“Tempesta perfetta” spinge Demon Slayer nei libri dei record | Notizie di arte e cultura


Tokyo, Giappone – Il successo senza precedenti del film Demon Slayer ha contribuito a sottolineare il potenziale della sua industria degli anime e la sua attenzione all’intrattenimento di massa, e ad aumentare il morale giapponese mentre il paese combatte contro una rinnovata ondata di casi di coronavirus.

Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba the Movie: Mugen Train ora possiede i libri dei record giapponesi.

Dopo una dozzina di settimane consecutive alla fine dello scorso anno come il film con i maggiori incassi in Giappone – sta ancora andando forte – a dicembre ha superato La città incantata di Hayao Miyazaki come il film giapponese n. 1 con i maggiori guadagni di tutti i tempi.

Ora è in cima al box office negli Stati Uniti, solo due settimane dopo la sua uscita lì.

Il principale portavoce del governo giapponese, il segretario capo del governo Katsunobu Kato, questa settimana ha celebrato Demon Slayer come “una brillante notizia che la cultura manga giapponese è stata molto apprezzata in tutto il mondo”.

Nelle 29 settimane dalla sua uscita, il film ha venduto quasi 29 milioni di biglietti e ha incassato circa 365 milioni di dollari di vendite nel solo mercato giapponese.

Roland Kelts, autore del libro Japamerica: How Japanese Pop Culture has Invaded the US, attribuisce il fenomenale successo di Demon Slayer al raduno di “una tempesta perfetta”.

Un elemento chiave è stato il suo “lancio strategico”, ha detto.

È iniziato come manga serializzato – fumetti giapponesi o graphic novel – sulla rivista Weekly Shonen Jump nel febbraio 2015, prima di evolversi in una serie anime televisiva in 26 parti che è stata rilasciata in modo sfalsato dall’aprile 2019 e successivamente trasmessa in streaming su varie piattaforme, solo allora è diventato il lungometraggio uscito nell’ottobre dello scorso anno.

Il processo esteso ha permesso che il ronzio aumentasse gradualmente.

Un altro elemento è stato il tempismo dell’uscita cinematografica. È arrivato durante una pausa della pandemia COVID-19 in Giappone – tra la seconda e la terza ondata – quando i cinema erano aperti ma c’erano pochi film tra cui scegliere.

Demon Slayer ha aperto in Giappone durante una pausa nella pandemia COVID. Ora è il film di maggior incasso del paese, che spinge Spirited Away dal primo posto [FIle: Issei Kato/Reuters]

Kelts dice che quando è passato al cinema principale nel suo quartiere di Tokyo al momento della sua uscita nell’ottobre 2020 “non c’erano praticamente opzioni … è stato tutto il giorno Demon Slayer”.

Naturalmente, anche allora il film non avrebbe potuto raggiungere il suo record di successo senza possedere un fascino più ampio.

“Ha un giovane eroe attraente che è molto empatico”, ha detto Carol Hayes, professore associato di studi giapponesi presso l’Australian National University. “I dilemmi di cui si preoccupa sono molto umani.”

Bene vs male

Il personaggio centrale della serie, Tanjiro Kamado, parte per un’avventura che sembra familiare e senza tempo.

È il coraggioso giovane del paese che si propone di combattere i cattivi minacciosi e di vendicare e salvare la sua famiglia. In questo senso, potrebbe essere un racconto di qualsiasi cultura di qualsiasi periodo di tempo nella storia umana.

Ascoltiamo il monologo interiore dell’eroe mentre lotta con “il dilemma morale di ciò che è buono e ciò che è male”.

Hayes suggerisce anche che attinge alla popolarità contemporanea dei film di zombi e vampiri e che, poiché l’anime è disegnato in modo così bello, può essere abbastanza coinvolgente per un pubblico più ampio.

Allo stesso tempo, Demon Slayer non è del tutto oscuro, poiché molti dei personaggi e delle situazioni sono progettati per far ridere il pubblico e per preservare uno stato d’animo più leggero e stravagante.

“Hanno fatto uno sforzo per renderlo divertente, e questo è un buon modo per affrontare la violenza”, ha osservato Hayes.

Inoltre, prendendo i “demoni” come antagonisti, l’uccisione che avviene in quasi tutti gli episodi diventa un problema meno grave dal punto di vista morale.

Emerald King, docente di giapponese alla La Trobe University di Melbourne, in Australia, aggiunge che, oltre a Tanjiro, c’è “un cast davvero eccezionale di personaggi secondari e secondari, e c’è qualcuno per tutti… Nessuno dei personaggi è sprecato. Hanno tutti uno scopo. “

Facendo un punto che anche altri analisti citano, King osserva che, pur avendo la struttura tipica dei manga dei giovani, anche i personaggi femminili hanno profondità.

“Ci sono personaggi femminili davvero fantastici … possono avere tanti difetti e punti di forza quanti ne hanno i ragazzi”, ha detto.

Kamado Tajiro parte dal suo villaggio per vendicare e salvare la sua famiglia [File: Sam Yeh/AFP]

D’altra parte, coloro che studiano manga e anime giapponesi tendono anche a concordare sul fatto che, nonostante il suo successo, non esiste un singolo elemento all’interno della serie Demon Slayer che si possa dire veramente rivoluzionario.

“Non c’è niente di nuovo”, ha ammesso King, “Ha preso i pezzi migliori da tutto e li ha riuniti”. La serie fa uso di “ciò che ha funzionato in altri generi e [is] usandolo a proprio vantaggio. “

In questo contesto, Kelts si spinge fino a suggerire che la sua reputazione potrebbe sbiadire nel tempo.

“Non credo che sarà venerato come un classico degli anime tra cinque anni”, ha detto.

Il genio di Demon Slayer potrebbe non risiedere nella sua innovazione o profondità artistica, ma piuttosto nella sua capacità di fornire esattamente ciò che si proponeva di offrire.

Kelts osserva che negli ultimi cinque anni o giù di lì sono stati investiti molti soldi dagli Stati Uniti nel mondo degli anime giapponesi, il che significa che gli studi sono “costretti ad affinare” il loro atto da una prospettiva commerciale.

“L’industria si sta rendendo conto che il loro lavoro è fornire un prodotto che ora abbia un pubblico globale”, ha detto Kelts. L’artigianato maturo di Demon Slayer riflette questo stile ben scritto e ben eseguito.

Il successo nazionale e internazionale del film garantisce virtualmente che altri studi e attori del settore studieranno Demon Slayer, sperando di cavalcare l’onda che ha creato. Servirà da modello per molto che seguirà, inclusi, senza dubbio, alcune fregature banali che mirano a incassare.

Demon Slayer è iniziato come un fumetto prima di diventare una serie televisiva e, infine, un lungometraggio. La strategia ha contribuito a garantire il successo, secondo gli esperti [File: Kyodo/via Reuters]

Ma anche molti dei migliori prodotti anime del futuro rischiano di sentire l’impatto del successo commerciale ottenuto da Demon Slayer, e alcuni degli effetti potrebbero essere lamentati da alcuni gruppi di fan degli anime.

La tempesta perfetta potrebbe lasciare dietro di sé un paesaggio alterato.

Come ha detto a Kelts un insider dello studio, “La nostra generazione ha capito che l’anime è intrattenimento; non è arte. “



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *