La prova di Fortnite della prossima settimana potrebbe ribaltare il modello dell’App Store di Apple, anche se Epic perde

Nell’agosto 2020, il mega-editore Epic Games ha deciso di smettere di pagare quella che viene definita la “tassa Apple”: una commissione del 30% sugli acquisti digitali effettuati tramite l’App Store iOS. L’azienda ha aggiunto una nuova funzionalità al suo gioco campione d’incassi Fortnite, consentendo agli utenti di aggirare il sistema di pagamento dell’App Store per acquistare V-Bucks, Fortnite‘S valuta di gioco. La mossa ha violato le linee guida di Apple e Apple ha prontamente preso a calci Fortnite dall’App Store. Epic ha citato in giudizio Apple per violazioni antitrust e lunedì il caso andrà finalmente in tribunale.

Epic ha un chiaro reclamo contro Apple: è esclusa dalla base di utenti iPhone e iPad di oltre un miliardo di persone. Ma la legge antitrust degli Stati Uniti si concentra sull’eventualità che un’azienda abbia danneggiato consumatori sopprimendo la concorrenza. Pertanto, nelle prossime tre settimane, Apple ed Epic presenteranno storie fortemente contrastanti su come un App Store bloccato influisce sugli utenti. A differenza di molti argomenti relativi ai processi tecnologici, che si concentrano su ipotetiche e metafore astratte, queste sono narrazioni vivide su alcuni dei prodotti più centrali delle nostre vite – e giocano in uno dei dibattiti più importanti della politica statunitense.

Secondo Epic, Apple è un’azienda “straordinariamente potente” che esercita un “controllo unico” sui dispositivi iOS. Apple indirizza tutti i download e gli acquisti attraverso l’App Store per ottenere un guadagno finanziario, esercitando poca supervisione sulla qualità effettiva delle app, contraddicendo un impegno pubblico per la privacy e la sicurezza. Sfrutta la sua potenza in un mercato (l’ecosistema iOS complessivo) per dominarne un altro (distribuzione di app e pagamenti). Ciò ha creato meno concorrenza per fornire un servizio migliore a tariffe più economiche, in modo che gli utenti rimangano bloccati a pagare di più e perdano nuovi servizi innovativi.

Dall’altra metà dell’aula, Apple afferma che Epic sta minacciando ciò che gli utenti amano di iOS. La creazione di un unico portale di app ben controllato produce una “esperienza sicura e conveniente” su un dispositivo che memorizza risme di informazioni altamente personali, distinguendo l’iPhone dalle piattaforme concorrenti. Le funzionalità che limitano la distribuzione delle app erano “decisioni consapevoli e ragionevoli”, afferma Apple, non tentativi di arrestare la concorrenza. Lungi dall’avere a cuore i migliori interessi dei consumatori, Epic costringerebbe semplicemente Apple a spendere soldi per sostenere nuove falle nella privacy e nella sicurezza.

Epic sta perdendo un mercato significativo con la sua sospensione iOS. I documenti del tribunale dicono che ha guadagnato $ 700 milioni nei suoi due anni nell’App Store, anche se le console PlayStation e Xbox erano molto più redditizie. Apple prevede di sostenere che i proprietari di iPhone e iPad hanno accesso ad altri Fortnite-dispositivi di supporto, ma Epic segnala che la maggior parte delle persone sceglie solo una piattaforma su cui giocare, quindi un utente iOS ostacolato non risponderà necessariamente Fortnite altrove.

L’impatto principale della prova, tuttavia, non sarà riavere un gioco sull’App Store. Una perdita abbastanza grande per Apple potrebbe indurre la società a riscrivere sostanzialmente iOS. “Apple ha molto di più in gioco qui rispetto a Epic, anche se Apple ha la mano più forte”, afferma Christopher Krohn, professore associato di marketing presso la Booth School of Business dell’Università di Chicago. Krohn nota che all’inizio del caso, Epic temeva che Apple potesse interrompere del tutto l’accesso all’App Store, minacciando l’onnipresente Unreal Engine di Epic. Ma il giudice Yvonne Gonzalez Rogers ha bloccato quella mossa. Nel frattempo, nello scenario peggiore di Apple, una giuria potrebbe decidere che Apple non può richiedere a tutti gli sviluppatori iOS di utilizzare l’App Store, colpendo un principio fondamentale della piattaforma.

La giuria potrebbe anche concludere che Apple può mantenere l’esclusività dell’App Store, ma non può obbligare gli sviluppatori a utilizzare il suo sistema di acquisto in-app. Anche se sarebbe meno dirompente, è comunque un grosso problema. Gli acquisti in-app, inclusi gli abbonamenti a innumerevoli servizi non di gioco come Spotify, sono una parte enorme dell’attività di Apple. Apple ha ridotto la commissione del 30% sull’App Store al 15% per gli sviluppatori più piccoli, ma secondo una stima esterna, quegli sviluppatori rappresentavano una piccola parte delle sue entrate. Perdere denaro dai grandi giocatori renderebbe l’App Store molto meno redditizio per Apple, ed è un forte incentivo per l’azienda a respingere i servizi di terze parti basati su abbonamento, che, in questo momento, dominano gran parte dell’ecosistema delle app.

Epic sta affrontando una dura battaglia. L’applicazione delle norme antitrust negli Stati Uniti ha languito negli ultimi dieci anni, in parte perché lo standard per i danni ai consumatori è scivoloso in un mondo in cui tanti servizi sono gratuiti. La senatrice Amy Klobuchar (D-MN), uno dei più grandi sostenitori della riforma antitrust del Congresso, ha definito le cause private antitrust “molto difficili da vincere” in una recente intervista. “Non è semplice, ma probabilmente Apple ha un vantaggio”, conclude Michael Cusumano, vice decano della MIT Sloan School of Management. E chi vince la causa, il perdente farà quasi certamente ricorso, il che potrebbe ritardare i risultati concreti del processo.

Detto questo, il processo è solo una parte di una più ampia spinta antitrust contro Apple, e anche se la società vincesse in tribunale, il processo potrebbe rivelarsi un punto di svolta politico nella lotta per sciogliere l’app store. Nelle prossime tre settimane, i dirigenti di Apple – tra cui il CEO Tim Cook – saranno interpellati per ore sulla storia dell’azienda e sulle pratiche commerciali, comprese le minuzie su come le app vengono riviste e su quanto sia sicuro l’iPhone. Eventuali commenti poco lusinghieri, come l’affermazione di una deposizione secondo cui i dipendenti di App Review “stavano portando un coltello da burro in plastica per uno scontro a fuoco”, potrebbero fornire cibo per legislatori e agenzie di controllo. Il processo offre anche una nuova soapbox agli sviluppatori iOS scontenti come Match Group, che ha inviato un testimone al Congresso la scorsa settimana ed è programmato per testimoniare anche nel prossimo processo.

Documenti giudiziari epici sollevano anche questioni che sono tangenziali alla sua denuncia ma fondamentali per il più ampio dibattito sull’antitrust. Ciò include la strategia di integrazione verticale di Apple, un sistema in cui costruisce dispositivi incredibilmente popolari come l’iPhone, quindi compete direttamente con le aziende che producono app e accessori per loro.

L’Unione Europea ha già preso di mira le pratiche dell’App Store di Apple. La scorsa notte, l’UE ha emesso accuse antitrust sul problema esatto che ha scatenato il processo Epic: Apple che richiede agli sviluppatori di utilizzare il suo sistema di acquisto in-app. Questo caso è limitato specificamente ai servizi di streaming musicale come Spotify, ma potrebbe espandersi agli ebook e ad altri acquisti digitali. “Questo non è l’ultimo caso che avremo quando si tratta di App Store”, ha avvertito questa mattina il commissario europeo Margrethe Vestager.

Se il caso di Epic fallisce, i legislatori statunitensi potrebbero usarlo per sostenere che la legge stessa è stata infranta. Klobuchar ha individuato la tassa Apple come un esempio di comportamento anticoncorrenziale impazzito, chiedendo nuovi standard che si applicherebbero non solo alla tecnologia ma all’intero mondo aziendale. Rispetto a un tribunale che ha fatto saltare in aria l’ecosistema iOS, è ancora una vittoria per Apple, ma significa che la causa legale di Epic potrebbe lasciare un segno ben oltre il verdetto della giuria.

Con segnalazione di Elisabetta Lopatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.