Ben Platt spegne le critiche sul ruolo del film di Dear Evan Hansen


Ovviamente, la realtà dell’invecchiamento di Platt non è andata persa all’attore né a coloro che hanno realizzato il progetto tanto atteso. “Penso che tutti ovviamente avessero in mente che non sarei rimasto adolescente per sempre”, ha detto Vanity Fair. “La necessità di farlo era un po ‘urgente. Poi, naturalmente, è avvenuta la pandemia, e ho pensato che fosse così – sarebbe stato un divieto, e quando la pandemia fosse finita, sarei cresciuta troppo esso. “

Come i fan sanno ora, alla fine non è stato così. Ha iniziato le riprese nel settembre 2020, il film che segna uno dei primi nuovi progetti della Universal Pictures durante la pandemia di coronavirus. “Con mia piacevole sorpresa, la Universal sembrava davvero determinata a farlo”, ha osservato Vanity Fair, “e nello specifico realizzarlo con me.”

Dopotutto, Platt è stato acclamato per la sua performance emotiva notte dopo notte fino a quando ha preso il suo ultimo inchino come Hansen nel novembre 2017. Quell’anno, ha portato a casa il Tony Award come miglior attore in un musical, uno dei sei per lo spettacolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.