Vai a leggere questo sguardo su come il sistema di blocco di Clubhouse è problematico

Chiunque abbia trascorso più di cinque minuti sui social media può dirti che la maggior parte delle piattaforme ha molti troll, risponditori e altre persone con cui potrebbe essere sgradevole interagire. Su grandi piattaforme come Twitter, Faecbook e Instagram, l’opzione per bloccare un altro utente ti consente di tenere qualcuno fuori dal tuo feed. Il blocco è tutt’altro che una soluzione perfetta, ma almeno offre agli utenti un modo per continuare a utilizzare le piattaforme ed evitare (alcune) brutte interazioni.

Ma come Will Oremus scrive per L’Atlantico, la piattaforma di chat audio di un anno Clubhouse ha un meccanismo diverso per il blocco, uno che non riguarda solo il blocco e il blocco (lo so, ma come lo chiameresti?):

Quando blocchi qualcuno su Clubhouse, non influisce solo sulle comunicazioni tra voi due, come farebbe su Facebook o Twitter. Piuttosto, limita il modo in cui quella persona può comunicare anche con gli altri. Una volta bloccati, non possono unirsi o nemmeno vedere alcuna stanza che crei o in cui stai parlando, il che li blocca effettivamente per tutti gli altri in quella stanza. Se vieni portato “sul palco” dal pubblico per parlare, chiunque altro tra il pubblico che hai bloccato verrà tenuto fuori dal palco per tutto il tempo in cui sei lassù. E se sei un moderatore di una stanza, puoi bloccare un oratore e avviarlo dalla conversazione in tempo reale, anche se è a metà frase.

Quindi, in sostanza, un “badge nero” su Clubhouse può limitare chi parla, dove e quando sulla piattaforma. Come osserva Oremus, bloccare un’altra persona su Clubhouse è un atto sociale, che influisce su più interazioni. E i membri di gruppi sottorappresentati hanno affermato che il blocco può essere “armato” su Clubhouse, per reprimere determinati punti di vista o limitare le conversazioni:

Una, una donna di colore sulla ventina che studia medicina, ha detto che le è stato vietato l’accesso alle stanze per discutere di vaccinazioni nelle comunità nere, perché un influente anti-vaxxer che frequenta quelle stanze l’ha bloccata. Si è anche trovata improvvisamente esclusa da un settimanale WandaVision Watch-party club che era diventata la sua esperienza preferita sull’app, evidentemente perché un membro l’aveva bloccata.

Il brusio intorno a Clubhouse, che ha attirato 10 milioni di utenti nel suo anno inaugurale, lo ha fatto ha iniziato a svanire un po; ha rilasciato solo di recente una versione per dispositivi Android e i nuovi utenti possono partecipare solo se invitati da un utente corrente. Aggiungete a ciò la crescente popolarità e l’accessibilità superiore della piattaforma di chat audio di Twitter Spaces, e sembra che Clubhouse possa affrontare un viaggio accidentato. Vai a leggere questa analisi del motivo per cui il suo insolito sistema di blocco potrebbe in definitiva contribuire al declino della piattaforma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *