Bitcoin termina la settimana in caduta libera mentre la Cina avverte di repressione delle criptovalute | Notizie dal settore automobilistico


La più grande valuta digitale è scesa fino al 10% nel trading di fine venerdì, raggiungendo i 35.636 $, con altri token che hanno registrato anche perdite a due cifre.

Bitcoin si sta dirigendo di nuovo nel fine settimana in caduta libera dopo un nuovo avvertimento da parte dei funzionari cinesi di reprimere le criptovalute.

La più grande valuta digitale è scesa fino al 10% nel trading di fine venerdì fino a $ 35.636 e anche i token peer hanno registrato perdite a due cifre. La moneta ha quasi raggiunto i $ 30.000 all’inizio della settimana, dopo essere terminata il 14 maggio a $ 49.100.

L’ultimo colpo è arrivato quando il Consiglio di Stato cinese ha ribadito la sua richiesta di limitare l’estrazione e il commercio di Bitcoin. Il mercato delle criptovalute è stato già scosso all’inizio della settimana dalla vendita forzata e dalle possibili conseguenze fiscali statunitensi.

Il selloff di venerdì ha colpito i credenti di Bitcoin ancora arrabbiati dopo che l’ex sostenitore Elon Musk ha fatto dietrofront e ha criticato il token per il suo utilizzo di energia. Bitcoin è sceso di circa il 25% dallo scorso venerdì, anche se è passato da un tuffo di mercoledì a un minimo di $ 30.000. Anche altre monete sono crollate: Ether è sceso di circa il 38% nelle ultime sette sessioni.

Il tratto aspro è iniziato con Musk che sospende l’accettazione dei pagamenti Bitcoin presso Tesla Inc. e scambia sbavature con i booster della criptovaluta su Twitter. La banca centrale cinese ha aggiunto al downdraft martedì con una dichiarazione che mette in guardia contro l’uso di valute virtuali. Giovedì, è emerso che gli Stati Uniti potrebbero richiedere che le transazioni crittografiche di $ 10.000 o più vengano segnalate alle autorità fiscali.

La Cina ha da tempo espresso disappunto per l’anonimato fornito da Bitcoin e altri token crittografici e ha avvertito in precedenza che le istituzioni finanziarie non erano autorizzate ad accettarlo per il pagamento. Il paese ospita una grande concentrazione di minatori crittografici del mondo, che richiedono enormi quantità di energia e quindi si scontrano con gli sforzi della nazione per frenare le emissioni di gas serra.

“La nuova guida emessa dalle agenzie di regolamentazione – la stanno prendendo più seriamente, vogliono più applicazione”, ha detto venerdì in un’intervista Bobby Lee, fondatore e amministratore delegato del provider di archiviazione crittografica Ballet. “Si parla di inseguire i minatori. La domanda è: riescono a catturare tutti i minatori. “

Le mosse della Cina di questa settimana evidenziano il continuo desiderio del paese di cercare il controllo su questa asset class notoriamente volatile. È qualcosa che la Cina preferirebbe vedere regolamentata dalla Banca popolare cinese, dicono gli osservatori del mercato.

“Non è proprio la questione mineraria il problema”, ha affermato Matt Maley, capo stratega del mercato per Miller Tabak + Co. “Dicono che lo stanno facendo come parte di uno sforzo per controllare l’assunzione di rischi nei loro mercati, ma è davvero un segnale che la Cina non sarà un grande mercato per le criptovalute a meno che non sia controllato dalla PBOC “.

Nel frattempo, è probabile che la volatilità in Bitcoin rimanga elevata. Il selloff di venerdì ha spinto ancora una volta Bitcoin al di sotto del suo prezzo medio negli ultimi 200 giorni, il che ad alcuni grafici e analisti tecnici suggerisce che potrebbe scendere ancora a circa $ 30.000, dove ha trovato supporto all’inizio di questa settimana.

Le oscillazioni di questa settimana hanno portato a enormi liquidazioni da parte di investitori indebitati e danneggiato la narrativa secondo cui le criptovalute diventeranno più stabili con la maturazione del settore. Le azioni di Musk hanno mostrato come solo pochi tweet possano ancora sconvolgere l’intero mercato. Ma anche di più, gli ultimi giorni hanno rinnovato la minaccia normativa sul mercato delle criptovalute.

“Gli investitori stanno sottovalutando il rischio normativo delle criptovalute mentre i governi difendono i loro lucrosi monopoli sulla valuta”, ha affermato Jay Hatfield, amministratore delegato di Infrastructure Capital Advisors a New York. Negli Stati Uniti, la possibile imposizione di obblighi di segnalazione delle transazioni potrebbe essere la “punta dell’iceberg” di potenziali regole del Tesoro sulle valute virtuali, ha affermato.

Per quanto riguarda i regolamenti in Cina, potrebbe essere un gioco di aspettare e vedere.

“Devi sempre procedere con cautela con la Cina, non diventare mai troppo rialzista o ribassista”, ha affermato David Tawil, presidente di ProChain Capital. “Dovremo vedere cosa porterà il regolamento. Una cosa è da dire, è un’altra da fare “.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.