Il dirigente di Apple Eddy Cue voleva portare iMessage su Android nel 2013

Eddy Cue ha spinto a portare iMessage su Android già nel 2013, secondo una nuova deposizione reso pubblico come parte del caso Epic. Attualmente VP senior di software e servizi di Apple, Cue voleva dedicare un team completo al supporto di iMessage su Android, solo per essere annullato da altri dirigenti.

È probabile che la linea di interrogatorio svolga un ruolo significativo nella causa antitrust di Epic, che sostiene che l’esclusività dell’app store iOS rappresenta un uso illegale del potere di mercato. Epic ha chiarito in precedenti documenti che intende rendere l’esclusività di iMessage parte di tale argomento, citando un’e-mail del 2016 di Phil Schiller che sostiene che l’espansione di iMessage “ci farà più male che aiutarci”.

L’ultima deposizione cita uno specifico scambio di e-mail tra Cue e Craig Federighi, attualmente SVP di ingegneria del software di Apple, a partire dal 7 e 8 aprile 2013. Lo scambio è avvenuto dopo la diffusione di notizie che Google aveva tentato di acquistare WhatsApp per $ 1 miliardo. Secondo lo scambio, Cue ha preso le voci come un segno che iMessage dovrebbe espandersi su Android per consolidare la presa di Apple sulle app di messaggistica.

(Nota: abbiamo ricostruito l’email sulla base di parti verificate nella deposizione poiché l’esposizione sottostante non è stata ancora resa pubblica. Gli errori di battitura sono stati corretti in tutto.)

Cue: Abbiamo davvero bisogno di portare iMessage su Android. Ho avuto un paio di persone che indagano su questo, ma dovremmo andare a tutta velocità e renderlo un progetto ufficiale … Vogliamo perdere una delle app più importanti in un ambiente mobile per Google? Hanno ricerca, posta, video gratuiti e una rapida crescita nei browser. Abbiamo la migliore app di messaggistica e dovremmo renderla lo standard del settore. Non so in quali modi possiamo monetizzarlo, ma non ci costa molto da gestire.

Federighi: Hai qualche idea su come rendere il passaggio a iMessage (da WhatsApp) avvincente per le masse di utenti Android che non hanno molti amici iOS? iMessage è una bella app / servizio, ma per convincere gli utenti a cambiare social network avremmo bisogno di più di un’app leggermente migliore. (Questo è il motivo per cui Google è disposta a pagare $ 1 miliardo – per la rete, non per l’app.) … In assenza di una strategia per diventare il servizio di messaggistica principale per [the] la maggior parte degli utenti di telefoni cellulari, sono preoccupato [that] iMessage su Android servirebbe semplicemente a rimuovere un ostacolo alle famiglie di iPhone che offrono ai loro figli telefoni Android.

Altrove nella deposizione, Cue dice: “Ricordo il tempo in cui volevo fare un’app iMessage su Android noi stessi”.

“Ci sarebbe stata compatibilità incrociata con la piattaforma iOS in modo che gli utenti di entrambe le piattaforme avrebbero potuto scambiarsi messaggi?” l’interrogante risponde.

“Quella era certamente la discussione e il punto di vista che avevo”, dice Cue.

La discussione di Cue con Federighi specchia precedente confusione su FaceTime, che Steve Jobs si era inizialmente impegnato a rendere disponibile come standard aperto, ma alla fine limitato ai dispositivi iOS. La disponibilità di iMessage è stata un punto dolente nella rivalità tra Android e iOS, con le “bolle verdi” di iMessage che attribuiscono un significativo stigma sociale ai telefoni Android.

Otto anni dopo, sembra improbabile che iMessage arriverà mai su Android, ma un altro passaggio nella deposizione suggerisce che Cue non sia ancora del tutto conquistato dal caso di Federighi.

“Credi che non avere iMessage su Android abbia creato un ostacolo per le famiglie che offrono ai loro figli telefoni Android?” l’interrogante chiede a Cue nella deposizione.

“No, per niente”, risponde Cue.

Il deposito è riprodotto integralmente di seguito; le parti rilevanti iniziano a pagina 54.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *