L’UE presenta un piano dell’OMC per aumentare la produzione di vaccini COVID | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Sotto pressione, l’UE afferma di avere un’alternativa per aumentare la produzione in modo più efficace rispetto alla proposta di rinuncia ai diritti di brevetto, ora sostenuta dagli Stati Uniti.

L’Unione europea ha presentato un piano che ritiene contribuirà a rafforzare la produzione e la disponibilità di vaccini COVID-19 in modo più efficace rispetto a una proposta di rinuncia ai diritti di brevetto ora sostenuta dagli Stati Uniti.

Sotto la pressione dei paesi in via di sviluppo che chiedono una rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale (PI) per vaccini e trattamenti, l’UE ha presentato mercoledì un’alternativa incentrata sulle restrizioni all’esportazione, gli impegni degli sviluppatori di vaccini e la flessibilità delle norme esistenti dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

Il capo dell’OMC Tedros Adhanom Ghebreyesus ha detto lunedì che il mondo è arrivato a una situazione di “apartheid vaccinale”, con i paesi più poveri che costituiscono la metà della popolazione che riceve solo il 17% dei vaccini.

Il commissario europeo per il commercio Valdis Dombrovskis ha dichiarato al Parlamento europeo che l’accesso universale ed equo è la priorità numero uno della comunità globale.

In un dibattito sull’accesso globale ai vaccini, Dombrovskis ha detto ai legislatori che l’UE era pronta a impegnarsi per esaminare fino a che punto la rinuncia temporanea all’accordo TRIPS dell’OMC abbia contribuito a rendere i vaccini più disponibili.

L’India e il Sud Africa hanno esortato i colleghi membri dell’OMC da ottobre a revocare i diritti di proprietà intellettuale sui vaccini come un modo per garantire che il mondo venga rifornito. Il dibattito sulla questione è scoppiato di nuovo la scorsa settimana quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sostenuto l’idea.

L’UE e altri oppositori hanno affermato che ciò non aumenterà la produzione di vaccini.

Il vicepresidente della Commissione europea ha affermato che il modo più efficace per ottenere l’accesso universale è aumentare la produzione, condividere più vaccini e renderli accessibili.

Dombrovskis ha detto che il piano dell’UE aveva tre elementi.

Le restrizioni all’esportazione dovrebbero essere ridotte al minimo, ha detto, sottolineando che metà dei vaccini prodotti nei paesi dell’UE erano stati esportati. Sabato il presidente francese Emmanuel Macron ha esortato Washington a far cadere le restrizioni sulle esportazioni di vaccini e componenti dei vaccini.

I produttori e gli sviluppatori di vaccini dovrebbero anche prendere impegni concreti per aumentare l’offerta ai paesi in via di sviluppo vulnerabili a costi di produzione, ha detto Dombrovskis.

Infine, Dombrovskis ha evidenziato le regole esistenti dell’OMC che consentono ai paesi di concedere licenze ai produttori anche senza il consenso del titolare del brevetto. Se un tale produttore ha fornito vaccini a un prezzo di costo, il titolare dei diritti non dovrebbe trarre profitto da alcun pagamento dovuto.

La Commissione, che presenterà il piano ai membri dell’OMC all’inizio di giugno, ha affermato che potrebbe essere attuato molto più rapidamente di una deroga, il che richiederebbe una modifica delle regole dell’OMC e potrebbe richiedere molti mesi per essere elaborato.

Il Parlamento europeo voterà una risoluzione sulla rinuncia alla PI a giugno, anche se il dibattito di mercoledì ha mostrato una netta divisione tra i gruppi di sinistra e quelli verdi a favore e quelli di destra contrari.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *