L’autopilota di Tesla potrebbe non essere disponibile al momento dell’incidente in Texas “senza conducente”

Il National Transportation Safety Board (NTSB) ha rilasciato un file rapporto preliminare di due pagine sullo schianto mortale di una Tesla Model S in Texas il mese scorso in cui le autorità locali hanno detto che non c’era nessuno al posto di guida.

Ci sono diverse divulgazioni rilevanti nel rapporto NTSB. Il primo è che il filmato della telecamera di sicurezza dalla casa del proprietario ha catturato il proprietario che entrava dalla portiera del guidatore, mentre il suo compagno entrava dal lato del passeggero. L’auto esce di casa, percorre 550 piedi prima di lasciare la strada su una curva, colpendo un canale di scolo, un tombino rialzato e un albero. L’auto è poi esplosa in fiamme, uccidendo i due occupanti.

La seconda scoperta rilevante è che gli investigatori di incidenti NTSB hanno testato se l’avanzato sistema di assistenza alla guida di Tesla Autopilot avrebbe funzionato sulla parte della strada in cui si è verificato l’incidente. Ci sono state molte speculazioni da parte dei molti osservatori online interessati di Tesla sul fatto che l’Autopilot avrebbe funzionato anche sulla strada vicino al luogo dell’incidente.

L’utilizzo dell’autopilota richiede sia il controllo della velocità basato sul traffico (il marchio di Tesla per la sua funzione di controllo della velocità adattivo) che l’autosterzo (che aiuta nella partenza e nel centraggio della corsia) per funzionare. Secondo NTSB, il controllo della velocità di crociera sensibile al traffico potrebbe essere attivato ma non l’autosteer.

Tesla afferma che i suoi stessi dati suggeriscono che i funzionari locali si sono sbagliati quando hanno riferito che l’auto si è schiantata senza qualcuno al posto di guida. I dirigenti dell’azienda hanno affermato che il volante era “deformato” e le cinture di sicurezza erano allacciate, portandoli a concludere che qualcuno fosse al volante.

Sono stati recuperati alcuni dati limitati dall’arresto anomalo. NTSB ha detto che l’incendio ha distrutto il dispositivo di archiviazione di bordo situato nella console di infotainment del veicolo. Il modulo di controllo della ritenuta, che registra i dati associati alla velocità del veicolo, allo stato della cintura, all’accelerazione e all’apertura dell’airbag, è stato recuperato ma è stato anche danneggiato dall’incendio.

Il consiglio probabilmente non pubblicherà il suo rapporto finale sull’incidente quest’anno. In confronto, l’indagine dell’NTSB sulla morte di un uomo della California durante l’utilizzo del pilota automatico nella sua Tesla Model X ha richiesto due anni per essere completata.

L’incidente è avvenuto sabato 17 aprile a Spring, in Texas. Secondo KHOU a Houston, gli investigatori sulla scena erano “sicuri al 100%” che nessuno fosse al posto di guida al momento dell’incidente. Qualche minuto prima dell’incidente, si diceva che le mogli degli uomini le avessero sentite parlare della funzione di pilota automatico del veicolo, che era una Tesla Model S. del 2019.Le due vittime sono state identificate come Everette Talbot, 69 prominente anestesista locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *