Osaka si piega sotto lo sforzo della quarta ondata giapponese di COVID-19 | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Gli ospedali nella seconda città più grande del Giappone di Osaka stanno cedendo a un’ondata di casi di coronavirus, a corto di letti e ventilatori mentre i medici esausti avvertono di un “collasso del sistema” e sconsigliano di andare avanti con le Olimpiadi di quest’estate.

La velocità con cui il sistema sanitario di Osaka è stato sopraffatto sottolinea le sfide di ospitare un evento sportivo globale chiave tra due mesi, in particolare quando solo circa la metà del personale medico giapponese ha completato le vaccinazioni.

“In poche parole, questo è un collasso del sistema medico”, ha detto Yuji Tohda, direttore del Kindai University Hospital di Osaka.

“La variante britannica altamente contagiosa e la scarsa attenzione hanno portato a questa crescita esplosiva del numero di pazienti”.

Il Giappone ha evitato le grandi infezioni subite da altre nazioni, ma la prefettura di Osaka ha subito il peso maggiore della quarta ondata, con 3.849 nuovi test positivi nella settimana fino a giovedì.

Ciò rappresenta un salto di oltre cinque volte rispetto al periodo corrispondente di tre mesi fa.

Solo il 14% dei 13.770 pazienti COVID-19 della prefettura sono stati ricoverati, lasciando la maggioranza a badare a se stessa. L’ultimo tasso di ospedalizzazione di Tokyo, in confronto, è del 37%.

Un comitato consultivo del governo vede tassi inferiori al 25% come un fattore scatenante per considerare l’imposizione di uno stato di emergenza.

Il dottor Toshiaki Minami, direttore dell’ospedale universitario medico e farmaceutico di Osaka, afferma che i casi si stanno diffondendo tra i giovani e le nuove varianti possono farli ammalare rapidamente [Akira Tomoshige/Reuters]

Entro giovedì, il 96% dei 348 posti letto ospedalieri che Osaka riserva per casi di virus gravi era in uso. Da marzo, 17 persone sono morte a causa della malattia fuori dagli ospedali della prefettura, hanno detto i funzionari questo mese.

La variante può far ammalare rapidamente anche i giovani e, una volta gravemente malati, i pazienti trovano difficile riprendersi, ha affermato il dott.Toshiaki Minami, direttore dell’Osaka Medical and Pharmaceutical University Hospital (OMPUH).

“Credo che fino ad ora molti giovani pensassero di essere invincibili. Ma questa volta non può essere così. Tutti corrono ugualmente il rischio. “

Punto di rottura

Minami ha detto che un fornitore gli ha recentemente detto che le scorte di propofol, un farmaco chiave usato per sedare i pazienti intubati, sono molto basse, mentre l’ospedale di Tohda è a corto di ventilatori vitali per i pazienti COVID-19 gravemente malati.

Prendersi cura dei pazienti in terapia intensiva di fronte al rischio di infezione ha comportato un grave pedaggio per il personale, ha affermato Satsuki Nakayama, il capo del dipartimento infermieristico di OMPUH.

“Ho uno staff di unità di terapia intensiva (ICU) che afferma di aver raggiunto un punto di rottura”, ha aggiunto. “Ho bisogno di pensare a un cambio di personale per portare persone da altre ali ospedaliere.”

Circa 500 medici e 950 infermieri lavorano presso OMPUH, che gestisce 832 posti letto. Dieci dei suoi 16 letti in terapia intensiva sono stati dedicati a pazienti affetti da virus. Venti dei circa 140 pazienti gravi ricoverati in ospedale sono morti in terapia intensiva.

Yasunori Komatsu, a capo di un sindacato di dipendenti del governo regionale, ha detto che le condizioni erano disastrose anche per gli infermieri della sanità pubblica presso i centri sanitari locali, che mantengono i contatti tra i pazienti e le istituzioni mediche.

“Alcuni di loro stanno accumulando 100, 150, 200 ore di straordinario e questo va avanti da un anno ormai … quando sono in servizio, a volte tornano a casa all’una o alle due del mattino e vanno a letto solo per essere svegliati da una telefonata alle tre o alle quattro. “

L’ex nuotatrice giapponese a dorso Aya Terakawa ha portato la torcia olimpica attraverso il Parco commemorativo dell’Expo ’70 a Osaka il mese scorso. Non c’erano spettatori a causa della pandemia [Kyodo via Reuters]

I professionisti medici con esperienza diretta della lotta di Osaka contro la pandemia hanno un’opinione negativa riguardo allo svolgimento dei Giochi di Tokyo, che si svolgeranno dal 23 luglio all’8 agosto. La Tokyo Medical Practitioners Association ha già chiesto l’annullamento dell’evento data la pressione. sugli ospedali della città.

“Le Olimpiadi dovrebbero essere interrotte, perché non siamo già riusciti a fermare il flusso di nuove varianti dall’Inghilterra, e il prossimo potrebbe essere un afflusso di varianti indiane”, ha detto il dottor Akira Takasu, capo della medicina d’urgenza presso OMPUH.

Si riferiva a una variante trovata per la prima volta in India che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha designato come fonte di preoccupazione dopo che gli studi iniziali hanno mostrato che si diffondeva più facilmente.

“Alle Olimpiadi, 70.000 o 80.000 atleti e la gente arriverà in questo paese da tutto il mondo. Questo potrebbe essere un fattore scatenante per un altro disastro in estate “.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *