Il vulcano Nyiragongo della Repubblica Democratica del Congo erutta, scatenando il panico | Notizie sull’ambiente


Interruzione di corrente nella città di Goma, poiché alcuni residenti lasciano le loro case e si dirigono verso il vicino confine con il Ruanda.

Il monte Nyiragongo nella Repubblica Democratica del Congo orientale, uno dei vulcani più attivi del mondo, è esploso mandando in fuga i residenti in preda al panico della vicina città di Goma, anche se un vulcanologo ha detto che la città non sembra essere in pericolo.

La corrente è stata interrotta in città e alcuni residenti hanno iniziato a lasciare le loro case, dirigendosi verso il vicino confine con il Ruanda sabato.

Il governatore militare della provincia del Nord Kivu, di cui Goma è capitale, “ha confermato l’eruzione del vulcano Nyiragongo… intorno alle 19:00 [17:00 GMT]”.

“Le indagini sono in corso e le persone devono seguire la guida delle unità di protezione civile”, ha detto il generale Constant Ndima, chiedendo “calma”.

I residenti hanno sentito un forte odore di zolfo per le strade della città orientale, che si trova sul fianco meridionale della montagna e sulla sponda settentrionale del lago Kivu.

Dario Tedesco, un vulcanologo nella città lacustre di quasi due milioni di abitanti, ha detto all’agenzia di stampa Reuters che Goma non sembra essere a rischio e la lava sembra scorrere verso est, in direzione del confine ruandese. In precedenza aveva detto che pensava che la lava potesse colpire Goma, ma in seguito ha detto che non era così.

“Riesco a vedere alte fontane di lava”, ha detto Tedesco a Reuters.

Traduzione: “Il governo dice che sta monitorando da vicino la situazione a Goma, in particolare l’attività del vulcano Nyiragongo. Secondo Patrick Muyaya [a Congolese politician]”Le autorità locali stanno attualmente valutando la situazione con l’osservatorio vulcanologico di Goma, seguirà una comunicazione dettagliata”, ha scritto su Twitter il giornalista Stanis Bujakera.

Il Nyiragongo è scoppiato per l’ultima volta nel 2002, uccidendo 250 persone e rendendo 120.000 senza tetto dopo che la lava si è riversata a Goma.

Gli osservatori del vulcano sono preoccupati che l’attività vulcanica osservata negli ultimi cinque anni al Nyiragongo rispecchi quella degli anni precedenti le eruzioni del 1977 e del 2002.

I vulcanologi del Goma Volcano Observatory (OVG), che monitora il Nyiragongo, hanno faticato a fare i controlli di base da quando la Banca mondiale ha tagliato i fondi tra accuse di appropriazione indebita.

Vapore e schizzi di roccia fusa sono raffigurati nel lago di lava del Monte Nyiragongo, un vulcano attivo nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo [File: AFP]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *