Investigatori indagano sul ruolo di Giuliani nella rimozione dell’ambasciatore ucraino | Donald Trump News


L’ex avvocato di Trump, Rudy Giuliani, ha preso di mira il massimo diplomatico statunitense in Ucraina, che è diventato un testimone chiave dell’impeachment.

Le autorità federali che indagano su Rudy Giuliani stanno cercando informazioni relative a un ex ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina che è stato rimosso dal suo lavoro due anni fa su ordine dell’allora presidente Donald Trump, ha detto venerdì un avvocato di Giuliani.

Robert Costello ha confermato tramite un messaggio di testo all’Associated Press che un mandato di perquisizione notificato questa settimana a Giuliani faceva riferimento a Marie Yovanovitch, che, come attore centrale nel primo caso di impeachment contro Trump, ha dettagliato una campagna diffamatoria di Giuliani e altri alleati di Trump che ha preceduto la sua rimozione dal lavoro nel 2019.

Costello ha detto che il mandato si riferiva anche all’ex procuratore capo dell’Ucraina Yuri Lutsenko, che ha incontrato Giuliani e faceva anche parte degli sforzi per rimuovere Yovanovitch dalla sua posizione.

Il fatto che il mandato faccia menzione di Yovanovitch e che cerchi la comunicazione tra Giuliani e diversi ucraini, suggerisce che le autorità stiano tentando di determinare se gli sforzi di Giuliani per rimuovere l’ambasciatore siano stati fatti per volere di Trump o degli ucraini.

Questa distinzione è importante perché la legge federale richiede a chiunque eserciti pressioni sugli Stati Uniti per conto di un paese o entità straniera di registrare il proprio lavoro presso il Dipartimento di Giustizia.

L’ex sindaco di New York City ha detto a Tucker Carlson di Fox News che i dispositivi elettronici sequestrati nella sua residenza di Manhattan e un ufficio separato mercoledì avrebbero dimostrato che non ha violato la legge federale mentre cercava di dissotterrare Joe Biden in Ucraina nel 2019. per sostenere Trump.

Il quotidiano New York Times fu il primo a riferire sul riferimento del mandato a Yovanovitch.

La rimozione di Yovanovitch nel maggio 2019 è stato uno degli episodi cruciali del caso di impeachment di Trump, arrivato pochi mesi prima di una telefonata in cui Trump esortava la sua controparte ucraina a indagare su Biden e suo figlio, Hunter.

Trump ei suoi alleati repubblicani hanno cercato di trasformare gli affari di Hunter Biden come membro del consiglio della compagnia di gas ucraina Burisma in uno scandalo politico statunitense che avrebbe danneggiato la candidatura presidenziale di Joe Biden. Hunter ha negato qualsiasi illecito e lo scandalo repubblicano non ha avuto successo.

Giuliani ha portato avanti quegli stessi sforzi nelle sue discussioni con i funzionari ucraini, incontrando un legislatore ucraino che ha rilasciato registrazioni audio durante la campagna presidenziale del 2020 nel tentativo di screditare la candidatura di Biden.

Yovanovitch, un diplomatico di carriera che ha servito per decenni sotto i presidenti sia repubblicano che democratico ed è stato nominato per la prima volta da Ronald Reagan, ha testimoniato in modo agghiacciante durante il processo di impeachment su una “campagna diffamatoria” contro di lei da parte di Giuliani e altri prima del suo licenziamento.

Marie Yovanovitch, ex ambasciatrice degli Stati Uniti in Ucraina, testimonia davanti a un’audizione del Comitato dei servizi segreti della Camera nell’ambito dell’inchiesta di impeachment sul presidente degli Stati Uniti Donald Trump al Campidoglio di Washington, 15 novembre 2019 [Jonathan Ernst/Reuters]

Yovanovitch ha anche detto agli investigatori di impeachment della Camera che le era stato detto da funzionari ucraini che Giuliani era in contatto con l’ex procuratore capo dell’Ucraina Lutsenko “e che avevano dei piani e che stavano per, sai, fare cose, incluso me”.

Ha detto che le era stato detto che Lutsenko “stava cercando di farmi del male negli Stati Uniti”.

Un avvocato di Yovanovitch ha rifiutato di commentare venerdì.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *