Kim Kardashian citata nella richiesta di confisca di statue romane “saccheggiate” | Kim Kardashian West


Il governo degli Stati Uniti ha nominato Kim Kardashian in una richiesta di confisca civile per un’antica statua romana sequestrata nel porto di Los Angeles nel giugno 2016 che i funzionari italiani ritengono sia stata originariamente saccheggiata dall’Italia.

Secondo i documenti del tribunale, la statua, nota come Frammento di Samian Athena di Myron, era stata acquistata da Kardashian da un mercante d’arte belga. È stato valutato come una copia dell’impero romano-medio-antico di una statua in stile greco antico.

La richiesta di confisca, presentata alla corte federale di Los Angeles la scorsa settimana, afferma che la statua è stata sequestrata dai funzionari doganali dopo che il broker di importazione non ha fornito una documentazione sufficiente sulle sue origini.

La statua faceva parte di una spedizione contenente 40 oggetti del valore di $ 745.882 (£ 536.000), descritti come oggetti d’antiquariato, mobili e decorazioni, piuttosto che reperti archeologici. Tuttavia, un archeologo italiano che ha analizzato il lavoro nel febbraio 2018 ha concluso che mostrava segni di provenienza dell’impero romano. Non risulta che sia stato esportato legalmente dall’Italia.

Un'immagine della statua in questione, nota come Frammento dell'Atena Samoa di Myron
Un’immagine della statua in questione, nota come Frammento dell’Atena Samoa di Myron Fotografia: Ministero dei Beni Culturali

“Sulla base delle informazioni e degli aspetti scientifici forniti dall’archeologo, l’archeologo ha ritenuto che la statua dell’imputato fosse stata saccheggiata, contrabbandata ed esportata illegalmente dall’Italia”, afferma il reclamo, che è stato presentato in risposta a una richiesta italiana di rimpatrio della statua.

Gli Stati Uniti limitano l’importazione di materiale archeologico dall’Italia, nel tentativo di scoraggiare il saccheggio e il saccheggio dei manufatti.

L’influencer dei social media e star della reality TV, 40 anni, non è accusata di alcun illecito nei documenti e non ci sono suggerimenti che lei sapesse che potrebbe esserci un problema con l’acquisto.

Un portavoce di Kardashian ha detto a DailyMail.com che non aveva idea che la statua fosse stata importata a suo nome. “Kim non ha mai acquistato questo pezzo e questo è il primo che ha appreso della sua esistenza”, ha detto il portavoce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *