L’India conta tutti i casi COVID? E le morti? | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Mentre i casi quotidiani aumentano, gli esperti dicono che i numeri ufficiali del secondo paese più popoloso del mondo sono probabilmente un enorme sottostima.

Anche dopo più di un anno di devastanti ondate di coronavirus in tutto il mondo, spicca l’intensità e la portata dell’attuale crisi indiana, con pazienti alla disperata ricerca di scorte di ossigeno, richieste di aiuto da ospedali sopraffatti e immagini di sacche per cadaveri e pire funebri.

Poiché il conteggio dei casi giornalieri supera di gran lunga quello che hanno riportato altri paesi, gli esperti avvertono che i numeri ufficiali COVID-19 del secondo paese più popoloso del mondo sono probabilmente un enorme sottostima.

Ma perché i dati dell’India sono considerati imprecisi? I dati sono meno accurati di quanto riportato da altre nazioni? E quali numeri danno una buona indicazione della crisi?

L’India conta tutti i casi?

L’India non conta tutti i casi di coronavirus, ma nessuna nazione può farlo.

In tutto il mondo, i conteggi ufficiali riportano generalmente solo casi confermati, non infezioni effettive. I casi vengono persi perché i test sono così casuali e perché alcune persone infettate dal coronavirus presentano sintomi lievi o addirittura assenti.

Più limitato è il test, più casi vengono persi. L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che i paesi dovrebbero fare da 10 a 30 test per caso confermato.

L’India sta eseguendo circa cinque test per ogni caso confermato, secondo Our World in Data, un sito di ricerca online. Gli Stati Uniti stanno facendo 17 test per caso confermato. La Finlandia sta effettuando 57 test per caso confermato.

“Ci sono ancora molte persone che non vengono sottoposte al test”, ha detto il dott. Prabhat Jha dell’Università di Toronto. “Intere case sono infette. Se una persona viene testata in casa e riferisce di essere positiva e tutti gli altri in casa iniziano ad avere sintomi, è ovvio che hanno COVID, quindi perché sottoporsi al test? “

Jha stima, sulla base di un modello di un precedente aumento in India, che i numeri reali di infezione potrebbero essere 10 volte superiori rispetto ai rapporti ufficiali.

E le morti?

I decessi sono un indicatore migliore della forma della curva pandemica, ha detto Jha, ma anche qui ci sono problemi con i dati.

“Il divario più grande è quello che sta succedendo nell’India rurale”, ha detto Jha.

In campagna, le persone spesso muoiono a casa senza cure mediche e queste morti sono ampiamente sottostimate. Le famiglie seppelliscono o cremano i loro cari senza registrare ufficialmente questi casi.

Il settanta per cento delle morti della nazione per tutte le cause si verifica nell’India rurale in un dato anno.

Il conteggio delle morti rurali può essere fatto, come ha dimostrato il lavoro di Jha con il Million Death Study. Il progetto prepandemico ha utilizzato sondaggi di persona per contare i decessi nell’India rurale, catturando i dettagli dei sintomi e delle circostanze con i risultati delle “autopsie verbali” riviste e registrate dai medici.

Molti paesi a basso e medio reddito hanno dati simili sui dati di morte, ha detto Jha, ma l’India potrebbe fare di meglio.

“È un paese che ha un programma spaziale. Contare solo i morti è una funzione fondamentale “, ha detto. “L’India dovrebbe fare molto, molto meglio.”

Importa?

Conoscere le dimensioni e la portata dell’epidemia e come sta cambiando aiuta i governi e i funzionari sanitari a pianificare le loro risposte.

Anche con i noti problemi con i dati, la traiettoria dei casi di COVID-19 e dei decessi in India è un allarmante promemoria di come il virus può colpire una popolazione in gran parte non vaccinata quando le precauzioni vengono revocate.

“Quello che succede in India è importante per il mondo intero”, ha detto la dott.ssa Amita Gupta, presidente del Johns Hopkins India Institute in una conversazione su Facebook. “Ci preoccupiamo da una prospettiva umanitaria, una prospettiva di salute pubblica e una prospettiva di sicurezza sanitaria”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *