L’UE per consentire l’ingresso ai viaggiatori vaccinati



(CNN) – A quasi un anno dalla chiusura dei confini, l’Unione Europea ha accettato di consentire l’ingresso ai viaggiatori vaccinati provenienti da paesi con bassi tassi di infezione, aumentando la possibilità di fughe estive nel continente.

La mossa tanto attesa è stata confermata mercoledì quando l’UE ha pubblicato le sue raccomandazioni per l’abolizione delle restrizioni di viaggio nel blocco.

Un elenco approvato di destinazioni “sicure” dovrebbe essere firmato questa settimana, anche se non c’è ancora alcuna conferma su quando queste modifiche saranno implementate.

Si pensa che i singoli Stati membri avranno la decisione finale su quali misure imporre, il che significa che alcuni potrebbero ancora scegliere di mantenere in vigore le misure di quarantena, mentre altri potrebbero richiedere test PCR negativi e / o prove di vaccinazione.

I funzionari sarebbero ottimisti sul fatto che le nuove regole entreranno in vigore a giugno, fornendo una spinta tanto necessaria all’industria del turismo con l’inizio dell’estate. Tuttavia, i piani prevedono un “freno di emergenza” nel caso in cui i tassi di infezione aumentino di nuovo.

Opzione freno di emergenza

Lo ha detto un funzionario dell’UE CNN che il blocco terrà conto della reciprocità nel redigere il suo elenco, ma le raccomandazioni suggeriscono che saranno inclusi i paesi con meno di 75 casi ogni 100.000 persone.

Giovedì è prevista l’adozione formale delle raccomandazioni, che non sono giuridicamente vincolanti per gli Stati membri.

Le proposte sono state pubblicate per la prima volta da Unione Europea all’inizio di questo mese dopo che il membro del blocco Grecia ha annunciato che avrebbe accolto viaggiatori internazionali completamente vaccinati o testati da Covid.

“Gli Stati membri potrebbero estenderlo anche a quelli vaccinati con un vaccino che hanno completato il processo di elenco degli usi di emergenza dell’OMS”, ha aggiunto una dichiarazione ufficiale.

Ha indicato che, per poter entrare, i viaggiatori avrebbero dovuto essere vaccinati con vaccinazioni approvate dall’UE almeno due settimane prima del viaggio.

Restrizioni su ingresso in Grecia sono stati ufficialmente allentati il ​​14 maggio, consentendo ai viaggiatori vaccinati oa quelli con un risultato negativo di un test PCR Covid-19 effettuato più di 72 ore prima dell’arrivo.

L’Islanda, uno stato membro dello Spazio economico europeo, ha aperto i suoi confini ai viaggiatori vaccinati ad aprile.

La Croazia accoglie anche i viaggiatori vaccinati, nonché coloro che presentano un test PCR negativo o la prova di essersi ripresi dal test Covid-19 negli ultimi 180 giorni e non meno di 11 giorni prima del loro arrivo.

All’inizio di questo mese, Cipro ha riaperto ai viaggiatori vaccinati provenienti da 65 paesi, inclusi gli Stati Uniti e il Regno Unito, mentre il Portogallo ha iniziato a consentire l’ingresso ai visitatori provenienti da Inghilterra, Scozia e Galles dopo essere stato aggiunto alla lista “verde” del Regno Unito dei paesi in cui viaggi senza quarantena è permesso.

Ulteriori dettagli sul “Certificato verde digitale”, che sarà richiesto come prova della vaccinazione o dell’immunità per i viaggiatori che entrano nei confini dell’Unione Europea, non sono stati ancora forniti.

La Commissione UE aveva precedentemente affermato che il certificato confermerà che una persona è stata vaccinata contro il Covid-19, ha ricevuto un risultato negativo del test o si è ripresa dal Covid-19.

Sharon Braithwaite, Stephanie Halasz e James Frater della CNN hanno contribuito al rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *