamera sopra lo specchietto retrovisore della Model 3 e della Model Y per assicurarsi che le persone prestino attenzione alla strada durante l’utilizzo dell’Autopilot, il sistema avanzato di assistenza alla guida dell’azienda.

Fino ad ora, il modo principale in cui le auto di Tesla misurano l’attenzione del conducente è attraverso i sensori di coppia nel volante che cercano resistenza, un modo rudimentale per garantire che i conducenti tengano le mani sul volante. Se non registra abbastanza feedback, l’auto esegue una serie di avvisi visivi e sonori crescenti.

Il cambiamento arriva dopo che i regolatori e gli esperti di sicurezza hanno passato anni a implorare Tesla di aggiungere un migliore monitoraggio dei conducenti alle sue auto. Il CEO di Tesla Elon Musk ha persino ammesso che gli incidenti che coinvolgono il pilota automatico derivano dall’autocompiacimento. Ma in precedenza aveva rifiutato le chiamate dei suoi stessi ingegneri per aggiungere un monitoraggio del conducente più robusto alle auto dell’azienda. Musk all’epoca disse che la tecnologia era “inefficace”. Aziende come General Motors e Ford attualmente vendono auto con sistemi di tracciamento oculare basati su telecamere che hanno lo scopo di assicurarsi che i conducenti prestino attenzione mentre utilizzano le funzioni di guida a mani libere.

Un utente di Twitter che afferma di aver appena preso in consegna una nuova Model Y giovedì ha pubblicato un’immagine che mostra le note di rilascio del software che descrive la nuova funzione di sicurezza:

La telecamera dell’abitacolo sopra lo specchietto retrovisore ora può rilevare e avvisare la disattenzione del conducente mentre il pilota automatico è attivato. I dati della telecamera non lasciano l’auto stessa, il che significa che il sistema non può salvare o trasmettere informazioni a meno che la condivisione dei dati non sia abilitata.

Nei tweet successivi, il proprietario della Model Y ha affermato che gli avvisi del sensore del volante erano ancora attivi.

Electrek ha anche visto le note di rilascio.

I veicoli Model S e Model X realizzati prima del 2021 non hanno una telecamera per cabina, sebbene le versioni ridisegnate annunciate a gennaio (che non sono ancora state spedite) dovrebbero averle.

Tesla non definisce il termine “disattenzione del conducente” che utilizza nelle note di rilascio o cosa succede se decide che qualcuno non sta prestando sufficiente attenzione. All’inizio di quest’anno, l’hacker @greentheonly e un complice sono stati in grado di farlo prendere in giro che versione in lavorazione del sistema di monitoraggio del conducente basato su telecamera potrebbe vedere. Era particolarmente bravo a notare quando l’autista guardava un telefono, anche se faceva fatica in condizioni di scarsa illuminazione.

La fotocamera dell’auto era praticamente benigna all’inizio della Model 3 e della Model Y, sebbene Tesla iniziò a usarla per assicurarsi che i conducenti nel beta test della sua versione “Full Self-Driving” di Autopilot stessero prestando attenzione a la strada. Musk ha detto a marzo che Tesla ha rimosso alcuni beta tester dal programma perché “non ha prestato sufficiente attenzione. ”

L’aggiunta della funzione di monitoraggio del conducente basata su telecamera segue anche una nuova ondata di controllo su Autopilot, che si è sollevata dopo un paio di incidenti mortali in cui inizialmente sembrava che il sistema di assistenza alla guida potesse essere stato coinvolto, sebbene, in un caso, i funzionari hanno respinto l’affermazione che il pilota automatico era attivoe nell’altro un primo rapporto del National Transportation Safety Board faceva sembrare improbabile che il sistema fosse in uso. Ci sono stati anche una serie di casi recentemente documentati di utenti di social media che pubblicano video che mostrano loro che ingannano Autopilot facendogli credere che qualcuno sia ancora al posto di guida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *