Perché ci sono stati così tanti No-Hitters nel 2021?


Era passata la mezzanotte sulla costa orientale quando Spencer Turnbull dei Detroit Tigers ha consegnato un fastball 94,7 miglia all’ora a Mitch Haniger dei Seattle Mariners che ha ribaltato il guanto di Eric Haase per il 27 ° out nel quinto no-hitter di baseball questo stagione.

L’evento ha ispirato le tipiche campane e fischietti di un no-hitter: i servizi di Wire hanno inviato avvisi di notizie, MLB.com ha assegnato al punteggio della scatola del gioco un badge speciale e Turnbull, un destrimano di 28 anni che ha guidato le major in due sconfitte. stagioni fa, era giustamente entusiasta.

“È di gran lunga la notte più bella della mia vita, la più emozionante, ed è decisamente un po ‘come uno di quei segni distintivi della mia carriera fino a questo punto”, ha detto Turnbull in una videoconferenza post partita.

Ma il no hitter, e quelli prima di questo in questa stagione, hanno sollevato domande su come il baseball possa già avere cinque no-hiters così all’inizio dell’anno e perché sembrano verificarsi a un ritmo così straordinario.

Una specie di! Bumgarner, l’ex asso (e tre volte vincitore della World Series) dei San Francisco Giants, ha escluso Atlanta il 25 aprile e non ha permesso di ottenere risultati. Ma a causa delle regole del doubleheader sviluppate la scorsa stagione, il gioco era limitato a sette inning. Una sentenza del 1991 intesa a eliminare i no-hitters abbreviati dalla pioggia e altre stranezze ha reso il lancio di almeno nove inning completi un requisito affinché una partita sia riconosciuta come no-hitter. Il gioco di Bumgarner sarà invece classificato come un “risultato notevole”.

“Non ho rinunciato a nessun colpo oggi”, ha detto Bumgarner. “Non ho il controllo di quanti inning stiamo giocando.”

Sono in gioco una serie di fattori che portano all’ondata di no-hitters. L’enfasi sul lancio di potenza, il dispiegamento chirurgico di mitigatori e battitori di alta qualità che hanno mostrato la volontà di svendere i contatti per aumentare la potenza hanno portato a numeri strani su tutta la linea.

Le squadre hanno registrato una media di 7.83 colpi a partita fino al 18 maggio, il secondo punteggio più basso nella storia del baseball dietro al 1908, secondo Baseball Reference – e stanno battendo un record di 8,97 volte a partita. Di conseguenza, i battitori stanno toccando un minimo record di 0,236 e il punteggio è in calo per la seconda stagione consecutiva.

Un altro fattore che deve essere considerato è il controllo. Le partite complete sono quasi del tutto una cosa del passato – ce ne sono state solo 13 in questa stagione, e ce ne sono state meno di 40 in ogni stagione dal 2014 – ma i cinque lanciatori che hanno lanciato un no-hitter in questa stagione hanno mantenuto il conteggio dei lanci basso impiegando un controllo notevole. Turnbull ha camminato due battitori e Miley ha camminato uno. Gli altri tre lanciatori che hanno lanciato un no-hitter in questa stagione non hanno emesso un solo passaggio gratuito.

E non puoi scartare la varianza semplice. Mentre i no-hitters arrivano a un ritmo abbastanza prevedibile per lunghi periodi di tempo, sono spesso arrivati ​​in gruppi e poi hanno fatto lunghi tratti senza uno.

Cinque no-hitter fino al 18 maggio è in realtà un ritmo più lento rispetto al baseball nel 1917, quando il quinto no-hitter della stagione arrivò il 6 maggio nonostante quella stagione non fosse iniziata fino all’11 aprile – 10 giorni dopo l’inizio di questa stagione. Bob Groom’s giorno magico il 6 maggio di quella stagione – ha tirato due inning no-hit nella prima partita di un doubleheader e poi altri nove nella seconda partita – è stato il terzo no-hitter in un arco di cinque giorni.

Con le squadre che non hanno raggiunto nemmeno 50 partite ciascuna in questa stagione, e la stagione programmata per andare a 162 completi, il record moderno di sette no-hiters sembra a portata di mano, così come il record complessivo di otto, stabilito nel 1884.

Ma niente è certo, non importa quale sia il ritmo attuale. Dopo che il baseball arrivò così rapidamente a cinque giocatori senza successo nel 1917, ce ne fu solo uno in più per il resto della stagione. Quella partita solitaria è stata sicuramente memorabile: Babe Ruth dei Boston Red Sox ha camminato come primo battitore della partita, è stata espulsa per aver litigato su palle e colpi (e ha colpito l’arbitro dietro l’orecchio in un capriccio epico), solo per avere il sollievo Ernie Shore cancellare il corridore di base su un rubato catturato prima di ritirare tutti i 26 battitori che ha affrontato.

Difficilmente. Mentre Nolan Ryan lo era il lanciatore più inaffidabile nella storia della major league, e ha lanciato un record di sette no-hitters, altri lanciatori dominanti non sono riusciti a lanciarne uno nonostante credenziali simili – in particolare Roger Clemens, Greg Maddux, Pedro Martinez e Grover Cleveland Alexander.

Tra le superstar attuali che devono ancora lanciarne una: Gerrit Cole degli Yankees, Shane Bieber di Cleveland, Zack Greinke degli Houston Astros e Jacob deGrom dei Mets.

Nel frattempo, Mike Fiers, un veterano abbastanza poco entusiasmante degli Oakland Athletics, ne ha lanciati due.

Con tutti questi no-hitters sembrerebbe logico che un gioco perfetto sarebbe mescolato in, ma il baseball è in un tratto stranamente lungo senza uno. Sia Carlos Rodon che John Means si sono avvicinati in modo allettante alla perfezione in questa stagione, ma Felix Hernandez dei Seattle Mariners ha lanciato l’ultima partita perfetta di baseball il 15 agosto 2012. Quel periodo di quasi nove anni è il più lungo tra le partite perfette dal divario di 13 anni 7 giorni tra Il capolavoro di Catfish Hunter l’8 maggio 1968 e Len Barker il 15 maggio 1981.

Sia Seattle che Cleveland sono state due volte senza successo in questa stagione, ma le cose stanno iniziando a farsi strane per Kyle Seager, la terza base dei Mariners. Come ha notato Christopher Kamka su Twitter, Seager è stato ora coinvolto in nove no-hitters nella sua carriera di 11 stagioni:

Ovviamente, le probabilità di Seager di essere coinvolto in no-hitters sono aiutate dal fatto che la sua squadra sta raggiungendo il peggiore .199 della major league fino al 18 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *