Tim Cook deve affrontare dure domande sull’App Store da parte del giudice nel processo Fortnite

Apple ha chiamato il CEO Tim Cook per concludere tre settimane di testimonianza in Epic v. Apple – e con l’avvicinarsi della fine del processo, il giudice Yvonne Gonzalez Rogers ha coinvolto Cook in uno scambio sorprendentemente teso sul modello di business di Apple.

Rogers ha notato che la maggior parte delle entrate dell’App Store di Apple proviene dai giochi e ha chiesto a Cook perché gli sviluppatori non possono utilizzare altri metodi di pagamento per vendere acquisti in-app, o almeno dire agli utenti che possono effettuare tali transazioni altrove. “Se volevano andare a ottenere un Battle Pass o V-Bucks più economici e non sanno di avere questa opzione, qual è il problema con Apple che gli dà questa opzione?” lei chiese.

“Se permettessimo alle persone di collegarsi in questo modo, in sostanza rinunceremmo al nostro totale ritorno sul nostro [intellectual property]”Disse Cook senza mezzi termini. Apple ha parlato più volte del lavoro che svolge per mantenere l’App Store e la piattaforma iOS, e ha accusato aziende come Epic di volere un giro gratis.

Rogers ha fatto il caso opposto. “L’industria del gioco sembra generare una quantità di denaro sproporzionata rispetto all’IP che stai dando a loro ea tutti gli altri. In un certo senso, è quasi come se stessero sovvenzionando tutti gli altri “, ha detto.

Cook ha ribattuto che le numerose app gratuite di Apple hanno attratto un pubblico più ampio di quello che gli sviluppatori potrebbero ottenere da soli. “Abbiamo bisogno di un ritorno sul nostro IP. Abbiamo 150.000 API che creiamo e gestiamo, numerosi strumenti per sviluppatori e il servizio clienti per gestire tutte queste transazioni “, ha affermato.

Ma Rogers non sembrava convinto. Ha chiesto perché Apple non avrebbe preso una parte di qualcosa come una transazione di app bancaria: “Non addebiti Wells Fargo, giusto? O Bank of America? Ma stai chiedendo ai giocatori di sovvenzionare Wells Fargo. ” Quando Cook ha detto che era perché Apple addebitava specificamente le vendite di beni digitali, Rogers ha notato che la stessa Apple aveva definito quella regola, dicendo che era una scelta deliberata del modello di business.

“Capisco l’idea che in qualche modo Apple stia portando i clienti agli utenti. Ma dopo quella prima volta, dopo quella prima interazione, il file [developers] stanno mantenendo il cliente con i giochi. Apple sta solo approfittando di questo, mi sembra “, ha detto Rogers.

Ha anche detto che non sembrava che i recenti cali di prezzo dell’App Store di Apple fossero motivati ​​dalla concorrenza, solo dalla paura della regolamentazione e delle cause legali. “Il problema con il programma Small Business da 1 milione di dollari, almeno da quello che ho visto finora: in realtà non era il risultato della concorrenza. Sembrava essere il risultato della pressione che provi dalle indagini, dalle cause legali, non dalla concorrenza “, ha detto Rogers.

Cook ha risposto che dopo che Apple aveva abbassato alcune commissioni al 15%, Google ha fatto lo stesso, indicando che c’era concorrenza, ma il giudice è stato sprezzante di questo argomento. «Forse questo lo capisco [was the issue] quando Google ha cambiato il prezzo, ma la tua azione non è stata il risultato della concorrenza “, ha detto.

Il cuore del problema, per Rogers, sembra essere un sondaggio che indica che il 39% degli sviluppatori era “un po ‘” o “molto” insoddisfatto dei servizi di distribuzione di Apple. “Com’è accettabile e com’è – supponendo che quei numeri siano veri – com’è che ti senti motivato e incentivato a soddisfare le loro esigenze?” ha chiesto a Cook.

Cook ha affermato che a volte le esigenze degli sviluppatori e degli utenti sono in conflitto e Cook ha sottolineato nella sua precedente testimonianza che Apple mette gli utenti al primo posto. Ma ha riconosciuto di non ricevere regolarmente sondaggi sulla soddisfazione degli sviluppatori.

Non conosceremo il verdetto di Epic v. Apple per settimane o mesi, e resta un giorno di discussioni in tribunale. Lo scambio con Cook non ci dice necessariamente come Rogers finirà per governare, e certamente non significa che Epic soddisferà alcune delle sue maggiori richieste. Ciò suggerisce, tuttavia, che Rogers stia seriamente prendendo in considerazione l’argomento di Epic secondo cui Apple ha troppo controllo su una parte specifica di iOS.

Di seguito puoi trovare lo scambio completo tra Rogers e Cook.

Giudice Yvonne Gonzalez Rogers: All’inizio della tua testimonianza hai indicato che volevi concentrarti sugli utenti. Ho visto prove che una parte significativa delle entrate dagli acquisti in-app proviene dai giocatori. Hai visto prove in tal senso?

Il CEO di Apple Tim Cook: Sì, tuo onore.

Rogers: Ed è incredibilmente significativo: rispetto a tutti gli altri utenti, le entrate provengono dai giocatori più di chiunque altro, ho ragione nella mia attuale comprensione?

Cucinare: La maggior parte delle entrate sull’App Store proviene dai giochi.

Rogers: E in particolare gli acquisti in-app, giusto?

Cucinare: Corretta.

Rogers: L’altra cosa che hai detto è che vuoi dare agli utenti il ​​controllo.

Cucinare: Giusto. Per i loro dati.

Rogers: Allora qual è il problema nel consentire agli utenti di avere scelta, soprattutto in un contesto di gioco, di avere un’opzione più economica per i contenuti?

Cucinare: Penso che oggi abbiano una scelta. Possono scegliere tra molti diversi modelli Android di smartphone o iPhone e quell’iPhone ha una serie di principi alla base, dalla sicurezza alla privacy.

Rogers: Ma se volevano andare a ottenere un Battle Pass o V-Bucks più economici e non sanno di avere questa opzione, qual è il problema con Apple che gli dà questa opzione? O almeno le informazioni che possono andare e avere un’opzione diversa per fare acquisti?

Cucinare: Se permettessimo alle persone di collegarsi in questo modo, in sostanza rinunceremmo al nostro ritorno totale sul nostro IP.

Rogers: Ma potresti anche monetizzarlo in un modo diverso, no? Voglio dire, cioè, l’industria del gioco sembra generare una quantità di denaro sproporzionata rispetto all’IP che stai dando a loro ea tutti gli altri. In un certo senso, è quasi come se stessero sovvenzionando tutti gli altri.

Cucinare: La maggior parte delle app sull’App Store sono gratuite, quindi hai ragione sul fatto che lì c’è una sorta di sussidio. Tuttavia, il mio modo di vedere la cosa, Vostro Onore, è che avere un numero così elevato di app gratuite nello store, aumenta notevolmente il traffico verso il negozio, quindi il vantaggio che qualcuno ottiene è un pubblico molto più alto da vendere a di quanto farebbero altrimenti se non ci fossero app gratuite lì.

Rogers: Quindi la tua logica è che si tratta più di una base di clienti, non di un IP, quindi?

Cucinare: È entrambe le cose, perché abbiamo bisogno di un ritorno sul nostro IP. Abbiamo 150.000 API che creiamo e gestiamo, numerosi strumenti per sviluppatori e il servizio clienti per gestire tutte queste transazioni.

Rogers: Ma lascia che te lo chieda, quindi app bancarie. Ho più app bancarie, non le ho pagate, ma sospetto che oltre ai $ 99, non addebiti Wells Fargo, giusto? O Bank of America? Ma stai chiedendo ai giocatori di sovvenzionare Wells Fargo.

Cucinare: Nell’esempio dei giocatori, stanno effettuando transazioni sulla nostra piattaforma.

Rogers: Le persone stanno facendo molte cose sulla tua piattaforma.

Cucinare: Ma questa è una transazione digitale con un cambiamento di valuta osservabile.

Rogers: È solo una scelta di un modello.

Cucinare: Abbiamo fatto una scelta. Ci sono chiaramente altri modi per monetizzare, ma abbiamo scelto questo, perché pensiamo che questo nel complesso sia il modo migliore.

Rogers: Bene, è abbastanza redditizio. Ma sembra essere redditizio e incentrato sugli acquisti che vengono effettuati francamente su base d’impulso – questa è una domanda completamente diversa, se sia una cosa buona o meno, non è davvero giusto per la legge antitrust – ma sembra essere sproporzionata . Capisco l’idea che in qualche modo Apple stia portando i clienti agli utenti. Ma dopo quella prima volta, dopo quella prima interazione, il file [developers] stanno mantenendo il cliente con i giochi. Apple sta solo approfittando di questo, mi sembra.

Cucinare: La vedo diversamente da te, Vostro Onore. Ritengo che stiamo creando l’intera quantità di commercio nel negozio e lo stiamo facendo concentrandoci sull’ottenere il pubblico più vasto lì. Lo facciamo con molte app gratuite, quindi [even if] non raccogliamo una commissione da loro, portano molto sul tavolo. E poi abbiamo la maggior parte delle altre persone che pagano il 15% e solo le persone che traggono realmente profitti in modo maggiore pagano il 30%.

Rogers: Sì, ma il 15 percento, giusto … saresti d’accordo con l’affermazione di base che la concorrenza è buona?

Cucinare: Penso che la concorrenza sia fantastica. Abbiamo una forte concorrenza.

Rogers: Tuttavia, non hai concorrenza in quegli acquisti in-app.

Cucinare: Certo, voglio dire che qualcuno potrebbe andare, se è un giocatore, potrebbe andare a comprarlo su Sony PlayStation o Microsoft Xbox o Nintendo Switch.

Rogers: Solo se lo sanno, giusto?

Cucinare: Sì, ma spetta allo sviluppatore comunicare.

Rogers: E solo se decidono di cambiare in termini di come fanno le cose, giusto?

Cucinare: Di solito le persone hanno entrambe le cose.

Rogers: Il problema con il programma Small Business da 1 milione di dollari, almeno da quello che ho visto finora: non era davvero il risultato della concorrenza. Sembrava essere il risultato della pressione che provi dalle indagini, dalle cause legali, non dalla concorrenza.

Cucinare: È stato il risultato del sentirsi come se dovessimo fare qualcosa da un punto di vista COVID, e poi scegliere di fare qualcosa di permanente invece di fare qualcosa di molto temporaneo. E ovviamente avevamo le cause legali e tutto il resto nella parte posteriore della nostra testa, ma la cosa che lo ha scatenato è stato che eravamo molto preoccupati per le piccole imprese.

Rogers: Va bene, ma non era competizione.

Cucinare: È stata la competizione dopo che abbiamo fatto il nostro 15, è stata la concorrenza che ha fatto scendere il loro da Google al 15%.

Rogers: Lo capisco forse quando Google ha cambiato il prezzo, ma la tua azione non è stata il risultato della concorrenza.

Cucinare: È stato il risultato della sensazione che dovremmo fare qualcosa per le piccole imprese.

Rogers: Quindi, quando altri negozi hanno ridotto il prezzo, Steam ha ridotto il prezzo, non hai sentito alcuna pressione a ridurre il tuo prezzo.

Cucinare: Non ho familiarità con Steam e il loro modello finanziario. Una delle cose che mancano qui è che c’è una grande concorrenza per gli sviluppatori. Non è solo concorrenza da parte dell’utente, è anche con il lato sviluppatore, oltre agli utenti. Puoi immaginare che se avessimo un tipo di commissione superiore al mercato, le persone non si svilupperebbero per noi.

Rogers: Parliamo di sviluppatori. Vedo prove nel registro che c’è un sondaggio tra gli sviluppatori: condividerò i risultati di questo grafico a barre che mi è stato presentato. Non so quanto sia accurato, perché ho cercato il documento sorgente e non sono riuscito a trovarlo. Ma questo sondaggio ha indicato che il 39% degli sviluppatori era molto insoddisfatto o in qualche modo insoddisfatto dei servizi di distribuzione di Apple. Il 36 percento era piuttosto soddisfatto o molto soddisfatto, e il 19 percento non è andato in nessun modo, si trova nel mezzo. Quindi, con il 39% di tutti i tuoi sviluppatori insoddisfatto, com’è accettabile e com’è – supponendo che quei numeri siano veri – com’è che ti senti motivato e incentivato a soddisfare le loro esigenze?

Cucinare: Non ho familiarità con il documento a cui fai riferimento, quindi è difficile commentare alcune specifiche. Ma tieni presente che su base settimanale rifiutiamo il 40 percento [of apps sent for review], quindi c’è sicuramente qualche attrito nel sistema. Ma questo attrito è ciò che produce un’esperienza curata per gli utenti, che amano e possono andare da qualche parte ed essere certi che è sicuro e affidabile. Quindi a volte lo sviluppatore e l’utente, i loro interessi non si intersecano.

Rogers: Ma non mi sembra che tu ti senta sotto pressione o competizione per cambiare effettivamente il modo in cui agisci per affrontare le preoccupazioni degli sviluppatori – ancora una volta, se questi numeri sono corretti.

Cucinare: Lo vedrei in un modo diverso. Capovolgiamo il posto per gli sviluppatori. Guarda un reclamo che potrei ricevere e guarda quanto tempo è necessario per un cambiamento in azienda. È incredibile, in realtà.

Rogers: Abbiamo visto una serie di dichiarazioni di profitti e perdite e ancora una volta vedete i 100 raccoglitori dietro di me: non ricordo di aver visto altri sondaggi o altri documenti aziendali che dimostrano che conduci regolarmente sondaggi sulla soddisfazione degli sviluppatori e che tu in effetti spostare o apportare modifiche. Prendo con le pinze le prove aneddotiche di ciascuna parte. Quello che cerco sono gli aggregati. Lo fai?

Cucinare: Non so se lo facciamo. Sarebbe qualcosa che Phil [Schiller] saprebbe.

Rogers: Certamente, come amministratore delegato, non ricevi rapporti regolari su questo.

Cucinare: È corretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.