Il proprietario statunitense di una Tesla ucciso in un violento incidente stava inizialmente guidando un’auto | Notizie di tecnologia


Il rapporto preliminare del National Transportation Safety Board degli Stati Uniti ha fornito il resoconto più dettagliato dell’incidente, ma non ha risposto a una domanda chiave: quando il conducente dell’auto si è spostato da dietro al volante al sedile posteriore?

Il proprietario di una Tesla Inc. Model S che ha sbattuto contro un albero il mese scorso, che è morto insieme a un passeggero, era al volante quando l’auto ha lasciato la sua casa poco prima dell’incidente.

Una telecamera di sorveglianza domestica ha catturato il proprietario mentre entrava nel sedile del conducente prima che l’auto si allontanasse lentamente e accelerasse, ha detto lunedì il National Transportation Safety Board degli Stati Uniti in un rapporto preliminare.

La polizia del sobborgo di Houston aveva inizialmente detto che sembrava che nessuno fosse al volante. Il corpo del guidatore è stato trovato sul sedile posteriore e un’altra persona era sul sedile del passeggero dopo un incendio.

Sebbene l’NTSB non abbia specificato specificamente se il guidatore stesse ancora guidando l’auto, il rapporto preliminare suggerisce almeno che era possibile, rafforzando le affermazioni di Tesla secondo cui l’autopilota, la sua tecnologia di assistenza alla guida, non era attivato prima dell’incidente.

Il sistema di sterzo automatizzato dell’auto sembrava non essere stato acceso, hanno detto gli investigatori. Un test NTSB di un veicolo simile ha mostrato che potrebbero essere state attivate altre funzioni di guida automatizzata, ma non il cosiddetto sterzo automatico.

William Varner, 59 anni, e Everette Talbot, 69 anni, sono morti quando la Model S ha colpito un albero e ha preso fuoco a The Woodlands, un quartiere ricco di Houston. Lo schianto fatale ha generato un’enorme attenzione.

Lars Moravy, vicepresidente dell’ingegneria dei veicoli di Tesla, ha dichiarato nell’ultima chiamata sugli utili della società che il volante era “deformato”, il che porta alla probabilità che qualcuno fosse al posto di guida al momento dell’incidente.

Il rapporto preliminare dell’NTSB ha fornito il resoconto più dettagliato dell’incidente, ma non ha risposto a una domanda chiave: quando il conducente dell’auto si è spostato da dietro al volante al sedile posteriore?

La telecamera di sicurezza domestica ha catturato l’incidente, ha detto l’NTSB. “L’auto parte e viaggia per circa 550 piedi prima di lasciare la strada su una curva, superare il marciapiede e colpire un canale di scolo, un tombino rialzato e un albero”, ha detto l’NTSB nel rapporto.

L’impatto ha danneggiato la parte anteriore della batteria agli ioni di litio ad alta tensione del veicolo, che è il punto in cui è iniziato l’incendio, ha detto NTSB. Le batterie al litio sono altamente infiammabili e difficili da estinguere e il comitato di sicurezza ha studiato i rischi di incendi delle batterie per oltre un decennio.

Un sistema elettronico che attiva gli airbag dell’auto è stato gravemente danneggiato. Il dispositivo può fornire informazioni su velocità, accelerazione, stato delle cinture di sicurezza e altri dati. L’NTSB ha portato il dispositivo al suo laboratorio di Washington nel tentativo di estrarre i dati.

Il CEO di Tesla Elon Musk e Moravy non hanno risposto alle e-mail.

L’NTSB ha affermato che continuerà ad analizzare le dinamiche degli incidenti, inclusi “i risultati dei test tossicologici post mortem, l’uso delle cinture di sicurezza, l’uscita degli occupanti e gli incendi dei veicoli elettrici”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *