Cipro presenta la prima accusa nel sistema di passaporti per investimenti | Notizie dall’Europa


L’azione contro cinque persone fisiche e quattro persone giuridiche è stata intrapresa sulla base dei risultati di un comitato ad hoc.

Cipro ha intentato la sua prima azione penale in un controverso regime di passaporto per investimenti abolito lo scorso anno dopo la corruzione di Al Jazeera esporre, secondo il servizio legale statale.

“Il primo procedimento penale riguardante la naturalizzazione di investitori stranieri e uomini d’affari è stato registrato presso il tribunale distrettuale di Larnaca”, si legge in una nota venerdì.

L’azione contro cinque persone e quattro persone giuridiche, affrontando un totale di 37 accuse, è stata intrapresa sulla base dei risultati di un comitato ad hoc, ha detto, senza fornire i nomi.

Il servizio legale ha detto che “dettagli sensibili” non sarebbero stati divulgati a causa della “gravità” delle indagini.

‘Passaporto d’oro’

Lo scorso novembre, Cipro ha abbandonato il cosiddetto schema del “passaporto d’oro” dopo che la televisione di Al Jazeera ha trasmesso un documentario che mostrava giornalisti che si atteggiavano a faccendieri per un uomo d’affari cinese che cercava un passaporto cipriota nonostante avesse precedenti penali.

Il presidente del parlamento Demetris Syllouris e un politico dell’opposizione sono stati filmati segretamente mentre cercavano di facilitare un passaporto per l’investitore latitante.

Successivamente si sono dimessi, anche se entrambi hanno insistito di essere innocenti di qualsiasi illecito.

Al Jazeera ha riferito che dozzine di altri che hanno presentato domanda erano sotto inchiesta penale, sanzioni internazionali o addirittura stavano scontando pene detentive.

Nicosia ha affrontato a lungo le pressioni di Bruxelles per riformare il regime per le preoccupazioni che avrebbe potuto aiutare le bande della criminalità organizzata a infiltrarsi nell’Unione europea.

Cipro aveva affermato che l’investimento era essenziale dopo il crollo economico dell’isola del 2013.

Migliaia di documenti

Nicosia ha emesso migliaia di passaporti nell’ambito del programma, consentendo ai richiedenti di acquistarne uno in cambio di un investimento di 3 milioni di dollari.

Secondo i risultati provvisori di un’indagine indipendente, circa il 51% dei 6.779 passaporti rilasciati dal 2007 al 2020 è andato a destinatari che non avrebbero dovuto qualificarsi.

Ha detto che le autorità avevano richieste di cittadinanza timbrate senza seguire un giusto processo o adeguati controlli dei precedenti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *