Il tribunale dominicano blocca la rimozione del fuggitivo gioielliere nato in India | Notizie sul crimine


Move solleva un altro ostacolo ai tentativi dell’India di far portare a casa Mehul Choksi e processarlo nel suo più grande caso di frode bancaria.

Un tribunale dominicano ha impedito alle autorità locali di rimuovere dal paese il gioielliere latitante Mehul Choksi, sollevando un altro ostacolo ai tentativi di Nuova Delhi di farlo riportare a casa e processarlo nel più grande caso di frode bancaria dell’India.

Choksi, nato in India, è stato catturato in Dominica all’inizio di questa settimana dopo essere scomparso domenica dalla nazione caraibica di Antigua, innescando una caccia all’uomo globale.

Viveva ad Antigua dove si era assicurato un passaporto, dopo essere fuggito dall’India prima che la frode venisse alla luce. È uno dei principali imputati del caso.

Dopo che Choksi è stato arrestato, Antigua ha rifiutato di riprenderlo.

Il primo ministro di Antigua e Barbuda, Gaston Browne, ha dichiarato al partner indiano dell’agenzia di stampa Reuters, ANI, che il paese è in trattative con il governo dominicano e indiano per il suo rimpatrio in India.

L’ordine del tribunale che blocca il suo rimpatrio è arrivato dopo che Choksi ha presentato una petizione di habeas corpus, che determina se una detenzione è legale, contro le autorità dominicane, ha detto a Reuters Vijay Aggarwal, il suo avvocato in India.

Il tribunale ha consentito a Choksi l’accesso all’assistenza legale, ha detto Aggarwal, aggiungendo che il caso sarà ascoltato venerdì.

La polizia federale indiana ha sporto denuncia per frode contro Choksi, suo nipote Nirav Modi e altri in relazione al loro sospetto coinvolgimento in transazioni fraudolente che hanno portato a perdite di circa 2 miliardi di dollari per la Punjab National Bank (PNB) indiana.

PNB ha affermato nel 2018 che alcuni dipendenti disonesti avevano rilasciato false garanzie bancarie per diversi anni per aiutare i gruppi di gioielli controllati da Modi e Choksi a raccogliere fondi in credito estero.

Modi e Choksi hanno viaggiato all’estero nel gennaio 2018 e da allora non sono più tornati. Entrambi hanno negato qualsiasi illecito.

Modi è stato arrestato a Londra nel 2019 e sta combattendo l’estradizione in India, mentre Nuova Delhi ha spinto per l’estradizione di Choksi da Antigua e Barbuda.

Subito dopo che Choksi ha lasciato l’India nel 2018, è emerso ad Antigua e Barbuda, dove ha acquisito la cittadinanza. È misteriosamente scomparso domenica, dopo di che la polizia di Antigua ha chiesto all’Interpol di lanciare un’allerta globale.

Choksi è stato successivamente arrestato nella vicina Dominica.

“È stato arrestato dalla polizia del nord della Dominica. Dal momento che l’area non ha un aeroporto, crediamo che abbia usato una barca per entrare illegalmente in Dominica ”, ha detto il canale indiano News18 citando un portavoce della polizia dominicana.

La polizia ha detto che Choksi è stato avvistato sulla spiaggia di Canefield nella capitale della Dominica, Roseau, mentre smaltiva documenti in mare, secondo News18.

La polizia in servizio sulla spiaggia ha trovato le sue azioni sospette. Lo hanno prima interrogato e poi arrestato.

“Abbiamo chiesto al governo dominicano di arrestarlo per essere entrato illegalmente nel loro paese… e di farlo deportare direttamente in India”, ha detto Browne a News18.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *