Il DQ del vincitore del Kentucky Derby non cambierà le scommesse. Ecco perché.


Quindi, ora che la vincitrice del Kentucky Derby Medina Spirit ha fallito un test antidroga, posso incassare la mia scommessa sul secondo classificato, Mandaloun. E il mio amico che ha scommesso Medina Spirit dovrà restituire le sue vincite, giusto?

Beh no.

Le regole delle scommesse su ippodromi, luoghi di scommesse fuori sede e siti Internet sono molto chiare in casi come questo. Una volta che una gara è stata dichiarata ufficiale, pochi minuti dopo che è terminata, le scommesse sono definitive. I vincitori possono ritirare i loro soldi e i perdenti possono strappare i biglietti.

La ragione di ciò è piuttosto semplice. Una volta che il denaro inizia a essere consegnato, diventa impossibile rintracciarlo. Gli scommettitori del derby hanno da tempo piegato i loro soldi, o forse li hanno spesi per un giro di drink. E chi sarà la persona incaricata di andare da Lefty o Cincinnati Joe e chiedere loro di restituire quei 20 dollari che hanno appena intascato?

Questo statuto di prescrizione si applica ad altri tipi di scommesse sportive. Quando Reggie Bush restituì il suo Heisman Trophy del 2005 cinque anni dopo sulla scia di uno scandalo sul reclutamento, nessuno che avesse scommesso su di lui per vincere doveva restituire i propri profitti. Possono esserlo intere squadre spogliato del loro momenti di trionfo. Gli scommettitori non possono.

Ora che molte scommesse vengono fatte su Internet, in alcuni casi è possibile sapere chi scommette su chi. Ma reclamare denaro e pagare altri scommettitori sarebbe ancora logisticamente difficile e pochi siti di scommesse vorrebbero farlo.

Non solo, ma non vi è alcuna garanzia che la decisione su Medina Spirit non verrà revocata, e forse annullata di nuovo.

È quello che è successo nel 1968, l’unica altra volta che un vincitore del Derby è stato squalificato per motivi di droga. Quel caso si trascinò per quattro anni, finché non fu finalmente confermato che Dancer’s Image, che era arrivato primo, aveva droghe illegali nel suo sistema e che Forward Pass era il vincitore.

L’allenatore di Medina Spirit, Bob Baffert, ha detto di non aver drogato il suo cavallo e che lui e la sua squadra non sapevano chi avrebbe potuto farlo. Nel 1968, fu avanzata la teoria che Dancer’s Image fosse stata drogato da personaggi malvagi che si è opposto al sostegno del suo proprietario Peter Fuller per i diritti civili.

L’unica altra volta che un vincitore del Derby è stato squalificato, il risultato per gli scommettitori è stato diverso. Nel 2019, Maximum Security ha tagliato il traguardo per primo ma, cosa importante, prima che i risultati fossero annunciati come ufficiali, è stato stabilito che avesse interferito con molti altri cavalli.

Normalmente una gara viene dichiarata ufficiale in pochi minuti. Anche quando gli steward esaminano una possibile infrazione di solito ne bastano cinque o 10. Quell’anno, forse a causa dell’importanza del Derby, ci fu un ritardo di 22 minuti mentre gli incidenti che coinvolgevano la Massima Sicurezza furono guardati da ogni angolazione. Alla fine, la Massima Sicurezza è stata squalificata per essere uscito dal binario e ostacolando il percorso dei cavalli che lo inseguono. Country House è stata dichiarata vincitrice.

In quel caso, tuttavia, erano gli scommettitori di Country House ad essere contenti. Il pagamento delle scommesse non inizia fino a quando la gara non viene dichiarata ufficiale, cosa che si è verificata subito dopo il completamento dell’inchiesta.

Il caso di Medina Spirit richiederà un po ‘più di tempo per essere risolto. Il puledro non può essere squalificato fino a quando un secondo campione, raccolto contemporaneamente al primo, non confermi il risultato positivo per il farmaco vietato, il betametasone, un corticosteroide iniettato nelle articolazioni per ridurre dolore e gonfiore. I risultati del secondo test sono attesi nelle prossime settimane.

E se Medina Spirit viene squalificata, Baffert avrà quindi l’opportunità di fare appello.

Ma per gli scommettitori, il Derby di quest’anno è finito e le regole sono le stesse di sempre: se il tuo cavallo viene squalificato subito dopo una corsa, perdi la scommessa. Ma se la squalifica arriva un giorno, una settimana o quattro anni dopo, puoi mantenere le tue vincite.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.