Le forze israeliane uccidono i manifestanti palestinesi nella Cisgiordania occupata | Notizie di conflitto


Decine di feriti martedì durante le proteste durante uno sciopero generale in tutta la Cisgiordania occupata.

Beit El, Cisgiordania occupata – Un palestinese è stato ucciso e decine di feriti da colpi di arma da fuoco israeliani durante gli scontri al checkpoint militare di Beit El vicino a Ramallah nella Cisgiordania occupata.

Muhammed Ishaq Hamid, 25 anni, è stato gravemente ferito durante gli scontri ed è stato dichiarato morto all’arrivo in un ospedale di Ramallah.

Secondo quanto riferito, anche due soldati israeliani sono rimasti feriti da colpi di arma da fuoco palestinesi.

Lo sviluppo è arrivato in ritardo martedì durante uno sciopero generale in tutta la Cisgiordania occupata per piangere la crescente carneficina a Gaza mentre il bilancio delle vittime degli attacchi aerei israeliani ha raggiunto 213 nell’enclave assediata.

Martedì mattina, centinaia di palestinesi si sono riuniti nella piazza Manara di Ramallah, sventolando bandiere e cantando canzoni patriottiche prima di marciare verso il posto di blocco militare di Beit El, ad Al Bireh.

I manifestanti aiutano un manifestante ferito durante una protesta anti-israeliana vicino a Beit El [Ammar Awad/Reuters]

“La mia famiglia è originaria di Haifa, ma è stata cacciata dagli israeliani durante la prima guerra arabo-israeliana ed è stata costretta a fuggire all’estero”, ha detto ad Al Jazeera Randa, che ha preso parte alla manifestazione con i suoi figli e nipoti.

“La situazione è molto miserabile. I palestinesi hanno il diritto di combattere l’occupazione perché Israele uccide molti del nostro popolo e allontana le persone dalla propria terra “.

Ahmed Alian, sette anni, del campo di Jelazon vicino a Ramallah, era vestito con un’uniforme militare e aveva in mano una pistola finta.

“Siamo qui oggi a causa delle morti a Gaza, soprattutto di bambini, e della situazione a Gerusalemme est”, ha detto ad Al Jazeera sua madre, Rana Alian.

Due palestinesi sono stati uccisi all’inizio della giornata e più di 100 feriti nel corso di martedì.

Ubaidah Jawareh è stato ucciso dai soldati israeliani durante scontri nel campo profughi di Aroub a nord di Gerusalemme est, mentre un altro palestinese è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco a Hebron City dalle forze israeliane dopo aver affermato che era armato di coltello ed esplosivo e stava per sferrare un attacco.

Per tutto martedì, sono stati segnalati pesanti scontri anche in altre città della Cisgiordania occupata, tra cui Hebron, Betlemme, Nablus, Beit El vicino a Ramallah e Budrus.

Hamas e Fatah hanno chiesto l’attacco martedì e hanno esortato i palestinesi a confrontarsi con i coloni israeliani e le forze di sicurezza in vari momenti a Gerusalemme est e in Cisgiordania per protestare contro le vittime degli attacchi israeliani a Gaza, nonché i 14 palestinesi uccisi e centinaia di feriti durante scontri con le forze di sicurezza israeliane in Cisgiordania.

Da lunedì, almeno 10 israeliani e due lavoratori thailandesi sono stati uccisi anche in attacchi missilistici da Gaza.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.