La nuova politica sulla privacy di WhatsApp è appena stata introdotta. Ecco cosa devi sapere

All’inizio dell’anno, WhatsApp ha compiuto il passo apparentemente banale di aggiornare i suoi termini di utilizzo e l’informativa sulla privacy, concentrandosi principalmente sulle offerte aziendali dell’app. Le modifiche hanno suscitato un forte contraccolpo, tuttavia, perché hanno inavvertitamente evidenziato la politica di WhatsApp di condividere alcuni dati utente, come i numeri di telefono, con la società madre Facebook. Invece di cambiare la policy che ha scatenato la polemica, WhatsApp ha invece spostato la scadenza per l’accettazione da parte degli utenti dalla data originaria dell’8 febbraio a sabato. Se non lo fai? WhatsApp diventerà inutilizzabile.

Ma non tutto in una volta. Se non hai ancora accettato la nuova politica, inizierai a vedere più popup in WhatsApp che delineano le modifiche con un grande pulsante verde Accetta in basso. Se lo tocchi, WhatsApp continuerà a condividere alcuni dati del tuo account con Facebook. Se preferisci non essere d’accordo, all’inizio sarai in grado di premere una freccia indietro nell’angolo in alto a sinistra della sovrapposizione. Nel corso del tempo, tuttavia, i popup appariranno più frequentemente. Alla fine non sarai più in grado di fare clic e la funzionalità dell’app inizierà a peggiorare.

WhatsApp aveva inizialmente indicato a febbraio che chiunque avesse rifiutato gli aggiornamenti avrebbe perso immediatamente la funzionalità. Ma da allora la società ha deciso di lasciare che le ruote si staccassero gradualmente dall’auto per diverse settimane prima che l’app sbandasse in un fosso e smettesse di funzionare del tutto.

“Nelle ultime settimane abbiamo visualizzato una notifica su WhatsApp che fornisce ulteriori informazioni sull’aggiornamento”, ha affermato la società in a dichiarazione. “Dopo aver dato a tutti il ​​tempo di rivedere, continuiamo a ricordare a coloro che non hanno avuto la possibilità di farlo di rivedere e accettare. Dopo un periodo di diverse settimane, il promemoria che le persone ricevono alla fine diventerà persistente. “

Una volta raggiunto il punto in cui WhatsApp ha intonacato la sua notifica dei criteri sulla sua interfaccia, sarai comunque in grado di utilizzare l’app in qualche modo per un po ‘. Sarai in grado di ricevere le chiamate in arrivo, ad esempio, e se hai attivato le notifiche puoi leggere e rispondere ai messaggi in questo modo. Ma non sarai in grado di vedere il tuo elenco di chat o avviare contatti di alcun tipo con gli amici di WhatsApp, perché ancora una volta, un aggiornamento della politica sulla privacy bloccherà il tuo percorso. Dopo alcune settimane di quell’esperienza stentata, WhatsApp staccherà completamente la spina e non riceverai più nemmeno chiamate o messaggi.

La realtà è che per la maggior parte degli utenti, accettare le modifiche alla politica sulla privacy non influirà molto sulle loro interazioni con WhatsApp. Tutte le comunicazioni su WhatsApp saranno comunque crittografate end-to-end per impostazione predefinita, il che significa che i tuoi messaggi e le tue foto saranno ancora visualizzabili solo da te e dagli utenti con cui stai chattando. E WhatsApp non sarà ancora in grado di accedere a nessuna delle tue comunicazioni o condividerle con Facebook. Nel frattempo, WhatsApp volere essere in grado di condividere le informazioni sull’account utente come il tuo numero di telefono, i registri di quanto tempo e quanto spesso usi WhatsApp, identificatori del dispositivo, indirizzi IP e altri dettagli sul tuo dispositivo con Facebook. Inoltre, WhatsApp può condividere dati di transazione e pagamento, cookie e informazioni sulla posizione con Facebook se concedi il permesso. Tutto ciò è vero dal 2016.

La forza del contraccolpo probabilmente ha colto WhatsApp alla sprovvista, dato che ha ricordato agli utenti una politica esistente piuttosto che crearne una nuova. Pochi giorni dopo che WhatsApp ha annunciato per la prima volta le modifiche il 4 gennaio, l’app di messaggistica Telegram disse aveva guadagnato decine di milioni di utenti e Signal si vantava “senza precedenti” crescita. Nel tentativo di fermare l’emorragia, WhatsApp ha ritardato di mesi l’implementazione completa delle nuove politiche in modo che gli utenti avrebbero avuto più tempo per conoscere le modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *