I pagamenti WhatsApp stanno finalmente tornando in Brasile dopo la sospensione del governo

WhatsApp è di nuovo implementando il suo servizio di pagamento in Brasile, dopo che il servizio è stato sospeso dalla Banca centrale brasiliana nel giugno del 2020, pochi giorni dopo il suo lancio. Lo ha annunciato il CEO di Facebook Mark Zuckerberg in un video andato in onda in Brasile, dove ha parlato di come le informazioni di pagamento aggiunte a WhatsApp potranno essere utilizzate anche su Facebook e Instagram.

Secondo David Marcus il capo di Facebook Financial, il servizio che tornerà in Brasile farà parte di un “lancio graduale”, ma sembra che l’azienda stia seriamente pensando di tornare: ha già pubblicato un video che promuove ha pubblicato una pagina che afferma che il sistema Facebook Pay sottostante è stato autorizzato dalla Banca Centrale (Facebook è la società madre di WhatsApp).

Quando il servizio è stato lanciato originariamente in Brasile, la banca centrale del paese lo ha sospeso, citando preoccupazioni sulla concorrenza nel mercato dei sistemi di pagamento. La banca ha dichiarato di voler valutare se il servizio fosse conforme alle normative, nonostante Facebook abbia dichiarato di essere stato in contatto con l’autorità prima del lancio.

Alla fine di marzo di quest’anno, lo era riportato da Reuters che la banca aveva approvato il servizio, dopo che Facebook aveva ottenuto l’approvazione formale per eseguire i pagamenti. Secondo un comunicato stampa, gli utenti di WhatsApp saranno in grado di collegare carte di debito, prepagate o combinate di diverse banche che stanno lavorando con il suo processore di pagamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *