‘Speriamo in una buona stagione’: l’Italia si prepara a riaccogliere i turisti | Coronavirus


ioSe qualcuno è in una posizione strategica per prendere nota delle persone che mettono piede sulla piccola isola italiana del Giglio, è Rosalba Pellegrini. Il suo bar e pasticceria, Fausto, si affaccia sul porto, dove arrivano i traghetti da Porto Santo Stefano, un paese sulla penisola toscana del Monte Argentario. Un’infarinatura di persone, principalmente escursionisti e ciclisti, è scesa dalla barca di mezzogiorno lunedì.

“Abbiamo visto alcuni volti nuovi arrivare negli ultimi due fine settimana, ma per il resto è molto, molto tranquillo”, ha detto.

Ciò potrebbe cambiare ora che l’Italia ha abbandonato le misure di quarantena del Covid-19 per i turisti in arrivo dai paesi dell’UE e dell’area Schengen, nonché dal Regno Unito e da Israele. La quarantena è stata rimossa anche per i visitatori che viaggiano da Stati Uniti, Canada, Giappone ed Emirati Arabi Uniti a bordo di voli testati da Covid. Tutti i turisti dovranno fornire la prova di essere stati completamente vaccinati con un vaccino Covid-19 approvato dall’UE, di essersi ripresi dal virus o di essere risultati negativi 48 ore prima del viaggio.

Rosalba Pellegrini in the Fausto bar
Rosalba Pellegrini: “Viviamo praticamente tutti di turismo, quindi è fondamentale per la sopravvivenza dell’isola”. Fotografia: Angela Giuffrida / The Guardian

Come altre piccole isole italiane, la prossima settimana il Giglio vaccinerà tutta la sua popolazione di circa 1.400, oltre ai lavoratori stagionali, in vista della stagione estiva.

“Abbiamo fatto sorprendentemente bene la scorsa estate anche se la stagione è iniziata tardi”, ha aggiunto Pellegrini. “Ma è stato un inverno lungo e duro. Praticamente viviamo tutti di turismo, quindi è fondamentale per la sopravvivenza dell’isola “.

Il Giglio vanta numerose baie incontaminate con acqua cristallina ed è un paradiso per gli escursionisti, ma è conosciuto soprattutto fuori dall’Italia per la tragedia della Costa Concordia, la nave da crociera che affondò parzialmente a pochi metri dalla riva dell’isola nel gennaio 2012, uccidendo 32 persone. persone. L’enorme carcassa arrugginita della nave incombeva sul porto del Giglio, attirando molti escursionisti che chiamavano per una rapida fotografia, prima di essere rimossa nel luglio 2014.

Sergio Ortelli, sindaco del Giglio, da allora si è impegnato a fondo per promuovere l’isola ai turisti stranieri.

“Il Giglio è stato attraversato durante il periodo della Costa Concordia poiché molte persone associavano l’isola al terrore”, ha detto Ortelli. “Così abbiamo fatto una grande campagna turistica in tutto il mondo e organizzato eventi culturali per cercare di far tornare le persone. Il Giglio non è un’isola grande ma è accogliente e noi siamo pronti ad ospitare le persone “.

Ortelli prevede che tutti gli isolani vengano vaccinati entro la fine della prossima settimana. “Nel giugno dello scorso anno, sono diventato il primo sindaco in Italia a rendere obbligatorio per le persone indossare maschere per il viso all’esterno”, ha detto. “Ora che abbiamo il vaccino, spero di diventare il primo sindaco a rimuovere l’obbligo di maschere per il viso all’esterno”.

C’è molto entusiasmo sull’isola per il jab. “Siamo tutti molto disponibili a farlo”, ha detto Federica Andolti, che lavora al Bumbabar, un bar e ristorante a Giglio Castello, un borgo medievale arroccato sulla cima dell’isola. “Fino a poco tempo, solo i toscani potevano visitare, o quelli che avevano una seconda casa. Speriamo in una buona stagione e senza Covid. “

L’Italia ha introdotto il suo “pass verde” di viaggio prima del lancio a giugno dell’equivalente dell’UE per cercare di salvare un’industria che, prima della pandemia, rappresentava il 14% del PIL.

“Pochi paesi sono intrecciati con il turismo come l’Italia”, ha detto questo mese Mario Draghi, primo ministro italiano.

Parallelamente al piano, il programma di vaccinazione del Paese ha subito un’accelerazione nelle ultime settimane. Oltre 28 milioni di persone hanno ricevuto una dose a partire da martedì, mentre quasi 9 milioni sono completamente vaccinati. Martedì l’Italia ha registrato 4.452 nuovi contagi e altri 201 decessi poiché il governo di Draghi ha ulteriormente allentato le restrizioni, inclusa la riduzione del coprifuoco notturno e potenzialmente la demolizione del 21 giugno. Tutte le 20 regioni italiane, a parte la Valle d’Aosta, sono ora nella “zona gialla” a basso rischio, consentendo alle persone di viaggiare liberamente tra ciascuna.

L’istituto di ricerca Demoskopika lunedì ha dipinto un quadro ottimistico, stimando che almeno 39 milioni di turisti stranieri e nazionali farebbero viaggi in Italia quest’estate, in crescita del 12% rispetto allo scorso anno.

“Il piano vaccinale e [travel] i pass verdi sono senza dubbio un incentivo per il processo di ripresa del turismo ”, ha detto all’Ansa Raffaele Rio, presidente di Demoskopia.

Dall’altra parte del mare dal Giglio sul Monte Argentario, persone come Stefania Marconi, che gestisce la Torre di Cala Piccola, un hotel affacciato su una piccola baia, contano sul recupero.

L’hotel ha riaperto venerdì. “Stiamo iniziando a ricevere prenotazioni, ma, come lo scorso anno, abbiamo dovuto investire molto nella preparazione e molto lavoro va fatto per assicurarci che tutto sia sicuro”, ha detto Marconi. “Ma siamo molto entusiasti di ripartire e siamo pronti a dare il benvenuto alle persone.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *