Morirai molto in cambio. Ne vale la pena

Ho incontrato per la prima volta Restituzionale lo scorso giugno, alla presentazione della PS5 di Sony, e ammetto di non averci pensato molto quando è emerso su un nastro trasportatore di fantascienza generica: Spaceperson si schianta su un pianeta oscuro e tempestoso, si fa strada attraverso la fauna locale, studio inventa un titolo ridicolo; grande urlo.

Sono felice di segnalare che questa impressione era in gran parte sbagliata. C’è un sacco di cose da amare Restituzionale, che è stato rilasciato questa settimana. O, per dirla più chiaramente: il gioco offre così tanto che può essere trovato solo in un gioco, e mi ha lasciato entusiasta per il futuro del mezzo.

Restituzionale interpreta Selene, un’astronauta che, oltre al suo caso alla moda di eterocromia, ha un aspetto notevolmente normale per gli standard di gioco, né un super soldato alto 7 piedi né un modello D&G i cui hobby includono salvare il mondo. L’impostazione della storia è scarna: il gioco si apre con la nave di Selene che sfreccia tra le nuvole marine sopra il pianeta Atropo, sulla traccia di un segnale trasmesso da “ombra bianca”. Inevitabilmente, un fulmine sembra colpire il suo scafo, e Selene va giù, nell’oscurità.

Dopo essere strisciata fuori dal relitto, Selene supera alcune solenni statue di pietra di una civiltà scomparsa e ammira i bagliori blu senzienti che compongono la fauna nativa. Poi trova un cadavere. Ma questo cadavere (corde pesanti di stecca) è lei. Turbata, eppure, come la maggior parte dei protagonisti del gioco, pronta per la guerra, afferra la pistola che giace accanto al suo cadavere e inizia a far esplodere il Metroid-belle bestie tentacolari scure e scure che sono strisciate giù dalle colline intente alla sua distruzione. È solo quando dette bestie riducono a zero l ‘”integrità della tuta” di Selene, e lei crolla in un mucchio urlante, che Restituzionale rivela la sua mossa centrale: sei tornato al punto di partenza, sul punto di schiantarti contro Atropo, con nient’altro che i tuoi ricordi.

Restituzionale è un rogue-lite, o roguelike-like, che sono giochi come roguelike, giochi come il gioco Rogue. Per dirla in inglese, Rogue era un gioco di ruolo, pubblicato nel 1980, che gli studenti universitari giocavano su giganteschi computer di proprietà dell’università. Nel corso degli anni, giochi di ruolo simili sono apparsi sulla sua scia, chiamati roguelikes, fino alla metà degli anni 2000, quando una serie di giochi indipendenti ne ha sollevato due RogueI concetti più famosi – livelli generati proceduralmente e morte permanente – per arricchire nuovi generi. Questi giochi sono stati anche chiamati rogue-lites o roguelike-like. Solo recentemente, Uccidi la guglia lo faceva per i giochi di costruzione di mazzi. Ade, ampiamente considerato come il miglior partita dell’anno scorso, lo ha fatto per la mitologia greca antica, poiché il personaggio principale Zagreus ha cercato di sfuggire all’inferno greco, solo per emergere da una pozza di sangue sul fondo dopo ogni fallimento.

Restituzionale fa lo stesso per lo sparatutto fantascientifico in terza persona. La morte di Selene ti vede perdere (quasi) tutte le armi e gli aggiornamenti, mentre il mondo si piega intorno a te come un dipinto di MC Escher. Ma la storia continua: Selene ricorda di essere morta e commenta il paesaggio contorto.

Per fare un esempio: durante la mia terza partita, ho trovato una mitragliatrice aliena, la carabina tachyomatic, e ho iniziato ad accenderla con vari “parassiti”, che assomigliano ai piccoli Alieno—Che si attaccano alla tua tuta e conferiscono benedizioni miste: potrebbero aumentare la tua competenza nelle armi ma rendere più probabile il malfunzionamento degli oggetti. È stato solo dopo che sono morto per il primo boss, Phrike, un serpente dalla testa quadrata, e poi non sono riuscito ad avvicinarmi a Phrike la volta successiva, che ho capito quanto ero fortunato con le mie combinazioni di potenziamento.

I Roguelike sono controversi perché ribaltano la morte del gioco. Di solito quando muori, i progressi vengono salvati, ma la storia non può progredire. Un roguelike è l’opposto: il progresso è perso, ma la storia spesso continua. Alcune persone odio questa inversione. Odiano l’idea di morire dalla voglia di vedere di più della storia, e odiano ancora di più l’idea che perderanno il kit ordinato che hanno ottenuto; falce di potere; compagno di uccelli; Holy Swole lanciarazzi, qualunque cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *