I bombardamenti israeliani si intensificano mentre il bilancio delle vittime di Gaza aumenta: Notizie in diretta | Notizie di conflitto


L’esercito israeliano bombarda il quartier generale della polizia e gli edifici di sicurezza a Gaza come dicono le autorità 35 palestinesi uccisi, compresi tre bambini, dall’inizio dell’escalation.

Una notte di pesanti bombardamenti sulla Striscia di Gaza è proseguita fino a mercoledì mattina, mentre le forze israeliane hanno lanciato intensi raid in varie località del territorio costiero assediato.

Fonti locali hanno detto che aerei da combattimento israeliani hanno bombardato siti appartenenti a gruppi armati palestinesi, oltre agli edifici di sicurezza e di polizia. Nel quartiere di Tel al-Hawa di Gaza City, un uomo, sua moglie incinta e il loro bambino di cinque anni sono stati uccisi da un attacco israeliano alla loro casa.

Il ministero della Salute di Gaza ha affermato che il bilancio complessivo delle vittime dall’inizio dell’ultima offensiva è stato di 35, inclusi 12 bambini. Almeno altri 233 sono stati feriti.

Anche cinque israeliani sono stati uccisi. L’esercito israeliano ha detto che circa 1.500 razzi sono stati lanciati da Gaza verso varie località in Israele e hanno aggiunto rinforzi vicino alle terre orientali dell’enclave.

Ecco gli ultimi aggiornamenti:

Il leader di Hamas dice che il gruppo è “pronto” per l’escalation israeliana

Il capo di Hamas Ismail Haniya ha detto di aver detto ai mediatori che il problema non è con Gaza ma con Israele, aggiungendo che il gruppo Hamas è “pronto” se Israele aumenta i suoi attacchi.

“Se (Israele) vuole intensificare, siamo pronti, e se vuole fermarsi, siamo anche pronti”, ha detto in un discorso televisivo Haniya, che attualmente vive fuori dalla Striscia.

Haniya ha proseguito dicendo che il collegamento di Gerusalemme con la Striscia di Gaza riflette l’equazione di “resistenza con identità” e ha salutato le proteste scoppiate tra i palestinesi all’interno di Israele e nei territori occupati.

“Ci stiamo muovendo tutti insieme in modo coerente per affrontare l’occupazione”, ha detto.

Haniya ha rinnovato l’appello a tutto il “nostro popolo palestinese a unire i ranghi” e ha invitato l’Autorità palestinese a “interrompere la cooperazione in materia di sicurezza” con Israele.


Due palestinesi uccisi nella Cisgiordania occupata

Un adolescente palestinese è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco dalle forze israeliane durante un raid nel villaggio di Aqaba, a est della città occupata di Tubas in Cisgiordania.

Rashid Abu Ara è stato ucciso dopo che le forze israeliane hanno fatto irruzione nel villaggio per arrestare un altro palestinese, lo sceicco Mustafa Abu Ara.

Fonti mediche hanno anche affermato che Hussein al-Titi, 26 anni, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco durante le proteste contro l’esercito israeliano nel campo profughi di al-Fawwar, a sud di Hebron.

Traduzione: Hussein Atiya al-Titi, 26 anni, è stato ucciso nel campo profughi di Fuwwar a sud di Hebron durante gli scontri con le forze israeliane.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *