Le azioni USA salgono per il secondo giorno consecutivo, superando i timori di inflazione | Notizie economiche e di economia


Wall Street sembrava ritrovare l’equilibrio alla fine del più grande ritiro degli ultimi 11 settimane.

Di Bloomberg

Le azioni statunitensi sono aumentate e i rendimenti del Tesoro sono diminuiti per il secondo giorno consecutivo poiché i prezzi delle materie prime più moderati hanno contribuito ad alleviare le preoccupazioni sui rischi di inflazione.

Le azioni di energia e tecnologia hanno guidato l’S & P 500, che è crollato di più mercoledì da febbraio. Il Nasdaq 100 ad alto contenuto tecnologico ha sovraperformato l’indice più ampio, suggerendo che una ripresa del mercato sta guadagnando slancio, dopo una settimana brusca che ha visto la crescente pressione sui prezzi colpire le azioni. Entrambi gli indici hanno comunque chiuso la settimana in rosso. Un progresso nelle azioni europee è stato guidato dalle industrie cicliche. L’indicatore di quota Asia-Pacifico di MSCI Inc. è aumentato di oltre l’1%.

“Le persone sono molto ottimiste dal punto di vista economico”, ha affermato Simon Maughan, capo del trading alpha di Liquidnet. “Da qui alla fine dell’anno, il mercato è ancora sulla traiettoria al rialzo. Chiaramente il sentimento è estremamente ottimista riguardo alla domanda repressa “.

I mercati sembrano riacquistare il loro equilibrio alla fine del loro più grande arretramento in 11 settimane, con l’obiettivo dei benefici di un rimbalzo economico che prevale sulla preoccupazione per l’effetto collaterale negativo dell’inflazione, per ora.

La politica della Federal Reserve è in una buona posizione in questo momento, ha detto il presidente della Fed di Cleveland Loretta Mester, mentre minimizza i segnali dai dati che avverte saranno volatili con la riapertura dell’economia.

Ciò potrebbe aiutare a rinvigorire la narrativa reflazionistica della scelta di azioni di valore legate alla crescita economica rispetto ai favoriti della pandemia. La Walt Disney Co. è caduta dopo i risultati che hanno mostrato una crescita vacillante presso il servizio di streaming Disney +.

I titoli del Tesoro hanno guadagnato dopo che un rapporto mostrava che le vendite al dettaglio negli Stati Uniti erano in stallo ad aprile dopo un netto progresso nel mese precedente. Il dollaro è rimasto più debole nei confronti di tutti i suoi pari Gruppo dei 10.

“I numeri deludenti delle vendite al dettaglio non dovrebbero essere davvero una grande sorpresa dato che il mese scorso ha incluso denaro stimolante per i conti bancari”, ha affermato Mike Loewengart, amministratore delegato della strategia di investimento di E * Trade Financial. “Probabilmente supporta il punto di vista che il calo che abbiamo sperimentato questa settimana è un’opportunità di acquisto mentre tutti i settori marciano verso la piena ripresa”.

Il minerale di ferro ha continuato la sua caduta da un record tra gli sforzi della Cina per reprimere l’aumento dei prezzi, con il metallo impostato per il più grande calo di due giorni dal 2019. Il petrolio ha cancellato un calo precedente, riducendo la sua perdita settimanale.

Il bitcoin è stato scambiato sopra i $ 50.000, invertendo parte del suo crollo sulla decisione di Tesla Inc. di sospendere gli acquisti utilizzando la valuta digitale.

Queste sono alcune delle principali mosse nei mercati:

Azioni

  • L’S & P 500 è salito dell’1,5%, più di qualsiasi guadagno di chiusura dal 26 marzo alle 16:00 ora di New York
  • Il Nasdaq 100 è salito del 2,2%, più di qualsiasi guadagno di chiusura dall’11 marzo
  • Il Dow Jones Industrial Average è aumentato dell’1,1%
  • L’indice MSCI World è salito dell’1,6%, più di qualsiasi guadagno di chiusura dal 1 ° marzo

Valute

  • L’indice Bloomberg Dollar Spot è sceso dello 0,3%, più di qualsiasi perdita di chiusura dal 7 maggio
  • L’euro è salito dello 0,5% a $ 1,2143
  • La sterlina britannica è salita dello 0,3% a $ 1,4098
  • Lo yen giapponese è salito dello 0,1% a 109,35 per dollaro

Obbligazioni

  • Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è sceso di tre punti base all’1,63%
  • Il rendimento a 10 anni della Germania è sceso di un punto base, più di qualsiasi perdita di chiusura dal 4 maggio
  • Il rendimento a 10 anni della Gran Bretagna è sceso di quattro punti base, più di qualsiasi perdita di chiusura dal 4 maggio

Materie prime

  • Il greggio West Texas Intermediate è aumentato del 2,4%, il massimo dal 4 maggio
  • I futures sull’oro sono aumentati dell’1% a 1.843 dollari l’oncia



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *