Il mondo reagisce all’escalation delle tensioni a Gerusalemme | Notizie di Gerusalemme


Più di 200 persone, per lo più palestinesi, sono state ferite venerdì in ritardo fuori dalla moschea di Al-Aqsa nella Gerusalemme est occupata mentre la polizia israeliana ha sparato proiettili di metallo rivestiti di gomma e granate assordanti contro i palestinesi che lanciavano pietre.

Decine di migliaia di fedeli avevano già riempito il terzo luogo più sacro dell’Islam l’ultimo venerdì del Ramadan e molti sono rimasti per protestare contro i piani israeliani di sfrattare le famiglie palestinesi dalle loro case su terreni rivendicati dai coloni ebrei nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme est.

I palestinesi hanno organizzato una serie di sit-in nell’area nei giorni scorsi denunciando l’ordine israeliano di lasciare le loro case. Le forze di sicurezza israeliane hanno attaccato i sit-in usando acqua puzzolente, gas lacrimogeni, proiettili rivestiti di gomma e granate shock. Decine di palestinesi sono stati arrestati.

Ecco come i paesi e la comunità internazionale hanno finora reagito agli eventi di Al-Aqsa e Sheikh Jarrah:

Nazioni Unite

L’ufficio per i diritti delle Nazioni Unite ha esortato Israele a revocare eventuali sgomberi forzati e ha avvertito che le sue azioni potrebbero equivalere a “crimini di guerra”.

“Vogliamo sottolineare che Gerusalemme est rimane parte del territorio palestinese occupato, in cui si applica il diritto internazionale umanitario”, ha detto il portavoce Rupert Colville. “La potenza occupante … non può confiscare la proprietà privata nel territorio occupato.”

Il trasferimento di popolazioni civili nel territorio occupato è illegale secondo il diritto internazionale e “può costituire crimini di guerra”, ha aggiunto.

Qatar

Il Qatar ha condannato l ‘”assalto” della polizia israeliana al complesso della moschea di Al-Aqsa e l’ “attacco ai fedeli”.

In un comunicato, il ministero degli Esteri ha affermato che si tratta di una “provocazione ai sentimenti di milioni di musulmani in tutto il mondo e di una grave violazione dei diritti umani e degli accordi internazionali”.

Il Qatar ha esortato la comunità internazionale a lavorare per porre fine alla “ripetuta aggressione israeliana” contro i palestinesi e Al-Aqsa.

Ha ribadito il suo sostegno alla causa palestinese e al diritto del popolo palestinese di stabilire uno stato indipendente basato sui confini del 1967.

tacchino

La Turchia ha anche “condannato fermamente” gli “attacchi” delle forze israeliane ai fedeli palestinesi e ha invitato il governo israeliano “a porre fine a questo atteggiamento provocatorio e aggressivo”.

“La Turchia continuerà a sostenere la giusta causa del popolo palestinese”, ha detto in un comunicato il ministero degli Esteri.

Unione europea

L’Unione europea ha condannato la violenza nel complesso e ha esortato le autorità a calmare rapidamente le tensioni.

“La violenza e l’incitamento sono inaccettabili e gli autori di tutte le parti devono essere ritenuti responsabili”, ha detto un portavoce in una nota. “L’Unione europea invita le autorità ad agire con urgenza per allentare le attuali tensioni a Gerusalemme”.

La dichiarazione ha aggiunto che “gli atti di istigazione intorno al Monte del Tempio / Haram al-Sharif devono essere evitati e lo status quo deve essere rispettato”, usando un altro termine per il sito religioso chiave.

stati Uniti

Gli Stati Uniti hanno affermato di essere “profondamente preoccupati” per gli eventi e hanno invitato tutte le parti a lavorare per attenuarli. Ha inoltre espresso preoccupazione per gli sfratti.

“È fondamentale evitare passi unilaterali che esacerberebbero le tensioni o ci allontanerebbero dalla pace. E questo includerebbe sfratti, attività di insediamento e demolizioni di case ”, ha detto ai giornalisti a Washington la portavoce del Dipartimento di Stato USA Jalina Porter.

Arabia Saudita

L’Arabia Saudita ha detto che i piani di Israele hanno minato le possibilità di riprendere i colloqui di pace.

“Respingiamo i piani e le misure di Israele per sfrattare le case palestinesi a Gerusalemme e per imporre loro la sovranità di Israele”, ha detto.

Iran

Il ministero degli Esteri iraniano ha chiesto all’ONU di condannare la sanguinosa azione della polizia israeliana nel complesso della moschea di Al-Aqsa, affermando che si tratta di un “crimine di guerra”.

L’Iran “condanna l’attacco alla moschea di Al-Aqsa… da parte dei militari del regime occupante di Quds (Gerusalemme)”, ha detto in una nota il portavoce del ministero degli Esteri Saeed Khatibzadeh.

“Questo crimine di guerra ha dimostrato ancora una volta al mondo la natura criminale del regime sionista illegittimo”, ha detto, aggiungendo che l’Iran ha invitato “le Nazioni Unite e altre istituzioni internazionali correlate ad agire secondo il loro preciso dovere di affrontare questo crimine di guerra”.

Egitto

L’Egitto ha anche denunciato il tentativo di Israele di sfrattare con la forza i palestinesi a Sheikh Jarrah.

In una dichiarazione, il ministero degli Esteri ha affermato: “Lo sfollamento di famiglie palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah è una violazione delle risoluzioni di legittimità internazionale e del diritto internazionale umanitario”.

Kuwait

Il ministero degli Esteri del Kuwait ha anche denunciato le azioni della polizia israeliana ad Al-Aqsa e ha ritenuto le autorità israeliane responsabili di qualsiasi escalation e conseguenze che potrebbero seguire gli eventi che hanno avuto luogo venerdì notte.

I palestinesi reagiscono mentre la polizia israeliana spara granate assordanti nel complesso che ospita la moschea di al-Aqsa [Ammar Awad/Reuters]

Al-Azhar

Nel frattempo, l’Università egiziana Al-Azhar, la più alta sede della cultura musulmana sunnita, ha denunciato l’assalto ai fedeli e lo ha considerato un “brutale terrorismo sionista alla luce del vergognoso silenzio internazionale”.

Unione islamica per studiosi musulmani

Da parte sua, l’Unione Internazionale per gli Studiosi Musulmani (IUMS) ha condannato “fermamente” le azioni della polizia israeliana.

In una dichiarazione, ha salutato i palestinesi a Gerusalemme per essere stati “persistenti di fronte alle ripetute aggressioni israeliane contro la moschea di al-Aqsa e il popolo di Sheikh Jarrah”.

Il segretario generale dell’IUMS Ali Qaradaghi ha incoraggiato il mondo musulmano a sostenere materialmente e moralmente la causa palestinese, considerando tale sostegno un dovere e una necessità religiosa.

Giordania

La vicina Giordania, custode dei siti islamici a Gerusalemme, ha detto che “la continuazione delle sue pratiche illegali e dei suoi passi provocatori da parte di Israele” nella città è un “gioco pericoloso”.

“Costruire ed espandere insediamenti, confiscare terre, demolire case e deportare palestinesi dalle loro case sono pratiche illegali che perpetuano l’occupazione e minano le possibilità di raggiungere una pace giusta e globale, che è una necessità regionale e internazionale”, ha affermato il ministro degli Esteri giordano Ayman al -Safadi ha twittato.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.