Israele distrugge la casa del leader più anziano di Hamas a Gaza | Notizie di Gaza


I militari dicono che ha colpito le case di Yehiyeh Sinwar, il leader più anziano di Hamas a Gaza, e di suo fratello.

L’esercito israeliano ha detto di aver distrutto la casa del massimo leader di Hamas a Gaza nel mezzo dei continui bombardamenti dell’enclave palestinese.

L’attacco ha preso di mira le case di Yehiyeh Sinwar, il leader più anziano di Hamas a Gaza, e di suo fratello Muhammad, un altro membro anziano di Hamas. Un testimone dell’agenzia di stampa AFP ha confermato che la casa di Sinwar era stata colpita.

Sabato, Israele ha bombardato la casa di Khalil al-Hayeh, una figura di spicco del ramo politico di Hamas, dicendo che l’edificio faceva parte delle “infrastrutture terroristiche” del gruppo.

Non ci sono stati rapporti immediati se qualcuno degli obiettivi è stato ucciso. I membri di Hamas si sono in gran parte nascosti dall’ultima escalation, iniziata lunedì.

Parlando sabato sera ai manifestanti filo-palestinesi a Doha, in Qatar, il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha detto che il gruppo continuerà.

“La resistenza non cederà e sarà sempre in cima alla montagna, portando la spada e lo scudo per Gerusalemme e Al-Aqsa, a Dio piacendo”, ha detto. “Questa è la Gaza assediata … 15 anni sotto assedio da ogni direzione, questa è Gaza oggi”.

L’esercito israeliano ha affermato di aver effettuato anche attacchi contro i sistemi del tunnel di Hamas.

I gruppi armati di Hamas e della Jihad islamica hanno riconosciuto che 20 combattenti sono stati uccisi da quando sono scoppiati i combattimenti, mentre Israele ha affermato che il numero è più alto.

Bombardamenti continui

Più di 170 palestinesi, tra cui almeno 47 bambini, sono stati uccisi nella Striscia di Gaza in sette giorni di attacchi israeliani. Nella Cisgiordania occupata, le forze israeliane hanno ucciso almeno 13 palestinesi.

Israele ha riferito di 10 morti, tra cui due bambini, a causa delle migliaia di missili lanciati da Hamas, molti dei quali sono stati intercettati dal sistema di difesa aerea israeliano Iron Dome.

C’è stata anche una diffusa violenza intercomunitaria in Israele durante l’escalation.

Nella prima mattinata di domenica, aerei da guerra israeliani hanno colpito diversi edifici e strade nel centro di Gaza City. Gli attacchi aerei hanno colpito un cratere che ha bloccato una delle strade principali che portavano all’ospedale al-Shifa, il più grande centro medico della Striscia.

Anche il capo della medicina interna dell’ospedale è stato ucciso negli attacchi israeliani, secondo il ministero della salute di Gaza.

Dall’inizio del conflitto, Israele ha raso al suolo un certo numero di uffici e edifici residenziali più alti di Gaza City, sostenendo che ospitino le infrastrutture militari di Hamas.

Sabato, i missili israeliani hanno demolito l’edificio di 11 piani al-Jalaa, che ospitava gli uffici di Al Jazeera e dell’Associated Press.

Hamas ha iniziato a lanciare razzi contro Israele lunedì in seguito alle repressioni contro i manifestanti che si opponevano all’espulsione delle famiglie palestinesi dal quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme est e ai successivi raid alla moschea di Al-Aqsa.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si riunirà domenica più tardi per discutere la peggiore epidemia di violenza israelo-palestinese degli ultimi anni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.