Amazon estende il divieto all’uso da parte della polizia del suo software di riconoscimento facciale ‘fino a nuovo avviso’

Amazon ha esteso la sua moratoria sull’uso da parte delle forze dell’ordine del suo software di riconoscimento facciale “fino a nuovo avviso” secondo Reuters. Il divieto sarebbe scaduto a giugno.

Già nel 2018, i dipendenti di Amazon avevano spinto Amazon a ridimensionare il progetto, sostenendo che i pregiudizi razziali documentati nel riconoscimento facciale avrebbero potuto esacerbare la violenza della polizia contro le minoranze. Amazon ha difeso il progetto fino a giugno 2020, quando la crescente pressione delle proteste diffuse ha portato la società ad annunciare una moratoria di un anno sui clienti della polizia per il servizio.

Rekognition è offerto come servizio AWS e molti dei concorrenti del cloud computing di Amazon hanno una tecnologia simile. Microsoft ha annunciato che non avrebbe nemmeno venduto i suoi servizi di riconoscimento facciale alla polizia il giorno dopo l’impegno di Amazon e IBM ha detto che avrebbe smesso di sviluppare o ricercare la tecnologia di riconoscimento facciale nella stessa settimana. Google non offre commercialmente a nessuno la sua tecnologia di riconoscimento facciale.

Amazon non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento sul motivo per cui il divieto era stato esteso. In una dichiarazione fornita quando è stato emesso per la prima volta il divieto di utilizzo da parte delle forze dell’ordine, Amazon ha affermato di sperare che il Congresso avrebbe utilizzato l’anno previsto dalla moratoria per attuare le regole che circondano l’uso etico della tecnologia di riconoscimento facciale. Parte della sua dichiarazione diceva:

Abbiamo sostenuto che i governi dovrebbero mettere in atto normative più severe per governare l’uso etico della tecnologia di riconoscimento facciale e negli ultimi giorni il Congresso sembra pronto ad accettare questa sfida. Ci auguriamo che questa moratoria di un anno possa dare al Congresso abbastanza tempo per attuare regole appropriate e siamo pronti ad aiutare se richiesto.

Finora, nessuna legislazione federale ha affrontato l’uso del riconoscimento facciale da parte della polizia, ma una serie di misure statali e locali hanno approvato l’uso di questa tecnologia. San Francisco è stata la prima città degli Stati Uniti a vietare l’uso del riconoscimento facciale da parte del governo nel maggio 2019, seguito da Oakland poco dopo. Anche le città di Portland nell’Oregon e nel Maine hanno approvato una legislazione sulla tecnologia alla fine del 2020. Lo stato del Massachusetts non ha approvato un divieto proposto nel dicembre 2020 ma ha recentemente approvato una proposta di legge modificata ciò aggiunge alcune restrizioni all’uso da parte della polizia del riconoscimento facciale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *