Alcune drammatiche successioni di quarterback iniziano al Draft NFL


Sostituire un quarterback in franchising non è semplice come redigere il suo successore. È più come selezionare l’erede al trono di un antico impero: pieno di drammi, intrighi, attenta diplomazia e la costante minaccia di aperta ribellione.

Le squadre che hanno scelto possibili successori di quarterback affermati nel draft NFL 2021 devono tutte procedere con un certo grado di cautela, sapendo che una mossa falsa potrebbe far precipitare i loro regni in un’età oscura.

I Tampa Bay Buccaneers hanno arruolato un potenziale erede del 43enne Tom Brady a Kyle Trask dell’Università della Florida con la scelta finale del secondo round. A Brady non piace essere circondato da ricordi della sua mortalità, ma le credenziali di Trask sono abbastanza modeste che i Buccaneers possono farlo passare per un umile stagista per i prossimi mesi, risparmiandogli l’esilio nel labirinto sotto il complesso TB12.

I New England Patriots hanno saggiamente aspettato che Brady se ne fosse andato per un anno prima di redigere il suo probabile successore: il 15 ° vincitore assoluto, Mac Jones, che ha guidato l’Alabama al campionato nazionale la scorsa stagione. Cam Newton ha guidato i Patriots nel frattempo come un lontano nobile cugino (l’undicesimo conte di Ascots) recuperato dall’entroterra per mantenere caldo il trono.

I Minnesota Vikings hanno scelto Kellen Mond del Texas A&M come possibile sostituto di Kirk Cousins ​​con la seconda scelta del terzo round. Cousins ​​non ha affrontato uno sfidante per il suo lavoro iniziale da molti anni. Invece di cercare di sostituire Cousins, i datori di lavoro in genere affrontano il suo genere di gioco ordinario ma troppo costoso pagandolo di più e abbassando le loro aspettative.

Direttore generale Rick Spielman ha minimizzato il ruolo di Mond come sfidante di Cousins ​​dopo la selezione. Le cerimonie di successione dei quarterback spesso iniziano con questo tipo di negazione dell’ovvio, ritualizzata e calmante per l’ego.

Gli Houston Texans hanno utilizzato una scelta del terzo round (la loro più alta selezione nella bozza) su Davis Mills di Stanford, un possibile sostituto di Deshaun Watson, che affronta 22 cause civili per comportamento sessuale osceno e coercitivo, due dei quali lo accusano anche di violenza sessuale. Ha negato le affermazioni. Prima che quelle cause venissero presentate, Watson stava cercando uno scambio dai texani mal gestiti e litigiosi, che hanno firmato Tyrod Taylor nel caso in cui Watson avesse resistito.

In quelle circostanze tumultuose, Mills deve affrontare più una potenziale crisi iniziale che un’opportunità iniziale.

Le squadre terribili di solito non devono preoccuparsi dei delicati trasferimenti di potere. Le prime due scelte nel draft, Trevor Lawrence di Clemson e Zach Wilson di Brigham Young sono ora i quarterback titolari indiscussi dei Jacksonville Jaguars and the Jets. Trey Lance (North Dakota State) deve solo soppiantare Jimmy Garoppolo, che probabilmente ha aggiornato il suo profilo LinkedIn a marzo quando il I San Francisco 49ers si sono scambiati due futuri pronostici al primo turno per la terza scelta assoluta. I Chicago Bears hanno selezionato Justin Fields dello Stato dell’Ohio con l’undicesima scelta, lasciando gli operai Andy Dalton e Nick Foles a braccio di ferro per il ruolo di mentore strapagato.

Per un franchise di successo, tuttavia, un piano di successione pasticciato può portare a un disastro. I Green Bay Packers hanno redatto prematuramente Jordan Love dello Utah State come eventuale erede di Aaron Rodgers l’anno scorso, quando Rodgers si aspettava che avrebbero aggiunto un ricevitore largo tanto necessario. La spaccatura tra Rodgers, che probabilmente sarà un futuro Hall of Famer, e l’organizzazione sembra ora inconciliabile. I Packers non sembrano disposti a scambiare Rodgers, anche se hanno scelto il ricevitore Clemson Amari Rodgers nel terzo round, il che sembra una scusa tardiva: “See, ti abbiamo dato quello che volevi e lo abbiamo persino fatto incidere! “

La situazione di Aaron Rodgers illustra perché così tante squadre procrastinano invece di cercare un erede apparente per un illustre veterano. I New Orleans Saints negano profondamente il recente ritiro di Drew Brees; La scelta del quarto round della squadra, Ian Book of Notre Dame, è meno un successore di un’opzione non minacciosa che farà sembrare buoni i pretendenti sottoqualificati Taysom Hill e Jameis Winston al confronto.

Invece di uno sfidante per Matt Ryan, 35 anni, gli Atlanta Falcons hanno arruolato il tight end della Florida Kyle Pitts nel loro ultimo tentativo di rianimare un’opportunità per il Super Bowl che è morta il 5 febbraio 2017. I Pittsburgh Steelers stanno aspettando che Ben Roethlisberger si schiantasse prima di avere il discorso sulla consegna della patente di guida.

Anche i piani di successione di maggior successo sono raramente lisci: Joe Montana e Steve Young si sono scontrati per sei anni a San Francisco e Rodgers ha imparato l’arte del melodramma epico ai piedi di Brett Favre. La maggior parte delle successioni di quarterback sono più simili a Cousins-to-Mond che a Montana-to-Young: non vale la pena finché non è necessario.

I Giants sono stati fortunati quando la transizione da Eli Manning a Daniel Jones è stata relativamente fluida – almeno in pubblico – nel 2019. Con i riti della successione alle spalle, i Giants si sono concentrati sull’aggiunta di potenziali giocatori di impatto come il ricevitore largo Kadarius Toney, finale difensivo Azeez Ojulari e il cornerback Aaron Robinson invece nel draft di quest’anno.

E se quei nuovi arrivati ​​non possono aiutare i Giants a tornare ai playoff, la squadra inizierà a cercare il sostituto di Jones l’anno prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *