Tesla intensifica l’impegno con le autorità di regolamentazione cinesi: Rapporto | Notizie dal settore automobilistico


Fonti del settore hanno detto all’agenzia di stampa Reuters che il produttore di veicoli elettrici Tesla Inc, con sede negli Stati Uniti, che deve affrontare il controllo in Cina sulla sicurezza e sui reclami del servizio clienti, sta rafforzando il suo impegno con le autorità di regolamentazione della terraferma e rafforzando il suo team di relazioni con il governo.

Il cambiamento di strategia di Tesla che porta a una maggiore interazione dietro le quinte con i politici a Pechino rispetto a relativamente poco in precedenza mostra la serietà con cui la casa automobilistica vede le battute d’arresto nel suo secondo mercato più grande, secondo quanto riportato da Reuters lunedì.

Arriva anche in un momento in cui la Cina sta cercando di regolamentare le grandi e potenti società private, specialmente nel settore tecnologico, sulle preoccupazioni per il loro dominio sul mercato.

Tesla non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento lunedì, un giorno festivo in Cina.

Come fanno altrove, le autorità di regolamentazione in Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo, discutono le politiche e gli standard del settore con aziende globali e locali, associazioni di settore e think tank.

I produttori di solito partecipano a tali riunioni in Cina, ma a differenza dei rivali tra cui Toyota Motor e General Motors Co, i funzionari di Tesla erano in gran parte assenti dalle riunioni a porte chiuse, secondo quattro persone che hanno familiarità con la questione.

I dirigenti di Tesla hanno partecipato ad almeno quattro discussioni politiche con le autorità di regolamentazione cinesi nelle ultime settimane, un’inversione della sua precedente pratica di stare in gran parte lontani dalle riunioni a porte chiuse, dicono fonti del settore a Reuters [File: Qilai Shen/Bloomberg]

Invece, i funzionari di Tesla parlano regolarmente a conferenze del settore di alto profilo. Al di fuori della Cina, il diretto amministratore delegato di Tesla Elon Musk si reca regolarmente su Twitter per commentare o criticare i regolatori o le regole.

Ma nelle scorse settimane, i dirigenti di Tesla hanno partecipato ad almeno quattro discussioni politiche, su argomenti tra cui l’archiviazione dei dati delle auto, le tecnologie di comunicazione da veicolo a infrastruttura, il riciclaggio delle auto e le emissioni di carbonio.

La Tesla con sede in California, che produce berline elettriche Model 3 e SUV Model Y nel proprio stabilimento di Shanghai, non ha preso impegni degni di nota alle riunioni, ma ha partecipato ad alcune discussioni, hanno detto.

Unità di reclutamento

Tesla sta anche espandendo il suo team per le relazioni con il governo in Cina, ha detto una delle fonti.

Secondo due annunci di reclutamento ad aprile sul suo account WeChat, Tesla sta assumendo manager per aggiornare un database delle politiche e mantenere rapporti con il governo e le associazioni di settore per “costruire un ambiente esterno armonioso per supportare lo sviluppo del business di Tesla nel mercato regionale”.

Non era immediatamente chiaro quanti manager Tesla avesse intenzione di assumere per le relazioni con il governo.

Rappresentando circa il 30% delle vendite globali di Tesla, la Cina è il secondo mercato più grande della casa automobilistica dopo gli Stati Uniti e ha contribuito a registrare consegne di veicoli record nel primo trimestre.

A marzo, Tesla è stata esaminata quando l’esercito cinese ha vietato alle sue auto di entrare nei suoi complessi, citando preoccupazioni di sicurezza per le telecamere dei veicoli, hanno detto all’epoca fonti a Reuters. [File: Qilai Shen/Bloomberg]

Negli ultimi mesi è aumentata la pressione sulle relazioni per lo più eccellenti di Tesla con Pechino.

A febbraio, i regolatori cinesi l’hanno convocato per le segnalazioni dei consumatori di incendi di batterie, accelerazioni impreviste e guasti negli aggiornamenti software over-the-air.

E a marzo, Tesla è stata esaminata quando i militari hanno vietato alle sue auto di entrare nei suoi complessi, citando preoccupazioni di sicurezza per le telecamere dei veicoli, hanno detto all’epoca fonti a Reuters. Giorni dopo, Musk è apparso in un video in un forum di alto livello, dicendo che se Tesla avesse usato le auto per spiare in Cina o ovunque, sarebbe stato spento.

Il mese scorso, i media statali e le autorità di regolamentazione si sono rivolti a Tesla dopo che un cliente, arrabbiato per la gestione del suo reclamo sul malfunzionamento dei freni, è salito su un’auto Tesla in segno di protesta al salone dell’auto di Shanghai. I video dell’incidente sono diventati virali.

Grace Tao, una vicepresidente di Tesla che dirige il suo impegno per le relazioni con il governo in Cina, è stata criticata dai media statali il mese scorso dopo essere stata citata in un’intervista ai media in cui si chiedeva se la cliente lesa stesse agendo da sola.

In risposta ai diversi reclami, Tesla ha affermato che avrebbe istituito un data center in Cina, avviato l’autoispezione per migliorare i servizi e collaborare con le autorità di regolamentazione.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *