Ultramaratona cinese: 21 corridori morti dopo eventi meteorologici estremi


Ventuno persone, tra cui due dei migliori atleti della maratona cinese, sono morte dopo che piogge gelate e forti venti hanno colpito una gara di montagna di 62 miglia nel nord-ovest della Cina, hanno detto i funzionari locali domenica.

Liang Jing, 31 anni, un campione di ultramaratona, e Huang Guanjun, il vincitore della maratona maschile per i corridori ipoudenti ai Giochi Paralimpici nazionali cinesi del 2019, sono stati tra quelli trovati morti, secondo i media statali.

Le morti hanno suscitato indignazione in Cina, con commentatori online che hanno messo in dubbio la preparazione del governo locale che ha organizzato la gara, tenutasi al Yellow River Stone Forest Park nella provincia di Gansu.

Nelle ore successive all’evento di sabato, il tempo è improvvisamente peggiorato mentre i corridori stavano salendo a 6.500 piedi sul livello del mare fino al segno delle 12 miglia, secondo Zhang Xuchen, il sindaco della vicina città di Baiyin, che ha sparato con la pistola iniziale. I corridori vestiti con pantaloncini e magliette si sono trovati improvvisamente ad affrontare condizioni di gelo e la pioggia si è trasformata in grandine. Alcuni sono svenuti per il freddo.

“In un breve periodo di tempo, grandine e pioggia gelata caddero nella zona, e c’erano forti venti”, ha detto il signor Zhang. “La temperatura è scesa bruscamente.”

Alcuni dei partecipanti hanno inviato un videomessaggio chiedendo aiuto e le autorità hanno inviato una squadra di soccorso che ha assistito 18 atleti, ha detto il signor Zhang. La gara è stata annullata entro le 14 di sabato.

In serata, i funzionari avevano avviato un enorme sforzo di salvataggio che ha coinvolto 1.200 persone nelle squadre di ricerca e soccorso, insieme a droni di imaging termico e altre attrezzature, hanno riferito i media statali. Nelle riprese video dell’emittente statale cinese, i soccorritori potrebbero essere visti sventolare nel buio con torce elettriche, alcuni in tuta da combattimento, altri in tute blu o arancioni con elmetto.

Credito…Jean-Pierre Clatot / Agence France-Presse – Getty Images

La gara, che ha avuto inizio in un sito turistico vicino al fiume Giallo e ha seguito un percorso attraverso canyon con enormi stalagmiti di pietra, era stata organizzata dal governo locale negli ultimi quattro anni. Era visto come un modo per promuovere il turismo nella zona, che si trova in una delle province più povere della Cina.

Quest’anno, 172 persone hanno partecipato alla gara di 62 miglia, mentre centinaia di altre sono state registrate per correre in eventi più brevi. I funzionari hanno detto che 151 partecipanti alla gara sono stati confermati al sicuro e che un ultimo corridore scomparso è stato trovato morto domenica mattina. Otto persone erano in cura in un ospedale.

Il signor Zhang ha detto che gli sforzi di salvataggio sono stati complicati da una frana dopo la pioggia. La regione è soggetta a smottamenti e inondazioni.

Domenica, la discussione online in Cina si è concentrata sull’apparente incapacità di prepararsi alla possibilità di condizioni meteorologiche estreme. Alcuni si sono chiesti se gli organizzatori avessero prestato sufficiente attenzione alle previsioni del tempo.

La notizia che due corridori d’élite erano tra i morti ha amplificato la rabbia del pubblico. Il Beijing News, di proprietà statale, ha riportato la morte del signor Liang, che negli ultimi anni aveva vinto diverse ultramaratone in Cina. Due corridori che hanno aiutato con i soccorsi hanno confermato la morte del signor Huang, secondo il Red Star News di proprietà statale.

Steve Brammar, il direttore di gara della 100 ultramaratona di Hong Kong, ha dichiarato domenica che il signor Liang è stato tra i migliori atleti di ultra-endurance al mondo.

“Ci mancheranno le sue risposte lunghe, ponderate e oneste alle domande durante le conferenze stampa e il suo stile di corsa potente e coraggioso”, ha detto Brammar in un messaggio pubblicato su Facebook. Il signor Liang ha partecipato alla gara di Hong Kong l’anno scorso.

“Lo ricorderemo sempre al traguardo dell’evento 2020, tenendo in braccio il suo bambino e abbracciando sua moglie”, ha detto Brammar.

Il governo della provincia di Gansu ha istituito una squadra per indagare sulle morti, secondo i media statali.

Il signor Zhang si è scusato domenica in una conferenza stampa televisiva.

“In qualità di organizzatori dell’evento, ci sentiamo profondamente in colpa”, ha detto il signor Zhang. “Esprimiamo il nostro dolore per le vittime e le nostre più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime e dei feriti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *