Il Tesoro degli Stati Uniti lancia 350 miliardi di dollari in aiuti COVID statali e locali | Notizie sulla pandemia di coronavirus


I fondi possono essere utilizzati dai governi statali, locali, tribali e territoriali per offrire aiuti ai lavoratori disoccupati e alle comunità colpite e retribuzioni premium ai lavoratori essenziali.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha lanciato lunedì l’accesso a 350 miliardi di dollari in aiuti COVID-19 per i governi statali, locali, tribali e territoriali, rilasciando regole per gli usi consentiti e un divieto di tagli alle tasse da parte degli Stati beneficiari.

Il Tesoro ha affermato che gli stati con tassi di disoccupazione destagionalizzati che ora sono due punti percentuali sopra i livelli nel febbraio 2020 possono ricevere immediatamente tutti i fondi che devono. Ma quelli con minori aumenti della disoccupazione riceveranno i loro fondi in due pagamenti all’anno l’uno dall’altro.

Il finanziamento totale per gli stati nell’American Rescue Plan Act del presidente Joe Biden è di $ 195,3 miliardi.

Il Tesoro ha detto che $ 65,1 miliardi sono stati stanziati per le contee e $ 45,6 miliardi per le città metropolitane, che riceveranno entrambi i loro fondi in due tranche all’anno, con il primo pagamento in arrivo a maggio.

I governi tribali, che ricevono un totale di 20 miliardi di dollari, riceveranno un pagamento iniziale a maggio e un secondo pagamento a giugno sulla base dei dati sull’occupazione. I 4,5 miliardi di dollari stanziati per i territori degli Stati Uniti saranno tutti consegnati a maggio, ha detto il Tesoro.

Il Tesoro ha affermato che gli usi ammissibili per i fondi statali e locali includono le risposte di salute pubblica alla pandemia di coronavirus e la sostituzione delle entrate perse a causa della pandemia determinata attraverso una formula nella guida del Tesoro.

Gli usi includono anche affrontare gli impatti economici negativi della pandemia, compresi gli aiuti ai lavoratori disoccupati e alle comunità colpite e la paga premium per i lavoratori essenziali.

Il Tesoro ha anche affermato che i fondi possono essere investiti in miglioramenti alle infrastrutture idriche, fognarie e Internet a banda larga.

Ma il Tesoro ha mantenuto i suoi piani per vietare agli stati di utilizzare i fondi per compensare i tagli alle tasse, una disposizione a cui si oppongono numerosi stati repubblicani.

“Se uno stato o un territorio taglia le tasse, devono dimostrare come hanno pagato i tagli fiscali da fonti diverse dai fondi statali per il recupero fiscale del Coronavirus – promulgando politiche per aumentare altre fonti di entrate, tagliando la spesa o attraverso maggiori entrate dovute a crescita “, ha detto il Tesoro.

Gli Stati devono rimborsare i fondi degli aiuti COVID-19 per l’importo dei loro tagli fiscali se non possono dimostrare tali compensazioni, ha detto il Tesoro.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *