Il presidente del Nepal scioglie il parlamento, nuove elezioni a novembre | Notizie sulle elezioni


La presidenza afferma che né il primo ministro provvisorio né il leader dell’opposizione sono stati in grado di dimostrare la maggioranza per formare un nuovo governo.

Il Nepal è precipitato in una nuova agitazione politica quando il presidente Bidya Devi Bhandari ha sciolto il parlamento e fissato le elezioni generali a novembre in mezzo a un peggioramento dello scoppio del COVID-19.

L’annuncio a sorpresa di sabato arriva dopo che una dichiarazione presidenziale ha detto che né il primo ministro KP Sharma Oli, né il leader dell’opposizione Sher Bahadur Deuba sono stati in grado di dimostrare la maggioranza per formare un nuovo governo entro la scadenza di venerdì fissata da Bhandari.

“Il presidente ha sciolto la Camera dei rappresentanti e ha ordinato la prima fase delle elezioni generali il 12 novembre e la seconda fase il 19 novembre”, si legge in una dichiarazione presidenziale rilasciata dopo la mezzanotte.

Il presidente nepalese Bidya Devi Bhandari rende omaggio durante la cerimonia di apertura di una mostra itinerante su Lumbini, Nepal a Yangon, Myanmar, il 19 ottobre 2019 [Thein Zaw/ AP]

Ha affermato che la decisione è stata presa su raccomandazione del gabinetto guidato dal primo ministro in carica Oli, il cui scioglimento del parlamento nel dicembre 2020 ha scatenato settimane di proteste ed è stato dichiarato incostituzionale dalla Corte Suprema a febbraio.

Non c’è stato alcun commento immediato da parte dei partiti politici sull’ultima mossa.

Il Nepal sta combattendo una seconda ondata mortale della pandemia e segnala in media 8.207 nuove infezioni ogni giorno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *