Mighty è un browser web virtuale da $ 30 al mese che promette meno fan, più velocità

Non importa quanto migliorino i browser web, sembra che non riescano a tenere il passo con tutto ciò che vogliamo fare. Apri una scheda di troppo su un laptop di pochi anni e la ventola inizia a girare, la durata della batteria diminuisce, il sistema inizia a rallentare. Un PC più veloce o più pulito potrebbe risolverlo, ma una startup chiamata Mighty ha un’idea diversa: un browser Web da $ 30 al mese che risiede nel cloud.

Invece del tuo computer fisico che interagisce con ogni sito web, esegui lo streaming di un file a distanza browser web invece, uno che vive su un potente computer a molte miglia di distanza con la propria connessione a Internet a 1.000 Mbps.

All’improvviso, la tua connessione Internet decente si sentirebbe come una delle connessioni Internet più veloci al mondo, con i siti Web che si caricano quasi istantaneamente e le app Web intense che funzionano senza problemi senza monopolizzare la RAM, la CPU, la GPU e la batteria, indipendentemente dal numero di schede che hai si è aperto – perché l’unica cosa il tuo il computer sta effettivamente trasmettendo in streaming un video di quel computer remoto (molto simile a Netflix, YouTube, Google Stadia, ecc.) mentre invii i comandi della tastiera e del mouse al cloud.

Scettico? Sicuramente lo sono, ma forse non per il motivo che potresti pensare – perché ho provato questa idea esatta quasi dieci anni fa, e funziona assolutamente nella pratica. Nel 2012, il pioniere del cloud gaming OnLive ha introdotto un browser Web desktop virtuale che ti consente di caricare siti Web completi su un iPad in un batter d’occhio e riprodurre in streaming video 4K da YouTube. (Piuttosto l’impresa nel 2012!) L’ho definito il browser web più veloce che tu abbia mai usato e il prezzo richiesto di OnLive era di soli $ 5 al mese.

Anche i fornitori di desktop cloud come Shadow hanno offerto funzionalità simili; quando si noleggiano i loro PC da gioco nel cloud ($ 12-15 al mese), è possibile utilizzare i browser Web integrati di quei PC virtuali per ottenere velocità simili, grazie al fatto che in genere vivono in data center con molto pochi salti verso (e possibilmente accordi di peering diretto con) le principali reti di distribuzione di contenuti.

Mighty sostiene che concentrandosi sul browser (piuttosto che ricreare un intero PC Windows), può dare a più persone ciò che desiderano effettivamente. “La maggior parte delle persone desidera un’esperienza in cui il sistema operativo sottostante e l’applicazione (il browser) interagiscano perfettamente anziché dover domare due esperienze desktop”, ha commentato il fondatore Suhail Doshi Notizie hacker. Mighty afferma che eliminerà i cookie e gli annunci che distraggono, ti avviserà automaticamente delle riunioni Zoom, della ricerca rapida di Google Documenti e presumibilmente di altre integrazioni in arrivo. Mighty dice anche che crittografa i tuoi dati e le sequenze di tasti, tra le altre promesse di sicurezza.

Ma non è del tutto chiaro il motivo per cui costa così tanto di più, o chi sarebbe disposto a pagare $ 30 al mese per un tale abbonamento: penseresti che il tipo di persone che possono permettersi una bolletta mensile del browser oltre alla bolletta Internet mensile lo farebbero essere lo stesso tipo di persone che possono permettersi un PC più veloce e Internet più veloce per cominciare. La fibra gigabit è già una realtà per alcune case, e non è che Mighty trasformerà la tua incerta connessione 25/3 in una gigabit; mentre Doshi mi dice che tecnicamente funzionerà con una connessione a 20 Mbps, dice che sta prendendo di mira le famiglie con più di 80 Mbps in questo momento.

Inoltre, non è che tutti abbiano una reale scelta di provider di servizi Internet, indipendentemente da quanti soldi guadagnano. Come sottolinea di seguito Jürgen Geuter (alias tante), questo sembra più un’accusa che un’innovazione. È passato un decennio e non abbiamo ancora risolto questi problemi.

sono d’accordo con il mio collega Tom: Voglio sinceramente sapere chi pagherebbe effettivamente per questo e perché. Vorresti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *