Non acquistare la pressione di monitoraggio degli annunci di Facebook su iOS 14.5

La scorsa settimana, Apple rilasciato iOS 14.5 e con esso una nuova funzionalità che ha mandato gli inserzionisti online a rimescolarsi: per la prima volta, gli utenti possono dire alle app di non tenere traccia della loro attività su diversi siti e servizi. Nel tentativo di dissuaderli dal farlo, le app iOS di Facebook e Instagram stanno ammonendo gli utenti che il monitoraggio aiuta a mantenere quelle piattaforme “gratuite”.

Questo è tecnicamente vero; Facebook è una società pubblicitaria che trae profitto dalla visualizzazione di annunci su cui è più probabile che i suoi utenti facciano clic. Ma l’avviso di iOS 14.5 inquadra anche il problema in un modo che implica che Facebook non può fare soldi se rinuncia a questo tipo di tracciamento o, peggio ancora, che l’aggiornamento di App Tracking Transparency di Apple potrebbe costringere il social network a iniziare ad addebitare una commissione ai suoi utenti. Quindi vale la pena essere assolutamente chiari: nessuno di questi è il caso.

Non è che le misure anti-tracciamento di Apple non tolgono un morso ai profitti di Facebook. La prova è nel respingimento; la piattaforma ha organizzato una sostenuta campagna contro le misure, inclusa una serie di annunci a tutta pagina sui principali quotidiani a dicembre. (Facebook non è solo qui; le società pubblicitarie e le loro aggiunte hanno ampiamente criticato l’aggiornamento e una coalizione di marketing in Germania ha ha presentato un reclamo antitrust contro Apple.)

“Ci sono alcuni tipi di annunci, principalmente retargeting, che saranno più difficili da visualizzare, poiché ora Facebook non saprebbe chi ha visitato un’app, messo un articolo nel carrello, ecc.”, Afferma Ron Berman, professore di marketing presso Wharton School dell’Università della Pennsylvania. Osserva che Facebook avrà anche difficoltà a dimostrare che le vendite di prodotti erano legate a annunci specifici, date le limitazioni su quali informazioni possono ora fluire attraverso siti e app.

Ma non è necessario guardare molto oltre l’ultimo rapporto trimestrale sugli utili di Facebook, pubblicato la scorsa settimana, per vedere che iOS 14.5 sembra improbabile che spinga l’azienda verso qualsiasi tipo di precipizio. L’azienda preso in oltre $ 26 miliardi di entrate nei primi tre mesi del 2021 e il suo reddito netto di $ 9,5 miliardi è quasi raddoppiato rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Ha oltre 64 miliardi di dollari di liquidità ed equivalenti a portata di mano. Va benissimo. Anche se ogni singolo utente di iOS 14.5 rinuncia al monitoraggio, Facebook avrà comunque dispositivi Android in abbondanza da cui spremere i profitti.

Inoltre, non è come se la prevenzione del tracciamento facesse scomparire completamente gli annunci. Probabilmente li rende meno rilevanti. Le persone potrebbero non cliccarci sopra così spesso, il che le rende meno preziose, e analisti esterni hanno previsto che la nuova politica di Apple apparirà nella linea di fondo di Facebook. “Abbiamo visto stime che vanno dal 2% al 7% circa delle entrate pubblicitarie di Facebook quest’anno e tale intervallo ci sembra plausibile, soprattutto nella fascia bassa”, afferma Nicole Perrin, analista principale di eMarketer. aggiunge, la società dovrebbe aumentare le sue entrate pubblicitarie complessive nonostante App Tracking Transparency. Come ha già notato Gilad Edelman di WIRED, quando i dati di terze parti scompaiono, le aziende che detengono più dati di prima parte hanno un vantaggio. Questo è Google, e questo è Facebook.

Facebook ha organizzato una campagna sostenuta contro le nuove misure sulla privacy di Apple, inclusi i suoi messaggi in-app.

Per gentile concessione di Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *